Meteofinanza search
Meteofinanza.com - domenica, 20 agosto 2017

FTSE MIB tempo reale: grafico, quotazione e analisi tecnica settimanale

QUOTAZIONE FTSE MIB in tempo reale


Il FTSE MIB 40 rappresenta l’indice azionario legato all’andamento delle 40 aziende più influenti della borsa italiana.

FTSE MIB aggiornamenti e idee di trading

 

Cos’è il FTSE MIB 40

Il FTSE MIB 40 lo possiamo definire come il più importante indice azionario inerente la Borsa italiana. In precedenza era conosciuto con il nome di S&P Mib, ma dal 01 Giugno 2009 in poi, ha subito il cambiamento del nome e si trasforma in FTSE MIB  in seguito anche alla fusione tra Borsa Italiana e il London Stock Exchange inglese.

Il FTSE MIB rappresenta al momento l’80% circa della capitalizzazione del mercato azionario italiano ed è composto dalle azioni delle 40 maggiori società italiane più quotate sul mercato gestito da Borsa Italiana. Tradotto letteralmente, FTSE MIB  sta per Financial Times Stock Exchange Milano Indice di Borsa.

Analisi Tecnica FTSE MIB settimanale 14-18 Agosto 2017

L’INDICE FTSE MIB INDEBOLITO DAL RITORNO DELL’ AVVERSIONE AL RISCHIO CAUSATA DALLO SCONTRO VERBALE USA-COREA DEL NORD

Si riaffaccia l’ avversione al rischio verso tutti i principali listini azionari mondiali, dopo il nuovo duro faccia a faccia tra Stati Uniti e Corea del Nord.

Piazza Affari chiude l’ottava a 21.354 punti, lasciando sul terreno il 2,6%, dopo essere balzata nel corso delle prime sedute su un nuovo massimo di periodo a quota 22.065 punti.

Chiusura settimanale a ridosso dei minimi a cinque giorni a 21.329 punti, per l’ indice Ftse Mib, dove nessun settore che compone l’ indice dei 40 titoli a maggiore capitalizzazione è stato risparmiato dalle vendite. Subendo dei cali generalizzati, infatti, i più importanti titoli di hanno ceduto tra l 1,5% ed il 2,5%.

Dal punto di vista tecnico, la rottura di area 21.500 punti, sostegno di brevissimo, dopo l’approdo sui massimi degli ultimi 2 anni e mezzo, potrebbe attivare una figura ribassista con target in area 20.800 punti circa, che una volta raggiunta potrebbe far scattare una decisa reazione che potrebbe spingersi proprio sull’ ex area di supporto in area 21.500 punti che, quindi, diventerebbe resistenza.

Lo scenario appena descritto potrebbe essere annullato in caso di pronto recupero di area 21.500 punti, avallato da una chiusura daily oltre 21.800 punti. con quest’ultima ipotesi con molte probabilità si potrebbe assistere ad un attacco ai recenti massimi oltre area 22.000 punti.ANALISI TECNICA FTSE MIB

 

GRAFICO FTSE MIB

FTSE MIB tempo reale: grafico, quotazione e analisi tecnica settimanale

LE NOTIZIE ED I DATI MACRO PIU’ SENSIBILI PER L’ INDICE FTSE MIB

Come anticipato tra le righe del paragrafo precedente la questione USA-Corea del Nord ha destabilizzato i mercati, in quanto i toni tra Washington e Pyongyang hanno raggiunto dei livelli che potrebbero andare oltre lo scontro verbale, accendendo un nuovo focolaio di guerra che potrebbe generare conseguenze devastanti per i mercati.

Il regime di Pyongyang si è detto pronto a lanciare dei missili per colpire l’ isola di Guam, territorio statunitense in Micronesia, mentre il presidente USA, Donald Trump, lanciando un duro monito al dittatore nordcoreano Kim Jon-un ha fatto sapere che la soluzione militare è pronta se la Corea del Nord sarà imprudente. A testimonianza di quanto i mercati dell’ equity siano spaventati da un possibile conflitto tra le due potenze nucleari, basta spostare l’attenzione sugli asset che storicamente sono sempre stati considerati degli investimenti rifugio, come l’oro, che è balzato sui massimi a due mesi, apprezzando si di quasi 2 punti e mezzo percentuali.

Dal punto di vista macro è stata una settimana povera di dati economici rilevanti. La lettura finale dell’ inflazione italiana del mese di Luglio, ha confermato le stime del dato preliminare, attestandosi all’ 1,1% su base annua, in discesa rispetto all’ 1,2% della rilevazione a/a precedente. L’ indice IPC, su base mensile, invece, è cresciuto dello 0,1%, mentre il dato “ Core “, al netto di alimentari ed energetici è sceso allo 0,8% dallo 0,9% del mese di Giugno.

A metà ottava, la lettura della produzione industriale italiana del mese di Giugno ( finale ) ha evidenziato un incremento dell’1,1% destagionalizzato, rispetto al mese precedente. Su base annua, invece, il dato diffuso dall’istata ha mostrato un aumento del 5,3% dal precedente 2,7% (dato rivisto da +2,8%), battendo le attese degli analisti che invece si aspettavano un rialzo dello 0,2% su base mensile e del 3,5% su base annua.

VISIONE TECNICA DI BREVE-MEDIO PERIODO SULL’ INDICE FTSE MIB

Dopo essersi riportato in chiusura settimanale sopra la forte resistenza in area 20.500 punti, che nelle ultime settimane ha funto da supporto, il principale indice di Piazza Affari ha ritoccato i massimi da Dicembre 2015 spingendosi fino a 22.065 punti.

Il ritorno in chiusura settimanale oltre i 18.000 punti, aveva gettato le basi per il rialzo che abbiamo vissuto a cavallo tra il 2016 e l’inizio del nuovo anno e che aveva raggiunto i primi Target del movimento impulsivo a 19.200 – 19.400 punti. Il quadro rialzista in costruzione ( circa +38% dai minimi di Novembre a ridosso dei 16.000 punti fino ai massimi oltre 22.000 punti), dopo la battuta d’ arresto che aveva fatto ripiombare le quotazioni in area 18.350-18.500 punti, ha superato il proprio obiettivo ideale, identificato tra 20.200 e 20.500 punti.

La chiusura settimanale oltre l’ ultimo livello di prezzi appena citato ( 20.500 punti ), ha fatto mutare anche il quadro di medio-lungo periodo, ritornato ad essere positivo.

Raggiunto il primo obiettivo in area 21.000-21.500 punti, le quotazioni del Ftse Mib potrebbero spingersi fino a 22.500 punti circa. Supporto di breve che sale in area 20.500-20.800 punti, e che sta resistendo già da qualche settimana a più attacchi ribassisti. Finche l’ indice Ftse Mib si manterrà sopra i 20.400-20.500 punti in chiusura settimanale, rimarranno validi i Target di medio-lungo periodo ( 22.500 punti ). Una chiusura settimanale sotto il supporto di breve-medio periodo, comprometterebbe nuovamente lo scenario di medio-lungo periodo e potrebbe proiettare, velocemente, le quotazioni prima a 19.400 punti e successivamente a ridosso dei 18.800 punti.

CONSIGLI DI TRADING SULL’ INDICE FTSE MIB

Ottima performance settimanale per il nostro Trading System con sottostante l’ indice Ftse Mib che, approfittando dello spunto rialzista delle prime sedute ha centrato il primo Target Price pronosticato dalla strategia Long, e successivamente cavalcando il ribasso che ha caratterizzato la seconda parte dell’ ottava ha preso profitto su 5 dei 7 obiettivi suggeriti dalla strategia Short: 2 nella versione Intraday e 3 nella versione Over.

La strategia Long suggerisce di aprire posizioni rialziste nel caso in cui si registri una chiusura oraria maggiore di 21.365 punti, Target Price attesi in area 21.445 e 21.580 punti; Stop Loss in caso di chiusura oraria minore di 21.310 punti. Mantenere la posizione rialzista nel caso in cui si registri una chiusura oraria o giornaliera superiore a 21.580 punti, per sfruttare possibili allunghi in area 21.710 e 21.795 punti; Stop Loss in caso di ritorno sotto 21.355 punti in chiusura di candela oraria.

Ancora una volta arricchiamo il nostro Trading System con una terza serie di operazioni sulla forza, attivate in seguito ad una chiusura oraria o giornaliera maggiore di 21.795 punti, e che prevedono Target Price prima a 21.930 punti e successivamente a 22.140 punti, estesi a 22.365 punti; Stop Loss in caso di ritorno sotto 21.575 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera. Suggeriti Long Speculativi in caso di eventuale affondo in area 20.680 punti, per cercare di sfruttare possibili rimbalzi in prima battuta a 20.810 punti e successivamente a 20.940 punti, estesi a 21.050 punti; Stop Loss in caso di eventuali discese sotto 20.500 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera.

La strategia Short, invece, consiglia di attivare posizioni ribassiste nel caso in cui si registri una chiusura oraria minore di 21.310 punti, con obiettivi attesi a 21.230 e 21.180 punti; Stop Loss in caso di chiusura oraria maggiore di 21.365 punti. Mantenere la posizione ribassista nel caso in cui si verifichi una chiusura oraria o giornaliera minore di 21.180 punti, per cercare di anticipare possibili discese, prima a 21.100 punti e successivamente a 21.050 punti; Stop Loss in caso di ritorno oltre 21.310 punti in chiusura di candela oraria.

Ed ancora Short con la perdita in close orario di quota 21.050 punti, per sfruttare la pressione ribassista fino a 20.940 e 20.810 punti, con possibili estensioni al ribasso fino a 20.680 punti; Stop Loss in caso di close orario maggiore di 21.230 punti. Suggeriti vendite speculative in caso di allungo in area 22.365 punti, per cercare di sfruttare possibili pull – back di prezzo prima a 22.140 punti e successivamente a 21.930 punti; Stop Loss in caso di chiusura oraria o giornaliera maggiore di 22.505 punti.

Analisi Tecnica FTSE MIB settimanale – 07-11 Agosto 2017

INDICE FTSE MIB VOLA SUI MASSIMI DA GENNAIO 2015 SOSTENUTO DAI TITOLI DEL SETTORE FINANZIARIO REDUCI DA BUONE TRIMESTRALI

L’indice Ftse Mib rompe la resistenza settimanale a 21.500 punti, che per oltre due mesi e mezzo ha tenuto le quotazioni del principale listino azionario italiano ingabbiate in un estenuante trading range compreso in un fazzoletto di 1.000 punti, con le due estremità individuate a 20.500 punti ed a 21.500 punti.

Il listino delle Blue Chips italiane ha saputo far meglio di quanto aveva fatto lo scorso mese di Maggio, andando a toccare nuovi massimi da Gennaio 2015, scambiando su un picco massimo a 21.968 punti, salvo poi concludere gli scambi di Venerdì 4 Agosto a 21.935 punti ( +0,6% ), trovando supporto su un minimo a cinque sedute pari a 21.410 punti.

La variazione settimanale, invece, è stata pari a +2,3%, la migliore performance a livello europeo, che ha consentito al Ftse Mib di balzare in testa alla classifica tra le borse del Vecchio Continente. Piazza Affari da inizio anno sta guadagnando il 14%, un rialzo che le ha permesso di salire sul gradino più alto del podio in Europa, scavalcando la borsa di Madrid ( + 13,9% ) che sin dall’ inizio del 2017 aveva occupato il primo posto.

GRAFICO FTSE MIB IN TEMPO REALE

FTSE MIB tempo reale: grafico, quotazione e analisi tecnica settimanale

LE NEWS E LE NOTIZIE MACRO PIU’ SENSIBILI PER LE QUOTAZIONI DELL’ INDICE FTSE MIB

Come spesso è accaduto negli ultimi mesi, al contrario di quanto accadeva nel corso della prima parte dell’ anno, sono stati i titoli del settore finanziario trinare l’ indice Ftse Mib. Tra i maggiori rialzi spicca quello messo a segno dal titolo UNICREDIT, in rialzo di quasi 7 punti percentuali nelle ultime 5 sedute, in scia ad un’ ottima semestrale che ha evidenziato un utile oltre le attese degli analisti. I primi sei mesi dell’ anno, infatti, si sono conclusi con un utile pari a 945 milioni di euro, mentre i pronostici degli analisti non andavano oltre i 676 milioni di euro.

Ottimo anche il +4,1% di GENERALI, frutto anch’esso di una eccellente semestrale ed il +1,8% di ENI dopo la recente debolezza del titolo petrolifero del cane a sei zampe. Di contro, il crollo subito da TENARIS che ha lasciato sul terreno l’ 11,9%, non tanto per i conti trimestrali, che tutto sommato sono stati neutrali o di poco migliori delle attese degli analisti, ma per l’outlook rilasciato dallo stesso management del gruppo sulla seconda parte dell’ anno .

L’ azienda leader mondiale della costruzione dei tubi per impianti e condotte petrolifere, ha dichiarato che il rialzo del prezzo delle materie prime potrebbe erodere sensibilmente i margini, pesando negativamente sulla redditività. La società italiana, inoltre, ha avvertito la comunità finanziaria che le trivellazioni negli Stati Uniti e nel nord America, dopo aver raggiunto il picco massimo degli ultimi due anni e mezzo, nella seconda parte dell’ anno sono destinate a ridursi. Di conseguenza è previsto un calo degli ordini da parte di alcuni grossi clienti di Tenaris attivi nell’ industria estrattiva petrolifera.

Sul finire dell’ ottava, l’indice Ftse Mib ha accelerato al rialzo in scia ai principali listini azionari mondiali, che hanno attirato nuovi acquisti subito dopo la pubblicazione ufficiale del saldo delle buste paga nei settori non agricoli statunitensi ( Non-Farm Payrolls ) che, nel mese di Luglio hanno evidenziato una crescita di 209.000 unità, ben oltre le 180.000 unità dei pronostici.

Leggermente al di sopra delle attese anche le retribuzioni orarie cresciute del 2,5% a Luglio, rispetto al +2,4% del consensus. Sul fronte interno, balzo delle vendite al dettaglio nella lettura finale di Giugno, in progresso dello 0,6% su base mensile ( attese +0,1% ) e dell’ 1,5% rispetto al mese di Giugno dell’ anno precedente.

VISIONE TECNICA DI BREVE-MEDIO PERIODO SULL’ INDICE FTSE MIB

Dopo essersi riportato in chiusura settimanale sopra la forte resistenza in area 20.500 punti, che nelle ultime settimane ha funto da supporto, il principale indice di Piazza Affari ha ritoccato i massimi da Dicembre 2015 spingendosi fino a 21.970 punti circa. Il ritorno in chiusura settimanale oltre i 18.000 punti, aveva gettato le basi per il rialzo che abbiamo vissuto a cavallo tra il 2016 e l’inizio del nuovo anno e che aveva raggiunto i primi Target del movimento impulsivo a 19.200 – 19.400 punti.

Il quadro rialzista in costruzione ( circa +37% dai minimi di Novembre a ridosso dei 16.000 punti fino ai massimi oltre 21.900 punti), dopo la battuta d’ arresto che aveva fatto ripiombare le quotazioni in area 18.350-18.500 punti, ha superato il proprio obiettivo ideale, identificato tra 20.200 e 20.500 punti. La chiusura settimanale oltre l’ ultimo livello di prezzi appena citato ( 20.500 punti ), ha fatto mutare anche il quadro di medio-lungo periodo, ritornato ad essere positivo.

Raggiunto il primo obiettivo in area 21.000-21.500 punti, le quotazioni del Ftse Mib potrebbero spingersi fino a 22.500 punti circa. Supporto di breve che sale in area 20.500 punti, e che sta resistendo già da qualche settimana a più attacchi ribassisti. Finche l’ indice Ftse Mib si manterrà sopra i 20.400-20.500 punti in chiusura settimanale, rimarranno validi i Target di medio-lungo periodo ( 22.500 punti ). Una chiusura settimanale sotto il supporto di breve-medio periodo, comprometterebbe nuovamente lo scenario di medio-lungo periodo e potrebbe proiettare, velocemente, le quotazioni prima a 19.400 punti e successivamente a ridosso dei 18.800 punti.

CONSIGLI DI TRADING SULL’ INDICE FTSE MIB

Ottima la performance settimanale ottenuta dal nostro Trading System con sottostante l’ indice Ftse Mib che ha centrato ben 5 dei 7 Target Price pronosticati dalla strategia Long, quindi sia nella versione Intrday che Over.

La visione Long consiglia di attivare posizioni rialziste nel caso in cui si registri una chiusura oraria maggiore di 21.990 punti, Target Price attesi in area 22.070 e 22.120 punti; Stop Loss in caso di chiusura oraria minore di 21.770 punti. Mantenere la posizione rialzista nel caso in cui si registri una chiusura oraria o giornaliera superiore a 22.120 punti, per sfruttare possibili allunghi in area 22.205 e 22.340 punti; Stop Loss in caso di ritorno sotto 21.935 punti in chiusura di candela oraria. Ancora una volta arricchiamo il nostro Trading System con una terza serie di operazioni sulla forza, attivate in seguito ad una chiusura oraria o giornaliera maggiore di 22.340 punti, e che prevedono Target Price prima a 22.420 punti e successivamente a 22.560 punti, estesi a 22.690 punti; Stop Loss in caso di ritorno sotto 22.070 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera. Suggeriti Long Speculativi in caso di eventuali affondo in area 21.070 punti, per cercare di sfruttare possibili rimbalzi in prima battuta a 21.200 punti e successivamente a 21.420 punti, estesi a 21.500 punti; Stop Loss in caso di eventuali discese sotto 20.940 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera.

La visione Short, invece, prevede l’ apertura di posizioni ribassiste nel caso in cui si registri una chiusura oraria minore di 21.770 punti, con obiettivi attesi a 21.685 e 21.635 punti; Stop Loss in caso di chiusura oraria maggiore di 21.990 punti. Mantenere la posizione ribassista nel caso in cui si verifichi una chiusura oraria o giornaliera minore di 21.635 punti, per cercare di anticipare possibili discese, prima a 21.550 punti e successivamente a 21.500 punti; Stop Loss in caso di ritorno oltre 21.825 punti in chiusura di candela oraria.

Ed ancora Short con la perdita in close orario di quota 21.500 punti, per sfruttare la pressione ribassista fino a 21.420 e 21.200 punti, con possibili estensioni al ribasso fino a 21.700 punti; Stop Loss in caso di close orario maggiore di 21.770 punti. Suggeriti vendite speculative in caso di allungo in area 22.690 punti, per cercare di sfruttare possibili pull – back di prezzo prima a 22.560 punti e successivamente a 22.340 punti; Stop Loss in caso di chiusura oraria o giornaliera maggiore di 22.830 punti.

 

Quotazione azioni Borsa Milano – Borsa italiana in tempo reale:

Azioni UnicreditAzioni EnelAzioni Banco PopolareAzioni MPSAzioni EniAzioni MediasetAzioni SaipemAzioni TelecomAzioni Intesa San PaoloAzioni UBI Banca – Azioni Finmeccanica – Azioni Poste Italiane – Azioni Carige – Azioni Generali

<< Torna a:

Migliori Broker Opzioni Binarie
#BrokerDettagli
1IQ Option Licenza: Cysec
*Payout: 91%
Deposito min: 10$
DEMO
Opinioni IQ Option 5 stelle
2BDSwiss Licenza: Cysec
*Payout: Profitti fino all'85%
Deposito min: 10€
VAI
Opinioni BDSwiss 5 stelle
*per singolo trade vincente

Termini di ricerca:

  • analisi tecnica ftse mib oggi
  • analisi mib
  • ftse mib index tempo reale
  • ftse mib cose
  • ftse mib analisi tecnica
  • indice mib tempo reale
  • listino fts mib30
  • ftse
  • quotazioni fts mib30
  • milanofinanza it ftse mib 30

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

Meteofinanza.com

eToro