Opzioni Binarie: opinioni, strategie di trading, demo e broker - Oggi è martedì, 17 gennaio 2017
EnglishItalian

FTSE MIB: grafico, quotazione in tempo reale e analisi tecnica settimanale

QUOTAZIONE FTSE MIB in tempo reale




Il FTSE MIB 40 rappresenta l’indice azionario legato all’andamento delle 40 aziende più influenti della borsa italiana.

Cos’è il FTSE MIB 40

Il FTSE MIB 40 lo possiamo definire come il più importante indice azionario inerente la Borsa italiana. In precedenza era conosciuto con il nome di S&P Mib, ma dal 01 Giugno 2009 in poi, ha subito il cambiamento del nome e si trasforma in FTSE MIB  in seguito anche alla fusione tra Borsa Italiana e il London Stock Exchange inglese.

Il FTSE MIB rappresenta al momento l’80% circa della capitalizzazione del mercato azionario italiano ed è composto dalle azioni delle 40 maggiori società italiane più quotate sul mercato gestito da Borsa Italiana. Tradotto letteralmente, FTSE MIB  sta per Financial Times Stock Exchange Milano Indice di Borsa.

Analisi Tecnica FTSE MIB settimanale 16-20 Gennaio 2017

Si è conclusa con un calo dell’ 1%, rispetto alla chiusura dell’ ottava precedente, la seconda settimana di questo 2017 per l’ indice Ftse Mib. Il principale paniere azionario italiano, grazie ad un balzo dell’ 1,90% ( close 19.514 punti ) fatto registrare lo scorso Venerdì, è riuscito a riacciuffare l’ importante sostegno di breve periodo, messo in serio pericolo quando, a pochi minuti dalla fine della seduta di scambi di Giovedì, le quotazioni hanno toccato un minimo a 19.092 punti.

GRAFICO FTSE MIB

Bilancio settimanale negativo per il comparto bancario, deboli Unicredit, Banca Intesa SanPaolo e BMP, mentre UBI Banca si è distinta con un rialzo a cinque giorni del 14%, dopo aver risolto a proprio favore il nodo delle Good Banks. UBI , infatti si è aggiudicata, al prezzo simbolico di 1 Euro, Nuova Banca Marche, Nuova Banca Etruria, Nuova Cassa di risparmio di Chieti.

La banca dovrà farsi carico di un aumento di capitale da 400 milioni di euro perché i benefici fiscali saranno disponibili, soltanto quando le acquisite società saranno in utile. Le tre banche incorporate da UBI, infatti, dovrebbero chiudere in pareggio il 2018, mentre sono attesi 100 milioni di euro di utile nel 2020. I tre istituti di credito acquisiti hanno ricevuto le autorizzazioni per procedere con la vendita al Fondo Atlante, dei 2,2 miliardi di NPL in pancia ai gruppi.

La settimana si era aperta male per l’ indice Ftse Mib, sul cui calo avevano inciso le vendite sui titoli del settore petrolifero, appesantiti del prezzo del greggio, in discesa per l’ ennesimo aumento degli impianti di trivellazione negli USA.

Ftse Mib azzoppato dallo scandalo emissioni che ha coinvolto Fiat Chrysler negli Stati Uniti. FCA, nel corso dell’ ottava che ci siamo appena lasciati alle spalle, ha fatto il bello ed il cattivo tempo. Lo scorso Giovedì, infatti, il titolo della casa automobilistica di Torino ha aggiornato i massimi da Marzo 2015, trainato dalle aspettative di un ritorno all’ utile entro il 2018 e dell’ azzeramento del debito industriale, per poi soccombere con un calo del 16%, dopo che l’ agenzia statunitense EPA ha diffuso la notizia di aver aperto un’ indagine su presunte violazioni delle norme antinquinamento da parte dell’ azienda italo-americana. Gli analisti sono corsi ad abbassare il rating sulla società, pur precisando la differenza con lo scandalo Diesel-Gate che aveva investito Volkswagen.

La multa a cui potrebbe essere sottoposta FCA sarebbe molto inferiore ai 4,6 miliardi di dollari ipotizzati a caldo. Il recupero del 6% di Venerdì ha limitato i danni al titolo in borsa che ha comunque chiuso con un bilancio settimanale negativo superiore ai 7 punti percentuali.

All’ apertura degli scambi di Lunedì, l’indice Ftse Mib sarà atteso ad difficile banco di prova dopo il taglio, dello scorso Venerdì a mercati chiusi, del rating sovrano, ridotto dall’ agenzia DBRS Ratings Limited a “ BBB “ dal precedente “ A “, con la magra consolazione dell’ indicazione di Trend stabile. La misura intrapresa dall’agenzia di rating canadese, l’ unica che ancora manteneva un giudizio “ A “ sul nostro paese, è stata accompagnata da una nota di commento che sottolinea l’incertezza sulla capacità politica di portare avanti gli sforzi connessi alle riforme strutturali e la prolungata debolezza del comparto bancario, in un contesto di crescita debole. Ed ancora, il testo riporta le seguenti motivazioni: “ il livello dei Non-Performing Loans (NPLs) si conferma particolarmente elevato andando a condizionare la capacità del sistema bancario di sostenere l’economia . Nel complesso, “una bassa crescita ha comportato ritardi persistenti nel processo di riduzione del rapporto tra debito e Pil lasciando il Paese esposto a shock negativi”.

Ancora grandi profitti per il nostro Trading System che ha colpito tutti i Target Price della strategia Long, sia nella versione Intraday che Over. Per la bontà delle nostre operazioni vi rimandiamo alla lettura dell’ analisi tecnica della settimana precedente.

La strategia Long prevede l’ apertura di posizioni rialziste nel caso in cui si registri una chiusura oraria maggiore di 19.535 punti, Target Price attesi in area 19.580 e 19.660 punti, Stop Loss in caso di chiusura oraria minore di 19.460 punti. Mantenere la posizione rialzista nel caso in cui si verifichi una chiusura oraria o giornaliera superiore a 19.660 punti, per sfruttare possibili allunghi in area 19.760 e 19.850 punti. Stop Profit in caso di ritorno sotto 19.515 punti in chiusura di candela oraria.

Ancora una volta arricchiamo il nostro Trading System con una terza serie di operazioni sulla forza, attivate in seguito ad una chiusura oraria o giornaliera maggiore di 19.850 punti, e che prevede Target Price a 19.970 punti, 20.130 e 20.270 punti, Stop Loss in caso di ritorno sotto 19.660 punti in chiusura di candela oraria. Suggeriti Long Speculativi in caso di ulteriori affondi in area 18.770 punti, per cercare di sfruttare possibili rimbalzi a quota 18.885 e 18.955 punti. Stop Loss in caso di eventuali discese sotto i 18.640 punti in chiusura di candela oraria.

La strategia Short, invece, prevede l’ apertura di posizioni ribassiste nel caso in cui si registri un close orario minore di 19.460 punti, Target Price a 19.390 e 19.330 punti, Stop Loss in caso di chiusura oraria maggiore di 19.535 punti. Mantenere la posizione ribassista nel caso in cui si assista ad una chiusura oraria o giornaliera minore di 19.330 punti, per cercare di anticipare possibili discese, prima a 19.265 punti e successivamente a 19.160 punti. Stop Profit in caso di ritorno oltre 19.460 punti in chiusura di candela oraria. Ed ancora Short con la perdita in chiusura oraria di quota 19.160 punti sfruttare la pressione ribassista fino a 19.040 e 19.850 punti, Stop Loss in caso di close orario maggiore di 19.330 punti. Suggeriti vendite speculative in caso di ulteriori allunghi fino a 20.290 punti, per cercare di sfruttare possibili pull – back di prezzo a 20.170 e 20.090 punti. Stop Loss in caso di chiusura oraria maggiore di 20.500 punti.

Come sottolineato nelle precedenti rubriche di analisi tecnica sul Ftse Mib, il ritorno in chiusura settimanale oltre i 18.000 punti, persi in occasione del referendum che ha sancito l’ uscita della Gran Bretagna dall’ Unione Europea, ha gettato le basi al rialzo che abbiamo vissuto a cavallo tra il 2016 e l’inizio del nuovo anno. Raggiunti i primi Target ideali di questo movimento impulsivo ( 19.200 -19.400 punti ), l’ indice Ftse Mib ha saputo anche fare meglio, mettendosi alle spalle, in chiusura settimanale, anche la resistenza a 19.400 punti segnalata in precedenza.

A questo punto rimangono pochi ostacoli verso l’ obiettivo ideale di questo rally ( + 23% in due mesi dai minimi di Novembre a ridosso dei 16.000 punti) che identifichiamo a 20.200 – 20.500 punti. Una chiusura settimanale oltre l’ ultimo livello di prezzi appena citato, farebbe mutare anche il quadro di medio-lungo periodo che ritornerebbe positivo ed avrebbe nel mirino, prima i 21.000 punti e successivamente i 22.500 punti circa. Al ribasso fare particolare attenzione al supporto di breve identificato tra i 18.900 ed i 18.800 punti, che se venisse perso in chiusura giornaliera potrebbe far scivolare le quotazioni verso il sostegno di medio periodo che collocheremo a 18.400 punti. Finche l’ indice Ftse Mib si manterrà sopra i 18.400 punti in chiusura settimanale, rimarranno validi i Target di medio indicati in precedenza ( 20.200 – 20.500 punti ), con possibilità di estensioni verso quelli di lungo ( 21.000 -22.000 punti ).

Una chiusura settimana sotto i 18.400 punti, comprometterebbe nuovamente lo scenario di medio – lungo periodo e proietterebbe velocemente le quotazioni prima a 18.000 punti e successivamente a ridosso dei 17.800 punti.

Analisi Tecnica FTSE MIB settimanale – 09-13 Genaio 2017

ANALISI TECNICA FTSE MIB
L’ INDICE FTSE MIB ANCORA SUGLI SCUDI, PRONTO L’ATTACCO AI 20.000 PUNTI

Partenza sprint per l’ indice Ftse Mib che conclude la prima settimana del 2017 con un rialzo di circa il 2,35%, rispetto all’ ultima sessione di scambi del vecchio anno. Chiusura di ottava a 19.687 punti per il principale indice azionario italiano che si lascia alle spalle la resistenza a 19.400 punti segnalata tra le righe della precedente rubrica di analisi tecnica sul Ftse Mib.

Sorretto dalla buona performance dei titoli del comparto bancario, in rialzo grazie all’ effetto traino di Banco BPM ( + 26% ), nato dalla fusione tra Banco Popolare e Banca Popolare di Milano, l’ indice Ftse Mib ha trovato sostegno a ridosso dei 19.200 punti, mentre i 19.810 punti ( max a 5 giorni ) hanno fatto da resistenza.

GRAFICO FTSE MIB

La seduta di Lunedì 2 Gennaio è terminata con un guadagno dell’ 1,7%, grazie al dato migliore delle attese sul PMI manifatturiero italiano che, nel mese di Dicembre è cresciuto a 53,2 punti da 52,2 punti della precedente rilevazione, mentre i pronostici degli analisti non andavano oltre i 52,3 punti. Si conferma nettamente sopra la soglia dei 50 punti che indica espansione, anche il PMI dell’ intera Eurozona ( +54,9 punti ).

Ftse Mib che ha continuato a consolidare sopra la resistenza intermedia a 19.400 punti, sorretto come tutte le altre principali borse mondiali, dalle buone indicazioni economiche arrivate dalla Cina, il cui PMI manifatturiero a Dicembre è salito a 51,9 punti, in deciso aumento dai 50,9 punti rilevati a Novembre. Timori di rallentamento dell’economia globale che quindi si allontanano, grazie ai dati cinesi che, oltre al PMI manifatturiero, hanno sfornato anche un dato del sotto indice della produzione in salita ai massimi da 6 anni. Un’ ulteriore ventata di ottimismo sul fronte macroeconomico è arrivata anche grazie alla lettura dell’indice ISM manifatturiero statunitense che, a Dicembre, attestandosi su un valore di 54,7 punti ha raggiunto il suo massimo a 2 anni.

La seconda parte della settimana di scambi sull’ indice Ftse Mib è stata caratterizzata da un continuo saliscendi delle quotazioni, tra 19.500 e 19.700 punti. Piazza Affari è rimasta frenata rispetto alle altre piazze finanziarie europee a causa dal brutto dato sul PMI italiano relativo alle vendite al dettaglio del mese di Dicembre che ha fatto segnare un calo a 47,9 punti dai precedenti 48,8 punti, mentre negli altri stati della UE l’ indice si è attestato ovunque al di sopra dei 50 punti.

Promettente, invece, il finale di settimana del Ftse Mib, su cui si sono distinti il titolo FCA ( +6,97% ), in rally grazie agli ottimi giudizi delle case d’ affari che hanno assegnato al titolo della casa automobilistica torinese Target Price che vanno dai 12 ai 16 Euro per azione, ed ancora una volta Banco BPM che ha beneficiato delle indiscrezioni secondo cui il nuovo istituto di credito sarebbe pronto a cedere 640 milioni di Euro di crediti in sofferenza.

Si chiude con degli ottimi profitti la prima settimana del nuovo anno per il nostro sistema operativo che ha centrato ben sei dei cinque Target Price attesi dalla strategia Long, sia in modalità Intraday che Over.

La strategia Long prevede l’ apertura di posizioni rialziste nel caso in cui si registri una chiusura oraria maggiore di 19.720 punti, Target Price attesi in area 19.830 e 19.880 punti, Stop Loss in caso di chiusura oraria minore di 19.555 punti. Mantenere la posizione rialzista nel caso in cui si verifichi una chiusura oraria o giornaliera superiore a 19.880 punti, per sfruttare possibili allunghi in area 19.955 e 20.025 punti. Stop Profit in caso di ritorno sotto 19.300 punti in chiusura di candela oraria. Ancora una volta arricchiamo il nostro Trading System con una terza serie di operazioni sulla forza, attivate in seguito ad una chiusura oraria o giornaliera maggiore di 20.025 punti, e che prevede Target Price a 20.075 punti, 20.130 e 20.270 punti, Stop Loss in caso di ritorno sotto 19.810 punti in chiusura di candela oraria. Suggeriti Long Speculativi in caso di ulteriori affondi in area 18.975 punti, per cercare di sfruttare possibili rimbalzi a quota 19.085 e 19.145 punti. Stop Loss in caso di eventuali discese sotto i 18.830 punti in chiusura di candela oraria.

La strategia Short, invece, prevede l’ apertura di posizioni ribassiste nel caso in cui si registri un close orario minore di 19.555 punti, Target Price a 19.500 e 19.420 punti, Stop Loss in caso di chiusura oraria maggiore di 19.720 punti. Mantenere la posizione ribassista nel caso in cui si assista ad una chiusura oraria o giornaliera minore di 19.420 punti, per cercare di anticipare possibili discese, prima a 19.360 punti e successivamente a 19.320 punti. Stop Profit in caso di ritorno oltre 19.555 punti in chiusura di candela oraria.

Ed ancora Short con la perdita in chiusura oraria di quota 19.320 punti sfruttare la pressione ribassista fino a 19.175 e 19.090 punti, Stop Loss in caso di close orario maggiore di 19.420 punti. Suggeriti vendite speculative in caso di ulteriori allunghi fino a 20.535 punti, per cercare di sfruttare possibili pull – back di prezzo a 20.400 e 20.270 punti. Stop Loss in caso di chiusura oraria maggiore di 20.650 punti.

Come sottolineato nelle precedenti rubriche di analisi tecnica sul Ftse Mib, il ritorno in chiusura settimanale oltre i 18.000 punti, persi in occasione del referendum che ha sancito l’ uscita della Gran Bretagna dall’ Unione Europea, ha gettato le basi al rialzo che abbiamo vissuto a cavallo tra il 2016 e l’inizio del nuovo anno. Raggiunti i primi Target ideali di questo movimento impulsivo ( 19.200 -19.400 punti ), l’ indice Ftse Mib ha saputo anche fare meglio, mettendosi alle spalle, in chiusura settimanale, anche la resistenza a 19.400 punti segnalata in precedenza.

A questo punto rimangono pochi ostacoli verso l’ obiettivo ideale di questo rally ( + 23% in due mesi dai minimi di Novembre a ridosso dei 16.000 punti) che identifichiamo a 20.200 – 20.500 punti. Una chiusura settimanale oltre l’ ultimo livello di prezzi appena citato, farebbe mutare anche il quadro di medio-lungo periodo che ritornerebbe positivo ed avrebbe nel mirino, prima i 21.000 punti e successivamente i 22.500 punti circa. Al ribasso fare particolare attenzione al supporto di breve identificato tra i 18.900 ed i 18.800 punti, che se venisse perso in chiusura giornaliera potrebbe far scivolare le quotazioni verso il sostegno di medio periodo che collocheremo a 18.400 punti.

Finché l’ indice Ftse Mib si manterrà sopra i 18.400 punti in chiusura settimanale, rimarranno validi i Tartget di medio indicati in precedenza ( 20.200 – 20.500 punti ), con possibilità di estensioni verso quelli di lungo ( 21.000 -22.000 punti ). Una chiusura settimana sotto i 18.400 punti, comprometterebbe nuovamente lo scenario di medio-lungo periodo e proietterebbe velocemente le quotazioni prima a 18.000 punti e successivamente a 17.800 punti.

Quotazione azioni Borsa Milano – Borsa italiana in tempo reale:

Azioni UnicreditAzioni EnelAzioni Banco PopolareAzioni MPSAzioni EniAzioni MediasetAzioni SaipemAzioni TelecomAzioni Intesa San PaoloAzioni UBI Banca – Azioni Finmeccanica – Azioni Poste Italiane – Azioni Carige – Azioni Generali

<< Torna a:

Migliori Broker Opzioni Binarie
#BrokerDettagli
1 24option Licenza: Cysec, Consob
Payout: 88%
Deposito min: 250$
VISITA
Opinioni 24option 5 stelle
2 IQ Option Licenza: Cysec, Consob
Payout: 91%
Deposito min: 10$
VISITA
Opinioni IQ Option 5 stelle
3 BDSwiss Licenza: Cysec
Payout: 85%
Deposito min: 100€
VISITA
Opinioni BDSwiss 5 stelle
4 StockPair Licenza: Cysec
Payout: 85%
Deposito min: 200$
VISITA
Opinioni StockPair 5 stelle
Miglior Robot Opzioni Binarie
Broker FTSE MIB: grafico, quotazione in tempo reale e analisi tecnica settimanale
VISITA
Opinioni Binary Option Robot 5 stelle

Termini di ricerca:

  • analisi mib
  • ftse mib analisi tecnica
  • analisi tecnica ftse mib oggi
  • ftse mib analisi ciclica in arrivo svolta ribassista
  • intesa quotazione target borsa dei piccoli
  • ftse mib tempo reale
  • Borsa Oggi Tempo Reale
  • supporti e resistenze indice ftse mib
  • ftse mib grafico intraday
  • grafico futmib con media mobile
Meteofinanza.com

Meteofinanza.com