• bitcoinBitcoin€9,228.53-1.71%
  • ethereumEthereum€174.881.06%
  • rippleXRP€0.235347-0.67%
Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

  • Di LorenzoB
  • Pubblicato il 25 Marzo 2019
  • Aggiornato il 25 Marzo 2019

Il trading petrolio sta raggiungendo anno dopo anno sempre nuovi trader per via delle sue potenzialità. Il petrolio è una delle commodities più interessanti perché è molto legato all’andamento dei mercati finanziari, in particolare al dollaro americano (USD) e al dollaro canadese (CAD). Con la prima valuta è infatti negoziato il petrolio, mentre il secondo ha una correlazione col greggio, dal momento che il Canada è uno dei maggiori Paesi produttori di petrolio.

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Spiegheremo innanzitutto cos’è il petrolio, com’è possibile fare trading petrolio sui mercati finanziari e soprattutto dove, come le piattaforme di trading online dei broker regolamentati da noi recensiti.

Ovviamente l’articolo non costituisce un invito all’investimento né un consiglio, come da disclaimer. Le finalità dell’articolo sono puramente informative e così vanno trattate.

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Trading petrolio: cos’è?

Che cos’è il petrolio?

Come anticipato prima di trattare del trading petrolio vediamo di capire che cos’è questa materia prima. Il termine petrolio deriva dal latino petroleum, che significa letteralmente olio di roccia. Il petrolio è un idrocarburo dato che è formato da idrogeno e carbonio ed è un combustibile, ossia che si può bruciare.

Sebbene nell'immaginario comune il petrolio sia nero, il suo colore può essere in alcuni casi marrone scuro
.

Il petrolio viene definito anche greggio, mentre in un’ottica prettamente economica viene chiamato oro nero, dato il suo valore. Esso viene estratto da giacimenti molto vicini allo strato superiore della crosta terrestre. L’idrogeno e il carbonio non sono gli unici elementi presenti nel petrolio, altre sostanze vengono infatti successivamente scartate non essendo combustibili e quindi non utili al processo che porta alla produzione di energia. Il greggio, così come l’oro, è una risorsa in natura limitata.

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Trading sul petrolio: cos’è il greggio?

Il petrolio scisto, in inglese shale oil, è invece il greggio estratto dalle rocce di scisto bituminoso attraverso quelli che sono chiamati processi di pirolisi, idrogenazione o dissoluzione termica. Negli ultimi anni gli Stati Uniti d’America hanno aumentato l’estrazione dello shale oil per contrastare l’OPEC e dare a quest’ultimo meno campo d’azione negli USA.

Trading petrolio: Brent e WTI

Sebbene spesso ci si riferisca al trading petrolio come se fosse una sola quotazione, è bene sapere che esistono due quotazioni petrolifere. Esiste infatti il Brent, quotato a Londra, che non è altro che il petrolio estratto nel Mare del Nord; e il WTI, acronimo di West Texas Intermediate, che corrisponde al greggio americano ed è quotato a New York.

L’unità di misura per esprimere il prezzo del petrolio è il barile, il quale ha una capienza di 159 litri o 42 galloni americani. Come abbiamo detto il trading petrolio avviene in dollari americani (USD).

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Quotazioni petrolifere: Brent e WTI

Il prezzo dell’oro nero dipende non solo dall’andamento del dollaro americano, ma anche dalle scelte strategiche dell’OPEC, sigla che sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries. L’OPEC è un’associazione di Paesi produttori di greggio con sede a Vienna. Il loro obiettivo è quello di avere la leadership sul mercato del petrolio grazie al loro ruolo di cartello economico.

Gli Stati membri dell’OPEC amministrano infatti l’80% delle riserve globali di greggio e producono oltre il 40% del petrolio mondiale.

L’organizzazione nacque nel 1960 e attualmente è composta da 13 Stati, che elencheremo: Algeria, Angola, Arabia Saudita, Ecuador, Emirati Arabi uniti, Guinea Equatoriale, Repubblica Democratica del Congo, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, e Venezuela.

Ex Paesi membri sono il Qatar, il Gabon e l’Indonesia.

Come fare trading petrolio: futures e CFD

Posto che ci sono aziende che acquistano petrolio e lo raffinano, scartiamo in questo nostro approfondimento la possibilità di acquistare petrolio fisico, dato che l’investitore retail non è interessato.

Principalmente si può fare trading petrolio direttamente sul prezzo della materia prima con i futures e con i CFD. Vediamo di cosa si tratta.

Futures

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Petrolio trading

Cosa sono i futures? Il funzionamento di questo strumento finanziario è molto facile e cercheremo di spiegarvelo nel modo più semplice possibile. Con i futures si può fare trading petrolio con contratti altamente standardizzati. Il greggio andrà negoziato fra acquirente e venditore in una data specifica a un prezzo specifico, entrambi fissati al momento della sottoscrizione del contratto.

Capirete da soli che chi fa trading petrolio con i futures intende speculare sul prezzo del greggio. Infatti chi decide di acquistare petrolio tramite i futures spera che il valore del Brent o del WTI salga così da poterlo comprare a un prezzo inferiore; viceversa chi decide di vendere una delle due quotazioni petrolifere con i futures crede in un loro deprezzamento e quindi di venderlo a un prezzo superiore a quello di mercato.

CFD

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

CFD petrolio

Il trading petrolio con i CFD è molto diffuso fra i trader europei e di tutto il mondo, specialmente nell’ultimo decennio. I CFD sono uno strumento altamente speculativo, infatti non fa mistero che questa è l’unica motivazione che spinge un investitore a scegliere i CFD rispetto ad altre soluzioni.

CFD è un acronimo e sta per Contracts For Difference, ovvero “Contratti per Differenza“. Investendo con i CFD il trader non starò negoziando fisicamente il petrolio, che come abbiamo detto in questo articolo non ci interessa, ma starà speculando solo sulla variazione del prezzo. Ci spieghiamo meglio.

Un trader con i CFD può scegliere se:

  • posizionarsi LONG e quindi sostenere che il prezzo del petrolio si alzi;
  • posizionarsi SHORT e dunque sostenere che il prezzo del petrolio si abbassi.

La variazione fra il prezzo dell’oro nel momento dell’apertura della posizione e quello al momento della chiusura della posizione sarà il guadagno o la perdita del trader, a seconda della direzione, della cifra investita e della leva finanziaria usata.

Peculiarità dei CFD è la leva finanziaria, che consente a un investimento di moltiplicarsi. Per esempio con una leva finanziaria pari a 5:1 un investimento di 100€ diventerà di 500€ e il guadagno o la perdita saranno correlate a quest’ultima cifra e non a quella iniziale.

È ovvio che la leva finanziaria è un’arma a doppio taglio, dato che può portare il trader ad avere perdite eccessive, che possono comportare anche alla perdita del capitale investito. Così come i profitti , quindi anche le perdite sono amplificate.

Solitamente più della metà dei trader al dettaglio perde denaro con i CFD. Per questa ragione l’ESMA ha deciso di limitare la leva finanziaria per loro. Per il trading petrolio la leva massima è di 10:1.

Dove fare trading petrolio

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Trading del petrolio

Per fare trading petrolio non è necessaria una piazza “fisica”, ormai la negoziazione avviene telematicamente o anche online.

I Futures vengono scambiati in borse valori preposte proprio per questo tipo di contratti, in particolar modo il trading petrolio con i futures si verifica nelle borse valori dedicate alle commodities, essendo il petrolio una commodity, ovvero una materia prima.

Le piazze americane più famose sono il CME e il CBOE. In Europa invece abbiamo l’Intercontinental Exchange (ICE), il London Metal Exchange (LME), l’European Energy Exchange (EEX) e l’Euronext.liffe.

I CFD invece sono strumenti utilizzati sulle piattaforme di trading online di broker CFD, vediamo quali sono i più famosi.

Trading petrolio su eToro

Un broker molto famoso nel mondo, che conta più di 10 milioni di utenti registrati, e che consente l’opportunità di fare trading petrolio con i CFD è eToro, che noi di Meteofinanza.com suggeriamo soprattutto per la funzione del Social Trading e del Copy trading.

Sulla piattaforma di eToro è possibile fare trading su moltissimi mercati. Oltre alle materie prime infatti si possono negoziare le coppie di valute del Forex, le criptovalute, gli indici, le azioni e gli ETF.

Su eToro i costi sono pochi perché non si pagano commissioni sull’apertura o sulla chiusura delle posizioni dei trader. Questa è una grande opportunità perché porta a un grande risparmio per i trader. Così come tutti i broker CFD eToro guadagna sul finanziamento overnight da applicare ai trader. Quando? Semplicemente tenendo aperta una posizione nel corso della notte.

Il broker ha un ulteriore profitto, ovvero quello dalla differenza fra i valori di acquisto e di vendita di ogni asset finanziario, chiamato in linguaggio tecnico spread.

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

eToro petrolio

Giungiamo alla particolarità di eToro, la quale è costituita come anticipato all’inizio del paragrafo dalla funzione del Social trading.

Esso consiste nel trasformare il trading in un’esperienza social. Gli utenti possono infatti fare commenti, scrivere strategie, dare suggerimenti e pubblicare grafici, così da rendere comune la propria operatività, compreso il trading petrolio, che è uno degli asset più trattati sulla piattaforma, sebbene sia presente solo il greggio WTI e non il Brent.

Con il social trading gli utenti neofiti possono giovare dell’esperienza dei colleghi più esperti e trarne vantaggio per le proprie operazioni.

Un altro modo per aiutare i trader principianti è il copy trading, ossia la possibilità di copiare intere operazioni di altri utenti più esperti, chiamati Popular Investor scegliendo liberamente la cifra.

Su eToro si può aprire un conto demo gratuito, così potrete fare pratica sui mercati finanziari in modo gratuito e senza alcun rischio.

Apri il tuo conto demo gratuito ed illimitato di social trading eToro

Trading oro: Plus500

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

Plus500: trading petrolio

Plus500 è un broker CFD molto famoso, in particolar modo in Italia e in Europa. Sponsor ufficiale dell’Atletico Madrid, Plus500 è regolamento da alcune authority, tra le più importanti abbiamo la CySEC di Cipro e la Consob italiana.

Molto apprezzato dagli utenti di Plus500 è lo spread molto stretto, essi così potranno ottimizzare i propri guadagni dandone il meno possibile al broker. Il finanziamento overnight è anche qui presente, ma come già anticipato esso esiste per tutti i broker CFD. Anche qui non ci sono commissioni.

Il deposito minimo di Plus500 è 100€ ed è possibile aprire un conto demo gratis, così potrete testare la piattaforma del broker e allenarvi sui mercati finanziari, soprattutto sul trading oro!

Apri un conto demo gratis su Plus500 e testa il trading petrolio!

Trading oro: 24Option

Infine, ma non per importanza, arriviamo a 24Option, diffuso anche in Italia. A prova di questo vi informiamo che la Juventus F.C  è sponsor ufficiale del broker.

24Option era inizialmente nato per permettere agli utenti di cimentarsi nel trading binario. Ben prima dello stop dell’ESMA alle opzioni binarie, il broker aveva deciso di toglierle dalla propria piattaforma, dando spazio interamente ai CFD.

L’offerta di 24Option è oggi molto vasta in tutti i campi e non è presente solo il trading petrolio. Così come eToro, anche 24option offre il trading CFD su tanti asset finanziari.

Trading petrolio: come negoziare petrolio con i CFD

24option petrolio

24Option ha deciso inoltre di offrire ai propri utenti un servizio di assoluta qualità. Infatti il broker ha stretto una collaborazione con Trading Central, società internazionale che fornisce segnali trading live a clienti in tutto il globo.

Aprendo un conto su 24Option potrete giovare per 30 giorni di segnali trading gratuiti da parte di Trading Central. I segnali saranno relativi al Forex, al mercato azionario e alle materie prime.

Questi segnali giungeranno in tempo reale e forniranno indicazioni sia per chi opera sul lungo periodo sia per chi è attivo sul breve o medio termine.

24Option dispone di una versione demo della piattaforma, che vi permetterà di fare pratica senza alcun rischio su tutti gli asset disponibili.

Prova gratis 24 Option e sfrutta i segnali di Trading Central!
Migliori Broker Trading Forex e CFD
#BrokerDettagli
1eToro Licenza: CySEC-FCA
Social Trading
Deposito min: 200 $
DEMO
Opinioni eToro 5 stelle
224Option Licenza: CySEC
MetaTrader 4
Deposito min: 250 €
DEMO
Opinioni 24Option 5 stelle
3ITRADER Licenza: CySEC, MIFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 250 $
DEMO
Opinioni ITRADER 5 stelle
4IG Markets Licenza: FCA / CONSOB
Sostituto d'imposta e Servizi premium
Deposito min: 0€
DEMO
Opinioni IG Markets 5 stelle
* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

ASPETTA!

Oggi 57 nuovi studenti hanno scaricato gratuitamente la guida al trading online di 24option!

VUOI SCARICARE ANCHE TU L'EBOOK GRATIS?