Opzioni Binarie: opinioni, strategie di trading, demo e broker
EnglishItalian

Azioni Banco Popolare: Quotazione e grafico in tempo reale: come investire

La quotazione Banco Popolare, contrariamente a quello che si può pensare, non è un argomento di nicchia. Sono infatti tanti gli italiani che scelgono di investire in azioni Banco Popolare. La geografia dei possessori di azioni del Banco ha subito negli ultimi anni una profonda trasformazione parallela a quella della banca stessa.

Banco Popolare

Un tempo, infatti, il Banco Popolare era radicato solo in Veneto con epicentro Verona. La progressiva fusione per incorporazione di altri istituti ha portato la banca scaligera ad allargare i suoi confini. La crescita della rete riconducibile a Banco Popolare si è tradotta in un progressivo allargamento dell’azionariato ben al di fuori del Veneto. Lo step successivo è poi stato rappresentato dall’avvento della rete tanto che oggi si parla di azionariato quasi diffuso per Banco Popolare.

L’Istituto scaligero, per molto tempo ha offerto un’immagine di se molto particolare: banca popolare con radicamento territoriale e forte apertura verso l’esterno. Questa immagine si è consolidata anche in borsa, almeno fino al 2016. Nell’anno in corso, infatti, anche Banco Popolare ha dovuto fare i conti con le tensioni del settore bancario italiano.

 

Quotazione Banco Popolare oggi: grafico Azioni Banco Popolare in tempo reale



La sviluppo della tecnologia e l’applicazione della stessa alle dinamiche di Borsa, permette di visualizzare la quotazione Banco Popolare in tempo reale su numerosi siti del tutto gratuiti. E’ infatti sufficiente entrare nella sezione specifica di Yahoo Finance per poter consultare il grafico sulla quotazione real time di Banco Popolare. Una simultaneità simile e soprattutto di massa era praticamente impensabile fino ad alcuni anni fa.  La consultazione dei grafici sull’andamento del titolo è importante per avere un’idea di quello che è stato lo storico della quotazione. Come vedremo nei paragrafi successivi questo passo è fondamentale se si vuole investire in Banco Popolare.

I grafici, partendo dalla quotazione di oggi di Banco Popolare, possono delineare previsioni sull’andamento del futuro. I trend di Borsa, infatti, non sono causati solo da specifiche notizie ma anche da quello è è lo storico delle quotazioni. In pratica, fermo restando l’influenza del market mover, le oscillazioni delle azioni Banco Popolare ripropongono sempre schemi molto simili.

Per questo motivo è sempre consigliabile prendere visione di grafici non solo circoscritti a 1 mese o a 6 mesi ma soprattutto ad 1 anno, a 3 e a 5 anni. L’analisi tecnica più efficace su Banco Popolare è frutto di uno studio che va molto a ritroso nel passato. A sua volta, ma migliore strategia di investimento sulle azioni Banco Popolare nasce da un’analisi tecnica molto approfondita.

Per quanto concerne la quotazione di oggi di Banco Popolare, il prezzo delle azioni rispetto al luglio 2011 (5 anni fa) è passato da 8 euro per azione all’attuale area 2,5/3 euro per azione. Un fallimento completo? Adottando il punto di vista dell’investitore assolutamente no e per arrivare a questa conclusione si devono appunto usare i grafici sulle azioni Banco Popolare. Solo confrontando i grafici si nota che la discesa all’attuale prezzo non è stata costante. La quotazione Banco Popolare, infatti, è sempre stata caratterizzata da numerosissime oscillazioni di prezzo. Addirittura appena un anno fa (luglio 2015) il prezzo dell’azione era quasi arrivato ad abbattere il muro dei 12 euro.

Ognuno di questi alti bassi, molto visibili dal grafico sull’andamento delle azioni Banco Popolare, si sono annidati guadagni e anche perdite da parte degli investitori.

 

Banco Popolare: storia e informazioni

Banca Popolare Italiana

Banco Popolare nasce nel 2007 dalla fusione tra il Banco Popolare di Verona e la Banca Popolare Italiana. Grazie a una serie di processi di aggregazione, il Banco Popolare è presto diventato una delle big del comparto delle popolari. I processi di fusione hanno portato la banca veronese ad avere una diffusione estesa su praticamente tutto il territorio nazionale. L’ampliamento della rete non ha portato a mutazioni su quella che è sempre stata la mission e l’organizzazione interna del Banco Popolare.

L’istituto, infatti, fedele alla sua natura di banca popolare, è sempre stato al servizio del territorio e delle famiglie con un impegno costante verso i soci azionisti. La natura cooperativa dell’istituto, espressa nella formula del cosiddetto voto capitario, ha per lungo tempo permesso a Banco Popolare di ampliare la sua rete inseguendo le big del settore bancario senza mai vedersi minacciata nella propria autonomia.

A seguito delle turbolenze finanziarie che hanno investito la zona Euro, però, quello che era un punto di forza di Banco Popolare si è trasformato in un punto di debolezza. Il governo Renzi, infatti, nel 2015 per rendere più solido il sistema bancario italiano e procedere ad una razionalizzazione di tutto il comparto ha approvato il cosiddetto decreto sulle banche popolari. Il provvedimento legislativo oltre ad obbligare le banche popolari a trasformarsi in società per azioni da cooperative, eliminando quindi la vecchia regola del voto capitario, ha anche sollecitato le fusione tra istituti. Il decreto va inquadrato nella consapevolezza che, a seguito delle turbolenze finanziarie, troppe banche di medie dimensioni non fossero una risorsa dell’Italia ma un potenziale problema.

Il Banco Popolare è stata una delle prime popolari a dare attuazione al provvedimento dell’esecutivo e a cercare seriamente la strada per una integrazione con un altro players. Dopo alcuni mesi interlocutori, e caratterizzati da indiscrezioni di ogni tipo, l’interlocutore privilegiato fu individuato nella Banca Popolare di Milano.

I due istituti hanno messo nero su bianco un piano di fusione che ha avuto il via libera della Banca Centrale Europea a precise condizioni. L’ok dell’EuroTower, infatti, è arrivato solo dopo che il Banco ha accettato di varare un ennesimo aumento di capitale. La ricapitalizzazione ha spianato la strada a questa storica fusione ma non ha potuto impedire che lo stesso Banco Popolare fosse costretto a fare i conti con il problema dei crediti in sofferenza, come tutte le banche italiane.

La sede del Banco Popolare è Piazza Nogara 2 Verona. Per quanto riguarda i contatti per avere informazioni su dividendo, sui bilanci e su come comprare azioni Banco Popolare, il riferimento è Tom Lucassen. L’investir relations è raggiungibile al seguenti indirizzo E-mail: investor.relations@bancopopolare.it
Il telefono dell’ufficio per avere informazioni è +39 045 8675537 e il Fax è +39 0458675131.

 

Principali azionisti di Banco Popolare

Come tutte la banche popolari, anche il Banco Popolare è sempre stato considerato coma una sorta di banca del territorio. Gli azionisti del Banco Popolare, infatti, erano spesso gli stessi obbligazionisti e correntisti. Avendo un forte radicamento territoriale ed essendo impostata come cooperativa, infatti, il Banco Popolare forniva ai suoi clienti la possibilità di comprare azioni presso gli sportelli nell’ambito di normali procedure di investimento. Questo sistema è rimasto in piedi per molto tempo prima di essere sostituito dalla nuova finanza legata a internet.

In base ai più recenti dati disponibili, al 31 dicembre 2015 risultavano essere in circolazione 362.179.606 azioni ordinarie Banco Popolare. L’aumento di capitale di luglio 2016 concernente 465.581.304 azioni ordinarie (per un controvalore complessivo di Euro 996.343.990,56 in ragione del rapporto di opzione di n. 9 nuove azioni ogni n. 7 detenute), ha portato le azioni ordinarie Banco Popolare in circolazione a quota 827.760.910 azioni.

Non essendo stata ancora completata la trasformazione in società per azioni, vale sempre la regola propria delle forme cooperative per la quale nessuno può detenere azioni in misura eccedente lo 1,00% del capitale sociale ovvero il 3,00% nel caso di fondazioni bancarie. I maggiori azionisti del Banco Popolare, quindi, restano appunto le migliaia di soci dell’istituto stesso mentre, per quello che riguarda le quote rilevanti in mano agli istituzionali, posizioni significative occupano la Norges Bank e la Cassa di Risparmio di Lucca. La Norges Bank ha in mano una quota pari al 3,464% mentre la  Cassa di Risparmio di Lucca è al 2,891%.

 

Migliori piattaforme di trading per investire in Borsa / Azioni Banco Popolare

piattaforme trading

La strada obbligata per comprare azioni Banco Popolare è sempre stata la stessa filiale di Banco Popolare. Chi sceglieva di investire in azioni Banco Popolare, inoltre, ricorreva spesso anche alle Società di Gestione del Risparmio. Questo modo di giocare in borsa è stato profondamente trasformato dall’avvento di internet. La rete, infatti, ha prima permesso di gestire in modo molto più veloce gli ordini di acquisto e vendita di azioni Banco Popolare e poi ha cambiato completamente le carte in tavola. In pratica se per investire in azioni Banco Popolare era necessario comprare gli stessi titoli, con l’espansione delle piattaforme di trading online, si può investire sulla quotazione Banco Popolare senza comprare i titoli della banca scaligera. Si tratta di una rivoluzione epocale e di una occasione che permette praticamente a tutti di investire in Borsa.

Per scommettere oggi sull’andamento di Banco Popolare serve semplicemente una connessione a internet e un conto reale su una piattaforma trading. Sotto questo punto di vista, problematiche potrebbero sorgere solo nell’individuazione delle piattaforme più idonee per questo genere di attività. Come spesso accade quando ci sono delle novità, infatti, in tanti nutrono dubbi sulla sicurezza dei nuovi sistemi.

Non passa quindi giorno che investitori alle prime armi con il trading online, si chiedano se questa attività sia effettivamente sicura. In tanti, infatti, sono arrivati a pensare che il trading online sia una truffa. In realtà fare trading è assolutamente sicuro laddove di scelgano le migliori piattaforme, quelle, ossia, che sono espressamente autorizzate ad operare. Le scelte possibili per investire in azioni Banco Popolare sono tante. Ciascun broker, infatti, presenza punti di forza e di debolezza.

La scelta deriva da quelle che sono le caratteristiche stesse dell’investitore. Per investire oggi sulla quotazione Banco Popolare, è possibile conoscere le diverse piattaforme ancora prima di “gettare” denaro reale. Grazie alla modalità demo, infatti, si possono studiare i grafici sulla quotazione Banco Popolare disponibili e fare trading in assoluta tranquillità e senza sborsare un solo centesimo. Il conto in versione demo disponibile su tutte le migliori piattaforme per investire in azioni Banco Popolare è una sorta di sessione di esercitazione permanente.

Migliori piattaforme di Trading & Forex
#BrokerDettagli
1 Markets.com Bonus: Fino a 2500 €
Payout: CYSEC, FSA, MIFID
Deposito min: 100 €
Visita Markets.com Opinioni Markets.com 5 stelle
2 FXpro.it Bonus: Demo gratuita
Payout: CySEC - FSB
Deposito min: € 100
Visita FXpro.it Opinioni FXpro.it 5 stelle
3 Xtrade Bonus: 25 € gratuiti
Payout: CySEC-CONSOB-ASIC
Deposito min: 100 €
Visita Xtrade Opinioni Xtrade 5 stelle
4 eToro Bonus: 20$ gratis
Payout: CySEC-CONSOB-BaFin
Deposito min: 200 $
Visita eToro Opinioni eToro 5 stelle
5 BDSwiss Bonus: 100 €
Payout: CySEC
Deposito min: 100 €
Visita BDSwiss Opinioni BDSwiss 5 stelle
6 Plus500 Bonus: 25€ gratuiti
Payout: FCA-CySEC-ASIC
Deposito min: 100 €
Visita Plus500 Opinioni Plus500 5 stelle

 

Investire in azioni Banco Popolare: Comprare o Vendere ? Previsioni

fusione bpm banco popolare

La domanda che ogni investitore si pone ogni giorno guardando al suo portafoglio azionario è sempre la stessa: conviene comprare o vendere azioni Banco Popolare? Una risposta a questo interrogativo non è possibile in borsa e non è possibile neppure nell’ambito del trading online. Le variabili che devono essere tenute in considerazione per elaborare delle previsioni sull’andamento della quotazione Banco Popolare, infatti, sono tante.

Ferno restando che il rischio- investimento non può mai essere del tutto eliminato, è ovvio che ci siano delle studi e delle strategie che possono permettere di avere una stima sul possibile andamento della quotazione del Banco.

In termini generali, infatti, un titolo di Borsa è sempre influenzato dalle notizie e dalle indiscrezioni (più le seconde) sul suo conto. Se ad esempio viene diffusa una notizia su un aumento dei ricavi di Banco Popolare, la reazione del mercato non può che essere positiva. Questo citato è però una sorta di caso limite perché, in realtà, a far comprare azioni Banco Popolare non è di per se la notizia sui ricavi ma i rumors sul possibile aumento dei ricavi.

In borsa, si compra e si vende, quindi, prima della diffusione delle stesse notizie ufficiali. Sotto questo punto di vista, avere accesso a indiscrezioni di prima mano, è chiaramente una spinta in più. Le informazioni riservate sono però appannaggio di pochi. E tutti gli altri investitori? Anche loro possono sapere se conviene o no investire in Banco Popolare, studiando l’andamento dei grafici storici ossia ricorrendo all’analisi tecnica. Tranne in sporadici casi di rottura, infatti, un titolo si muove sempre seguendo trend ben precisi. Esistono resistenze sui grafici storici che difficilmente possono essere superate e che quindi vanno sempre ben tenute in considerazione quando si deve decidere se comprare o vendere azioni Banco Popolare.

Accanto al quadro generale e all’analisi tecnica, poi, c’è un terzo elemento alla base dell’andamento dei un titolo. Un’azione, infatti,  deve avere in primo luogo ragioni di visibilità. Se un titolo non attende conti particolarmente brillanti e non è al centro di processi particolari, allora quel titolo non dovrebbe essere soggetto a variazioni significative della sua quotazione. Viceversa se quel titolo è al centro di operazioni particolari il discorso cambia. E’ questo, appunto, il caso della quotazione Banco Popolare. Il motivo principale alla base della visibilità di Banco Popolare è rappresentato dal dossier relativo alla fusione con la Popolare di Milano.

L’integrazione tra i due istituti è data per certa ma il lungo iter previsto per raggiungere l’obiettivo potrebbe creare lo spazio per movimenti significativi di prezzo. Se si guarda alla fusione tra Banco Popolare e la Popolare di Milano è ovvio che si assume un approccio di lungo periodo. Per cercare di trarre il massimo del profitto detenendo in portafoglio azioni Banco Popolare per un lungo periodo è ovvio che si debba essere degli investitori professionisti. Serve, infatti, una forte base psicologica e una buona preparazione pratico-teorico per riuscire a non cedere alla tentazione di vendere, anche se la quotazione Banco Popolare dovesse precipitare, in vista di un probabile successivo rialzo.

Gli analisti, dal canto loro, non sono affatto convinti che il dossier relativo alla fusione con BPM basti da solo per sostenere la quotazione Banco Popolare. L’effetto positivo insito nel progetto di integrazione deve fare i conti con il momento decisamente sfavorevole che le banche italiane stanno vivendo in questa prima parte dell’anno. Il problema dei Non Performing Loans, infatti, sta toccando praticamente tutti i titoli. E’ proprio in questo contesto che va inserito il recente downgrade che ha colpito Banco Popolare. Gli esperti di Berenberg, infatti, hanno portato il loro giudizio sul Banco dal precedente hold appunto mantenere a sell ossia vendere.

La previsione di Berenberg sulle azioni Banco Popolare è chiara: il forte deficit di capitale, quantificabile in ulteriori 2,7 miliardi, annulla la possibile ripartenza connessa con il dossier fusione con BMP. Da qui il consiglio di vendere azioni Banco Popolare sul lungo periodo.

Per quello che riguarda invece il breve periodo, spunti interessati potrebbero arrivare dai prossimi stress test dell’Eba. Banco Popolare è infatti tra gli istituti italiani che sono finiti sotto esame. I test non dovrebbero grandi sorprese con Banco Popolare che, pur non essendo considerata la maglia nera, è comunque collocabile tra gli istituti con maggiori criticità. Secondo gli ultimi report la banca scaligera non avrebbe bisogno di un ulteriore rafforzamento patrimoniale. Ad ogni modo Banco Popolare è certamente da preferire a Monte dei Paschi, la banca italiana maggiormente esposta alla piaga dei crediti deteriorati.

Per stabilire se comprare o vendere azioni Banco Popolare, si deve sempre guardare a quello che è il grafico relativo all’andamento storico del titolo. Passiamo ossia dal campo dell’analisi fondamentale a quello dell’analisi tecnica. E’ da inizio giugno che la quotazione Banco Popolare non riesce a rompere la resistenza a quota 3,087 euro. Un tentativo di superare questo muro c’è stato pochi giorni prima della Brexit, precisamente il 23 giugno. In quella circostanza il prezzo dell’azione Banco Popolare era arrivato a 3,03 euro. L’assalto alla resistenza però era naufragato a seguito del crollo della borsa e da allora la quotazione del Banco si è tenuta addirittura sotto ai 2,5 euro. Lo spazio per ritornare in area 3,087 euro c’è se si va a guardare ai grafici Banco Popolare ma serve un miglioramento generalizzato del contesto che stando alle previsioni non si vede. Comprare azioni Banco Popolare nel breve periodo, quindi, resta una scommessa con forti rischi.

 

Modello di Business di Banco Popolare

business Banco Popolare

Il modello di business del Banco Popolare è stato, per lunghi anni, quello proprio delle banche popolari. Come tutti gli istituti organizzati su base cooperativa, il Banco Popolare ha puntato sulla realizzazione di rapporti stretti e duraturi con le piccole e media imprese e le famiglie. Questa ricetta è stata alla base del radicamento territoriale dell’istituto e della sua piena integrazione con la struttura sociale di inserimento. In quest’ottica Banco Popolare si è fatto portatore di una visione solidarista di fare ed essere banca.   Il relationship banking che è il modello proprio di tutte le banche popolari ha permesso di raggiungere obiettivi molto significativi come l’allargamento della propria base sociale, l’espansione delle attività e, in ultimo, il rafforzamento costante dell’immagine della categoria.

La recente crisi bancaria ha però messo in evidenza le contraddizioni insite in un modello che era diventato solidaristico solo di facciata. La riforma delle banche popolari fortemente voluta dal governo ha puntato proprio a superare questa contraddizione. Banco Popolare, come tutte le altre  big del settore, è diventata troppo grande per sottostare alle vulnerabili regole delle cooperative. Il nuovo modello di Business vedrà sempre un Banco Popolare attento al territorio ma anche con le caratteristiche strutturali per compere in un sistema di mercato.

 

Opportunità e rischi di investire in Banco Popolare

rischi opportunita

Stabilire se comprare o vendere azioni Banco Popolare, deriva da una disamina comparativa di rischi e opportunità dell’investimento nella banca scaligera. I rischi si dividono in comuni a tutto il settore bancario e specifici alla sola Banco Popolare.

Tra i principali rischi comuni c’è certamente quello sistemico. Le banche, infatti, sono legate a doppio filo all’economia di una nazione e, purtroppo, l’Italia non sta mostrando seri segnali di ripartenza. Il Pil dell’Italia, infatti, cresce ad un ritmo talmente prudente che la ripresa economica è sempre più spostata in avanti. Alla luce di questa situazione, è ovvio che gli istituti, compreso il Banco Popolare, non ha non hanno certamente il terreno ideale per ripartire.

C’è poi un ulteriore problema è quello monetario. La Bce è saldamente attestata sulla linea dei tassi zero e a queste condizioni ripartire per le banche non è facile. Sotto questo punto di vista i tassi al minimo storico stanno avendo solo un effetto di contenimento ma non di vera ripresa visto che il credito alle famiglie e alle imprese resta al palo. Fin qui siamo nell’ambito dei rischi sistemici. Ci sono poi i rischi specifici dovuti allo stato di salute del Banco Popolare. In quest’ambito rientra il problema dei crediti in sofferenza e, più in generale, del rischio bail in. Banco Popolare non dovrebbe avere bisogno di un nuovo rafforzamento patrimoniale ma se non viene messo sul piatto un piano generalizzato del per la cessione degli Npl, per molte banche, compreso il Banco Popolare, potrebbero arrivare nuovi rischi.

Fin qui siamo rimasti nell’ambito negativo. Come sempre avviene in finanza, però, Banco Popolare rappresenta anche una opportunità. Il prezzo della quotazione di Banco Popolare, infatti, è su livelli talmente bassi che una ripartenza potrebbe essere dietro l’angolo. Un primo tentativo di risalire è stato stroncato dalla Brexit ma lo spazio per provare a riagganciare prezzi più in linea con il proprio grafico storico resta immutato. Sotto questo punto di vista, quindi, comprare azioni Banco Popolare potrebbe essere visto come una opportunità anche perché gli elementi di visibilità non mancano.

Gli stessi dati di bilancio aprono prospettive positive sulla quotazione Banco Popolare. L’istituto, infatti, è tornato a conseguire un risultato netto di gestione positivo e il margine finanziario, già negli ultimi trimestre del 2015, ha fatto intravedere una ripartenza.

Anche nel confronto con le altre banche popolari, investire in azioni Banco Popolare, rappresenta in primo luogo una opportunità. Banco Popolare, infatti, si impone come la banca popolare più a buon mercato sulla base del rapporto Price/Book Value (Prezzo/Valore Contabile). Soppesare rischi ed opportunità la strategia vincente per capire se e come investire in azioni Banco Popolare.

 

Negoziare Azioni Banco Popolare attraverso il Trading di CFD

Cfd Banco Popolare

Il trading online è uno dei modi più facili per investire oggi in azioni Banco Popolare. Grazie ad alcuni strumenti finanziari come i Contratti per Differenza o CFD è possibile guadagnare con le azioni Banco Popolare senza essere titolari degli stessi titoli. Una contraddizione? Niente affatto. I CFD, infatti, sono uno strumento legato all’andamento di una azione.

In pratica i contratti per differenza replicano l’andamento dell’azione e quindi se il prezzo della quotazione Banco Popolare sale anche il prezzo del CFD su Banco Popolare aumenta. Come avviene in borsa, con i CFD si guadagna non solo se il prezzo del titolo aumenta ma anche se esso diminuisce attraverso lo short.

Negoziare azioni Banco Popolare attraverso il trading di CFD è alla portata di tutti. L’investitore di borsa, infatti, è un super esperto con agganci giusti mentre il trader può essere davvero chiunque. Non è infatti raro trovare dei semplici impiegati o addirittura degli studenti che, grazie alle giuste strategie, sono riusciti a guadagnare tanto con il trading online. Come mai questo è possibile?

Il trading online di CFD, eliminando tutti i doveri e anche i costi previsti nel caso di investimento di tipo tradizionale in borsa, riduce al massimo le spese da sostenere. Il profitto che si ottiene grazie al trading online, quindi, è quasi tutto guadagno. Ma i vantaggi del trading di CFD non si fermano qui. Grazie alla possibilità di usufruire delle piattaforme demo, infatti, è possibile esercitarsi a lungo prima di iniziare a negoziare azioni Banco Popolare con denaro reale.

Il conto demo è un servizio che viene messo a disposizione dalle migliori piattaforme di trading e che accompagna, passo dopo passo, i trader principianti alla scoperta delle tante funzionalità disponibili sulla stessa piattaforma. Chiaramente tutte le piattaforme per negoziare azioni Banco Popolare attraverso il trading di CFD non solo sono assolutamente sicure ma permettono un elevato livello di personalizzazione. In questo modo ciascun trader avrà ogni giorno quello di cui ha bisogno per negoziare azioni Banco Popolare.

<< Torna a:

Migliori Broker Opzioni Binarie
#BrokerDettagli
1 24option Bonus: 100%
Payout: 89%
Deposito min: 250$
Visita 24option Opinioni 24option 5 stelle
2 IQ Option Bonus: 10000$
Payout: 90%
Deposito min: 10$
Visita IQ Option Opinioni IQ Option 5 stelle
3 BDSwiss Bonus: 100%
Payout: 85%
Deposito min: 100€
Visita BDSwiss Opinioni BDSwiss 5 stelle
4 Optionweb Bonus: Risk Free Trade
Payout: 90%
Deposito min: 200$
Visita Optionweb Opinioni Optionweb 5 stelle
5 Banc De Binary Bonus: 10000$
Payout: 90%
Deposito min: 250$
Visita Banc De Binary Opinioni Banc De Binary 4 stelle
Miglior Robot Opzioni Binarie
Broker Azioni Banco Popolare: Quotazione e grafico in tempo reale: come investire Visita Azioni Banco Popolare: Quotazione e grafico in tempo reale: come investire Opinioni Binary Option Robot 4 stelle
Meteofinanza.com

Meteofinanza.com