Opzioni Binarie: opinioni, strategie di trading, demo e broker - Oggi è mercoledì, 07 dicembre 2016
EnglishItalian

Azioni Poste Italiane: quotazione e grafico: come investire e fare trading su azioni Poste?

Poste Italiane è una realtà aziendale italiana che non ha bisogno di grandi presentazioni. Quel marchio giallo, infatti, occupa da sempre un posto di primo piano nell’immaginario collettivo italiano. Da decenni Poste Italiane è sinonimo di affidabilità e stabilità. Parallelamente anche la più recente quotazione Poste Italiane è diventata sinonimo assoluto di sicurezza. Possiamo dire che Poste in Borsa ha raccolto i frutti che erano stati seminati i tanti anni nelle migliaia di sedi postali sparse in tutto il territorio nazionale. L’identificazione tra gli italiani e Poste Italiane spiega il perchè del successo della recente IPO della società gialla. Poste Italiane, infatti, è sbarcata da neppure un anno in Borsa al termine di un collocamento che ha registrato una domanda molto forte. Da allora anche la quotazione Poste Italiane è diventato un argomento molto seguito. Sono tanti, infatti, i piccoli azionisti che hanno comprato e che comprano azioni delle Poste.

poste italiane quotazione

Praticamente con la quotazione in Borsa, Poste è diventata la realtà finanziaria che fornisce in assoluto più servizi ai propri clienti. Dai conti ai fondi gestione, dalle polizze ai finanziamenti fino alle azioni, la presenza di Poste nella vita degli italiani non è mai stata marcata come lo è attualmente. Investire in azioni Poste Italiane oggi, grazie alla tradizione passata di questa società, è considerato assolutamente molto conveniente. Soprattutto in un momento di forte turbolenza finanziaria.

Quotazione Poste oggi: Azioni Poste Italiane grafico in tempo reale




Lo storico del grafico relativo alla quotazione Poste Italiane è relativamente breve. Il primo giorno di negoziazione delle azioni della società gialla è stato il 27 ottobre 2015. Poste è quindi in Borsa da meno di un anno. Non è quindi possibile tracciare grafici in merito alla performance su base annua. Su base semestrale, invece, le azioni Poste hanno segnato una progressione dell’1,15%.

Non essendosi retroterra storico nei grafici di Poste, è utile fare una comparazione diretta tra il prezzo del primo giorno e il valore d’area più recente. Ebbene le azioni Poste sono passate da 6,7 euro a 6,2 euro. Lo scarto è molto sottile. In pratica se un cassettista ha inserito questo titolo nel suo portafoglio, a distanza di un anno si ritroverebbe come 50 centesimi in meno per azione. Un deprezzamento che, considerato anche tutto quello che è avvenuto nell’ultimo anno in Borsa, non è una tragedia.

Ad ogni modo per guadagnare con le azioni Poste Italiane la migliore strada da seguire è quella del trading online. Attraverso il trading di CFD, in particolare, è possibile aprire e chiudere posizioni in modo molto veloce. Un approccio simile permette di massimizzare il profitto sfruttando la volatilità.

Ad ogni modo per fare trading su Poste Italiane è assolutamente necessario sapere leggere i grafici. Cogliere i vari livelli di resistenza del titolo significa, come vedremo successivamente, poter fare previsioni sulla quotazione Poste del futuro.

Azioni Poste Italiane analisi: storia e informazioni

PT Poste

Delle vecchie Poste Italiane oggi non esiste praticamente più nulla. L’azienda, infatti, si occupa di quello che era il suo core business di decenni fa solo in modo marginale. Poste Italiane oggi non è una società di spedizione ma una realtà del panorama finanziario.

Tutti gli ultimi dati di bilancio forniti da Poste sono molto espliciti su questo punto: i ricavi derivano dalle variegate attività finanziarie mentre il servizio recapito è un’area a perdere.

Il passaggio da società postale tradizionale a colosso di servizi finanziari è avvenuto verso la fine degli Anni 90. Risale a quell’epoca l’implementazione di un piano industriale che tanto avrebbe poi inciso sul futuro di Poste. In quella circostanza, infatti, Poste fu trasformata in Spa e fu varato un taglio verticale dei costi. Tra gli anni 90 e il 2000, Poste cambiò letteralmente aspetto con la riconversione del suo personale e molti tagli.

Altra data incisa nella storia di Poste è stato quel 28 ottobre 2015 quando il gruppo sbarcò a Piazza Affari. Il cammino di Poste in Borsa si concluse il 21 dicembre dello stesso anno con l’inizio della quotazione sul Ftse Mib. La privatizzazione di Poste fu comunque parziale essendo la maggioranza assoluta del capitale in mano allo Stato. Una seconda privatizzazione, con conseguente ulteriore riduzione della quota del Tesoro, è in agenda per l’autunno 2016.

Oggi il codice ISIN di Poste Italiane è IT0003796171. Per avere informazioni su come comprare azioni Poste e sulla storia del gruppo si può contattare l’Investor Relations. Di seguito i recapiti: Luca Torchia, E-mail: investor.relations@posteitaliane.it, Tel: +39 06 59582273.

Principali azionisti di Poste Italiane

azionisti poste italiane

Un tempo le vecchie Poste erano controllate al 100% dallo Stato. L’azionariato di Poste è cambiato a seguito del processo di ristrutturazione e privatizzazione. Oggi tra gli azionisti principali di Poste Italiane figura il Ministero dell’economia e delle finanze. Il MEF ha in mano 845.000.925,6 azioni Poste pari al 64,696% del capitale sociale. Molto più staccato è il Kuwait Investment Office che ha in mano 26.879.743,8 azioni Poste pari al 2,058%.

Specifichiamo che quella indicata è una composizione transitoria. Il MEF, infatti, ha già fatto sapere che in autunno sarà messa sul mercato una nuova quota del capitale di Poste. La partecipazione dello Stato nell’azionariato di Poste calerà quindi ancora. Quella che è stata già ribattezzata come l’IPO atto secondo sarà una occasione per investire in azioni Poste Italiane. Oggi, oltre il 13% delle azioni Poste è in mano a investitori retail.

Migliori piattaforme per investire in Borsa / Azioni Poste Italiane

piattaforme trading online

Come è logico che sia per una società del ramo finanziario, è la vendita allo sportello la prima strada per comprare azioni Poste Italiane. Sotto questo punto di vista, Poste ha addirittura un vantaggio in più che è rappresentato da una rete distributiva molto estesa. La presenza di Posto in Italia è semplicemente imparagonabile a quella della più radicata banca italiana. Non è stato quindi un caso che in sede di IPO gli uffici postali siano diventati molto affollati. Chiaramente, oltre agli uffici, anche le Società di Gestione del Risparmio si sono occupate, e si occupano, della vendita di azioni Poste.

Non ci sono però solo questi canali per investire in Borsa. Oggi, infatti, si sta assistendo ad un ricorso massiccio alle piattaforme per investire in azioni Poste Italiane. Si tratta di un fenomeno che è stato possibile grazie allo sviluppo di internet.

Le piattaforme per investire in Borsa non sono però tutte uguali. Alcune rientrano nel sistema dell’home banking altre sono invece di proprietà dei broker. Le prima ripropongono, grossomodo, lo stesso modello dell’acquisto tradizionale di azioni mentre le seconde si poggiano sul trading binario e sul trading di CFD. Questi due diversi strumenti permettono di investire in azioni Poste senza comprare le azioni Poste. I vantaggi del trading sono in primo luogo di ordine pratico e in secondo di ordine economico.

Tra i primi rientra l’assenza di obblighi derivanti dall’essere azionisti. Per quanto riguarda i vantaggi di ordine economico, basta pensare che per fare trading sulle azioni Poste non sono dovute commissioni a titolo di consulenza. Esamineremo dopo come negoziare azioni Poste Italiane con il trading di CFD.

Previsioni azioni Poste. Possibile andamento della quotazione

previsioni Borsa Milano

Avanzare previsioni sulle azioni Poste non è un gioco. Le stime sull’andamento futuro della quotazione, infatti, partono sempre da una valutazione complessiva. Prima di investire in azioni Poste, infatti, è sempre consigliabile affidarsi all’analisi fondamentale e all’analisi tecnica.

Nel lungo periodo, la quotazione di Poste sembra avere lo spazio per una risalita. La seconda privatizzazione, infatti, potrebbe fare da supporto nell’abbattimento di alcune resistenze. Il problema nasce a proposito delle tempistiche della seconda IPO. Allo stato attuale dei fatti non c’è alcuna data e questo spiega il perchè la quotazione Poste non riparte.

Fatta questa precisazione è ovvio che le previsioni sulle azioni Poste siano positive non appena sarà dato il via libera alla seconda IPO.

Per conoscere le previsioni sull’andamento di Poste ci si può affidare alle note delle agenzie di rating. Questi report sono accessibili a tutti e facilmente consultabili. Chi investe in Borsa si affida molto a questi documenti che in fin dei conti altro non sono che sintesi di analisi fondamentale e analisi tecnica.

Azioni Poste Italiane cosa fare: comprare o vendere? Previsioni azioni Poste Italiane

buy sell

Conviene comprare o vendere azioni Poste Italiane? Una domanda simile non ha senso se non si specifica l’intervallo di tempo di riferimento. Visto l’imminenza del secondo atto dell’IPO è pensabile che nel lungo periodo sia meglio comprare azioni Poste.

Ad ogni modo un valido supporto arriva dagli analisti. A consigliare di comprare azioni Poste Italiane sono Goldman Sachs e Kepler Cheuvrex. Per entrambi gli analisti il rating su Poste Italiane è buy. Se si considera che già da tempo Goldman e Kepler consigliano l’acquisto, si può pensare che investire in azioni Poste sul lungo periodo sia conveniente.

Un gradino più in basso c’è poi il consiglio di Mediobanca. Piazzetta Cuccia ha un rating outperform su Poste Italiane. Per gli esperti, quindi, la quotazione Poste sarà migliore a quella degli altri players del settore.

Nel complesso chi sceglie di investire in azioni Poste Italiane può quindi avere abbastanza fiducia. Comprare azioni Poste per guadagnare sul lungo periodo significa, chiaramente, non venderle neppure se perdono valore nel breve. Ancora una volta il trading di CFD torna molto utile.

Azioni Poste Italiane opinioni sul Modello di Business di Poste Italiane

modello business Poste Italiane

Se c’è un’azienda che ha cambiato modello di business negli ultimi anni quella è proprio Poste Italiane. Lettere e telegrammi appartengono al passato. La nuova Poste Italiane è una realtà che, grazie all’innovazione dell’infrastruttura tecnologica e logistica e a un continuo ampliamento della gamma dei prodotti e dei servizi, è stata capace di chiudere ben 10 bilanci in attivo.

Più nel dettaglio il modello di business di Poste Italiane si articola in 3 comparti:

  • settore corrispondenza e pacchi
  • settore finanziario
  • settore assicurativo

Poste Italiane agisce su due diversi canali, uno fisico e una virtuale. Il primo è rappresentato da una rete distributiva costituita da uffici e operatori che non ha eguali in Italia. Il secondo è invece rappresentato da una infrastruttura virtuale con canali multimediali all’avanguardia.

Lo sviluppo avuto da Poste è stato possibile grazie al boom dei servizi finanziari. In questo settore Poste Italiane opera con la controllata BancoPosta Fondi SGR. Tra i servizi offerti da BancoPosta non ci sono quelli relativi alla concessione diretta di finanziamenti.

Per quello che riguarda invece il settore assicurativo, in questo comparto Poste Italiane opera con Poste Vita e Poste Assicura.

Azioni Poste Italiane ultime notizie su Opportunità e rischi di investire in Poste Italiane

rischi opportunita

Il rischio che si può affrontare nell’investire in Poste Italiane è molto contenuto. La società, infatti, è soggetta al controllo da parte dello Stato e quindi la possibilità di fallimento è azzerata. Sotto questo punto di vista, Poste Italiane è collocabile un gradino più in alto delle banche. Una dimostrazione di questa sicurezza si ha prendendo in considerazione l’andamento del titolo dalla sua quotazione ad oggi. La variazione molto contenuta delle azioni Poste, infatti, rispecchia questa tranquillità di cui la società gode.

Questo dato non è da trascurare quando si procede ad una valutazione delle opportunità e dei rischi di investire in Poste Italiane. La quotata gialla è inquadrabile nel settore finanziario-bancario ma non c’è paragone tra l’andamento di Poste e quello delle banche nell’ultimo. A fronte di piccole variazioni della quotazione, infatti, il settore di riferimento ha fatto segnare ribassi fortissimi.

Questo meccanismo, in Borsa, non è sempre un punto di vantaggio. Molto spesso, infatti, una situazione di questo tipo apre la strada a un possibile calo futuro per riallineamento al settore. Poste Italiane non rientra in questo caso. Sopratutto nel lungo periodo, infatti, la quotata ha molto spazio per crescere.

Questo discorso non significa che investire in azioni Poste Italiane non contempli rischi. Nel caso in cui, infatti, il secondo round dell’IPO non dovesse andare come nelle previsioni, Poste potrebbe subire forti vendite. Uno scenario di questo tipo è improbabile ma non impossibile come la Finanza insegna.

Anche per questo motivo la strada da privilegiare resta quella di negoziare azioni Poste attraverso il trading di CFD.

Azioni Poste Italiane prospettive di trading tramite i CFD

trading CFD Poste Italiane

Quando abbiamo parlato delle migliori piattaforme per investire in Borsa abbiamo fatto riferimento anche al trading di CFD. Tutte le informazioni che abbiamo fornito nei successivi paragrafi su come investire in azioni Poste Italiane, fanno dedurre che proprio i CFD possano essere lo strumento per realizzare guadagni importanti.

In effetti sono davvero tanti gli investitori che, ogni giorno, guadagnano con i CFD su Poste Italiane. Le azioni della quotata gialla, infatti, si prestano particolarmente a questo genere di operazioni. Non solo. A differenza di quello che avviene in Borsa, il trading di CFD è aperto a qualsiasi categoria di investitori. Le storie di traders principianti che hanno guadagnato tanto con i CFD, infatti, corrispondono a verità.

E’ però ovvio che per guadagnare con i CFD sulle azioni Poste Italiane si debbano conoscere quelle che sono le prospettive della quotata. Sotto questo punto di vista CFD e azioni hanno quindi le stesse pretese.

Conto demo trading azioni Poste Italiane

conto demo trading

Per negoziare azioni Poste Italiane attraverso il trading di CFD ci sono molte soluzioni disponibili. I broker che si sono specializzati in questo settore, infatti, sono assolutamente sicuri e legali. Tutti gli intermediari, inoltre, offrono soluzioni diverse per fare trading sia da Desktop che da Mobile. Come si può evincere dalle opinioni di chi fa trading su Poste Italiane, la scelta di questa piattaforma anzicchè di quella deriva da elemento puramente soggettivi.

Per negoziare azioni Poste Italiane attraverso il trading di CFD, quindi, l’ideale sarebbe provare più piattaforme. Un’utopia? Niente affatto perchè tutti i broker permettono di usufruire di un conto demo gratuito da utilizzare senza limiti di tempo. Il conto demo è una sorta di simulatore di borsa. In pratica il trader principiante investe in azioni Poste Italiane senza cacciare di tasca neppure un centesimo. Chiaramente perdite e guadagni generati dal suo investimento sono del tutto virtuali.

Nella tabella sottostante sono indicati i migliori conti conti per fare trading di CFD sulle azioni Poste Italiane.

Migliori piattaforme di Trading & Forex
#BrokerDettagli
1 Markets.com Licenza: CYSEC, FSA, MIFID

Deposito min: 100 €
VISITA
Opinioni Markets.com 5 stelle
2 FXpro.it Licenza: CySEC - FSB

Deposito min: € 100
VISITA
Opinioni FXpro.it 5 stelle
3 Kawase Exchange Licenza: Cysec

Deposito min: 100$
VISITA
Opinioni Kawase Exchange 5 stelle
4 IG MARKETS Licenza: FCA - CONSOB

Deposito min: 100 €
VISITA
Opinioni IG MARKETS 5 stelle
5 eToro Licenza: CySEC-CONSOB-BaFin

Deposito min: 200 $
VISITA
Opinioni eToro 5 stelle

Negoziare azioni poste Italiane attraverso il trading di CFD significa puntare sia sul ribasso che sull’aumento della quotazione. In entrambi i casi, infatti, è possibile guadagnare. Anche per quello che riguarda questo aspetto, per stabilire che tipo di posizione aprire è sempre necessario studiare le azioni Poste Italiane. In generale quanto più si punta sul lungo periodo tanto più l’analisi deve essere approfondita.  Di contro, il trading di CFD permette anche l’apertura di posizioni che durano anche 60 secondi. In questo caso è sufficiente cogliere un rumors e sfruttarlo per posizionarsi.

<< Torna a:

 

 

Migliori Broker Opzioni Binarie
#BrokerDettagli
1 24option Licenza: Cysec, Consob
Payout: 88%
Deposito min: 250$
VISITA
Opinioni 24option 5 stelle
2 IQ Option Licenza: Cysec, Consob
Payout: 90%
Deposito min: 10$
VISITA
Opinioni IQ Option 5 stelle
3 BDSwiss Licenza: Cysec
Payout: 85%
Deposito min: 100€
VISITA
Opinioni BDSwiss 5 stelle
4 Banc De Binary Licenza: Cysec
Payout: 90%
Deposito min: 250$
VISITA
Opinioni Banc De Binary 4 stelle
Miglior Robot Opzioni Binarie
Broker Azioni Poste Italiane: quotazione e grafico: come investire e fare trading su azioni Poste?
VISITA
Opinioni Binary Option Robot 4 stelle

Termini di ricerca:

  • azioni poste italiane grafico
  • azioni poste italiane grafico 2015
  • isin poste cambiato
Meteofinanza.com

Meteofinanza.com