• bitcoinBitcoin€4,672.540.30%
  • ethereumEthereum€153.600.70%
  • rippleXRP€0.294513-1.43%

ETF (Exchange-traded fund)

Gli ETF sono un prodotto finanziario che ultimamente ha preso piede soprattutto grazie ai bassi costi. Scopri in questa sezione di cosa si tratta e quali tipi di ETF esistono sul mercato.

Il termine ETF sta per “Exchange-Traded Fund. Essi sono scambiati come le classiche azioni: dunque si possono acquistare e vendere.

etf

Si possono dunque aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste) nel caso in cui si tratta di un ETF negoziato tramite i CFD.

Qual è però la differenza tra i titoli azionari e gli ETF?

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre gli ETF possono comprendere un paniere di più azioni, che possono essere suddivisi per settori, borse nazionali e via dicendo.

Gli ETF sostanzialmente replicano l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento).

Tra gli indici troviamo anche quelli azionari, che racchiudono le società quotate di una borsa nazionale. In Italia abbiamo il FTSE MIB, che  racchiude i 40 titoli azionari italiani con maggiore capitalizzazione. Perciò il valore del FTSE MIB dipende dalle performance dei 40 titoli azionari di cui è composto. Di conseguenza un ETF sul FTSE MIB segue la performance dell’indice FTSE MIB.

Gli ETF però non riflettono solo un indice di borsa, possono racchiudere titoli azionari appartenenti allo stesso settore o relativi a una determinata materia prima, ossia gli ETF materie prime.

Esistono infatti gli ETF petrolio, gli ETF oro, gli ETF gas naturale e così via.

Gli ETF possono anche comprendere valute, in quel caso di parla di ETF valutari, oppure possono avere al proprio interno delle obbligazioni, in quest’altro caso parliamo di ETF obbligazionari.

Leggi i nostri articoli per scoprire quali sono gli ETF che potrebbero interessarti, ma soprattutto approfondisci il loro significato in relazione a ciò che comprendono.

CONTO DEMO

Conto Demo eToro

Come investire in ETF (Fondi) con IQ Option [guida]

  • 12 Settembre 2018
  • Trading Expert
=====================string(34204) "

Molto spesso quando si parla di investimenti online si fa riferimento anche agli ETF. In questa guida, grazie anche all’aiuto del broker IQ Option, cercheremo di renderti semplice la comprensione degli ETF, dandoti una spiegazione concreta su cosa sono e come funzionano.

Possiamo per tanto dare una prima definizione generale di ETF e definirli come dei fondi, ovvero un mezzo o anche uno strumento finanziario che viene utilizzato all’interno dei mercati finanziari per replicare un sottostante.

Da questa prima definizione partiremo per poi spiegarti anche come investire con gli ETF e per farlo ci aiuteremo anche con il broker IQ Option.

Devi anche considerare che il broker IQ Option è uno dei migliori, oggi presenti sul mercato, e di cui in seguito ti parleremo.

Gli ETF cosa sono?

Acronimo di Exchange Traded Found, gli ETF altro non sono se non dei fondi che si pongono lo scopo di replicare:

  • Indici;
  • Materie prime;
  • Panieri di consumo, ecc.

IQ Option, broker di trading online e CFD, dal 2018, ha inserito all’interno dei suoi strumenti anche gli ETF, che insieme alle azioni e ai CFD, ovvero ai contratti per differenza, completano l’offerta.

A questo punto il nostro compito è anche quello di farti comprendere come e perché è conveniente fare trading di ETF. Peraltro molti trader considerano gli ETF come degli strumenti di trading a basso rischio. Vediamo il perché.

Prima di procedere oltre devi però considerare che il trading online con leva finanziaria è un tipo di investimento abbastanza pericoloso. Essendo tale potrebbe comportare la perdita dell’intero capitale investito.

Quindi devi prestare particolare attenzione ai tuoi investimenti.  Investire con i CFD, gli ETF, ma anche con altri strumenti con leva finanziaria potrebbe comportare la perdita dell’intero tuo capitale. Ricorda anche che i CFD sono degli strumenti complessi e come tale presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente proprio a causa della leva finanziaria.

Ecco anche uno dei motivi per il quale ti consigliamo sempre di valutare il tipo di investimento ancor prima di investire con i CFD. In pratica devi capire se l’investimento intrapreso è quello adatto alle tue esigenze o meno, se te lo puoi permettere o se invece ti fa solo perdere i tuoi soldi.

>>Leggi anche: ETF sugli indici azionari: su quali conviene investire?

ETF: Come funzionano? Caratteristiche

Lo abbiamo accennato in precedenza. Gli ETF sono dei fondi che si pongono lo scopo di indicare l’andamento di un paniere di asset, di materie prime o di azioni.

Un reale esempio potrebbe essere il paniere dell’indice di borsa. Possiamo utilizzare questo esempio per farti meglio comprendere come funzionano questi strumenti.

Possiamo definire gli ETF come dei fondi che hanno al loro interno un insieme di asset. Essi sono raccolti a seconda della natura degli stessi e per tale motivo sono anche chiamati diversificati, pratici e molto liquidi.

Vi è anche da prendere in esame una differenza esistente tra gli ETF ed i fondi comuni di investimento. In questo caso, gli ETF hanno dei costi di gestione molto bassi.

Noi abbiamo deciso di parlarti degli ETF offerti da IQ Option, in quanto questo broker ha deciso di rendere disponibile l’operatività con gli ETF e lo ha fatto proponendoli come forma di investimento a breve termine. Allo stesso tempo, esso ha presentato mettendo in evidenza un grande numero di Exchange Traded Funds.

>>Leggi anche: ETF sui titoli azionari: quali sono i migliori?

ETF (fondi): si comprano e si vendono?

Il sistema di acquisto e di vendita non è molto differente rispetto a quello effettuato con altri asset. Essi si comprano e si vendono allo stesso modo delle azioni. Questo significa che si possono comprare e vendere ETF allo scoperto come succede anche per gli altri asset.

La differenza sostanziale?

Rispetto alle azioni singole gli ETF non rappresentano l’andamento di singole aziende. Essi invece rappresentano il paniere di un mercato nel suo complesso. Esempi potrebbero essere gli ETF sulle energie rinnovabili o sulle biotecnologie.

Per tale motivo possiamo rispondere alla domanda: gli ETF cosa sono, dicendo che sono un benchmark di riferimento di un mercato nel suo complesso.

ETF petrolio

Molto importanti e per altro molto famosi sono anche gli ETF sul petrolio i quali indicano l’andamento dei valori del mercato degli idrocarburi nella sua totalità.

>>Leggi anche: ETF materie prime: cosa sono e perché sceglierli

Quali sono i vantaggi degli ETF?

A questo punto cerchiamo di comprendere bene quali sono i vantaggi che possiamo sfruttare quando si investe con gli ETF. Inoltre i vantaggi aumentano se decideste di fare trading con IQ Option, grazie alla sua offerta di ETF.

Abbiamo detto che gli ETF sono strumenti finanziari e come tali sono molto interessanti e offrono anche diversi vantaggi.

Uno dei tanti è l’esenzione degli ETF dalle commissioni di ingresso e di uscita e hanno solo basse commissioni di gestione (non legate ai profitti) in genere tra lo 0,1- e il 1,5%.

Successivamente possiamo anche dire che ci sono degli ETF che pagano dividendi. Essi sono degli strumenti finanziari molto liquidi e per altro abbastanza scambiabili in tempo reale come succede per i titoli azionari.

Grazie ad IQ Option è possibile vendere ETF allo scoperto, ovvero fare delle scommesse sul ribasso di prezzo degli ETF grazie all’utilizzo di CFD.

A ben vedere questi primi elementi possono essere considerati come dei vantaggi che devono essere tenuti in considerazione soprattutto quando si cerca un asset a basso rischio come può essere un ETF.

>>Leggi anche: ETF valutari: quali sono i migliori su cui investire?

Cosa sono i fondi ETF

A questo punto analizzate anche brevemente quelle che sono le caratteristiche del broker IQ Option, possiamo procedere all’analisi degli ETF o dei fondi di investimento.

Possiamo dire innanzitutto che questi hanno guadagnato terreno come strumento di trading popolare negli ultimi anni.

Oggi ci sono diversi motivi per cui i trader guardano agli ETF. Lo fanno con una diversificazione immediata in cima alla lista dei motivi per cui valgono la pena di essere scambiati.

>>Leggi anche:ETF Paesi emergenti: guida su quali investire

Cosa sono gli ETF? Vantaggi e caratteristiche

Gli Exchange Traded Funds abbiamo detto che sono dei fondi scambiati in tempo reale. Il loro scambio avviene in modo del tutto simile alla negoziazione delle azioni.

Gli ETF seguono gli indici e quindi possono essere costituiti da materie prime, obbligazioni o panieri di attività.

Di seguito evidenzieremo 3 dei distinti vantaggi associati al trading di ETF.

Esposizione più ampia al mercato

I fondi ETF ti offrono la possibilità di accedere a più mercati senza dover acquistare un numero enorme di azioni individuali.

Questo vuol dire che ti permettono di espandere il tuo portafoglio su diversi investimenti.

Essendo anche che gli ETF tracciano e indicizzano, hanno delle prestazioni identiche e come tali il rischio assunto è inferiore rispetto ai titoli tradizionali.

Un nostro consiglio, quando si investe nel trading online con questi strumenti, è di cercare sempre di evitare di mettere tutte le tue uova in un paniere; gli ETF consentono ai trader di diversificare il loro portafoglio.

Flessibilità e liquidità

Vuol dire che gli ETF e i loro panieri di attività sottostanti sono negoziabili in un periodo di tempo anche abbastanza ridotto. Questo vuol dire che i prezzi fluttuano man mano che gli ETF vengono acquistati e venduti.

Essi sono scambiati come azioni e come tale ti offrono anche la possibilità di vendere o acquistare a margine durante le ore di mercato.

Essi ti offrono la possibilità di investire all’interno di una nicchia o in un settore di mercato specifico, come la tecnologia.

Ricorda anche che la liquidità di un ETF dipende sempre dalla classe di attività, ma in generale gli ETF sono considerati ad alta liquidità.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Rischio e copertura

Quando i opera in questo mercato, il rischio di perdere il capitale investito vi è sempre. Questo avviene a prescindere dallo strumento.

Nel caso specifico del trading con gli ETF essi sono tali in quanto comportano meno rischi delle attività tradizionali a causa anche della loro diversificazione. Potresti pensare di investire in ETF seguendo questo ragionamento:

Se stai commerciando con un paniere di attività invece di uno o due titoli specifici, c’è una maggiore possibilità che le perdite di una o due attività possano essere mediate dai guadagni di altre attività che comprendono l’ETF.

Il livello di rischio varia a seconda del tipo di ETF che si decide di negoziare, con alcuni che comportano un rischio maggiore rispetto ad altri.

Tieni presente anche che gli ETF sono un prodotto abbastanza liquido. Essi ti permettono di diversificare bene il paniere e come tale stanno divenendo sempre più popolari tra i trader.

Noi li consigliamo anche a te al fine di investire e diversificare l’investimento. Investire in ETF ti potrebbe anche offrire delle interessanti opportunità commerciali. Ecco uno dei motivi per il quale noi ti consigliamo di investire nel trading online con gli ETF al fine anche di avere un portafoglio di investimento il più diversificato possibile.

>>Leggi anche: ETF obbligazionari: cosa sono e quali scegliere?

Come investire in ETF con i CFD (contratti per differenza)?

A questo punto, possiamo procedere ad un ulteriore analisi. Ti abbiamo spiegato che gli ETF sono un tipo di investimento a basso rischio se paragonato con altri tipi di investimento. A questo punto, devi però comprendere bene come investire e come funzionano gli ETF.

Sicuramente avrai ben compreso che gli ETF ti consentono di investire su panieri di indici azionari e panieri di materie prime. Per tale motivo, gli ETF sono molto validi come strumento finanziario su cui investire.

Ma dove possono essere negoziati gli ETF come asset su cui puntare?

Come spesso accade, gli ETF sono comprati e venduti in Borsa e in Banca. Allo stesso tempo, puoi scegliere di investire su questi panieri anche tramite il trading online ovvero tramite le piattaforme di investimento online che ti permettono in modo autonomo, senza intermediario di investire su questi panieri.

Questo vuol dire anche poter sottoscrivere dei contratti a basso costo e senza un conto titoli che ha un costo di gestione impegnativo e non è per tutti.

In pratica, con quanto detto, vogliamo intendere che puoi investire in ETF non solo tramite borsa e banca ma anche tramite attività speculative sul valore degli ETF ovvero tramite il trading di contratti per differenza, ossia di CFD.

Questo strumento lo consigliamo proprio per diversificare il portafoglio d’investimento. Devi anche considerare che i broker ti offrono la possibilità di investire con gli ETF come asset, allo stesso modo di come avviene per criptovalute, azioni, coppie di valute, indici, materie prime come petrolio e oro, ecc.

Gli ETF oggi ti vengono offerti non solo dal broker IQ Option, ma anche da tutti gli altri da noi recensiti e di seguito riportati in tabella.

[tabella-brokers count=’5′ type=’forex’]

Chi è IQ Option?

Prima ancora di procedere con l’analisi degli ETF, cerchiamo di dare un definizione di IQ Option. Lo faremo dandoti delle spiegazioni, anche se limitate, concrete, che ti aiutano a comprendere bene che tipo di broker stai utilizzando.

Prima di tutto devi sapere che IQ Option è il broker di trading online regolamentato ed autorizzato che ti permette di investire su tantissimi asset sottostati compresi anche gli ETF.

Ti permette di fare questo grazie alla sua piattaforma di trading online regolamentata ed autorizzata dal deposito di appena 10 €.

IQ Option: trading CFD

Scegli di investire e fare trading Forex o con le altre strategie di trading, direttamente dalla piattaforma IQ Option!

IQ Option ti offre un conto demo gratuito da 10.000 €! Ti mette a disposizione un conto reale, che prevede un deposito minimo di appena 10 € e trade minimi da 1 €.

Il broker ti offre tantissime semplici opportunità di investimento, grazie ad una piattaforma semplice da utilizzare ed allo stesso tempo professionale.

Tutto quello che devi fare è aprire il tuo conto demo trading, al fine di testare anche la piattaforma.

Infine se scegli questo broker per investire nel trading online, devi sapere che scegli di investire sfruttando il servizio di formazione gratuito IQ Option. Esso è composto da  video lezioni gratuite, che ti permettono di imparare non solo ad utilizzare la piattaforma, ma anche i diversi strumenti di trading che essa offre.

Asset disponibili IQ Option

Per altro scegliendo IQ Option, scegli anche la possibilità di investire su un mercato diversificato e quindi operare su:

  1. Materie prime;
  2. Mercato Forex;
  3. ETF;
  4. Criptovalute, ecc.

Caratteristiche / vantaggi IQ Option

  • Piattaforma regolamentata ed autorizzata CySEC;
  • Conto demo gratuito;
  • Trade minimi da 1 €;
  • Layout multi-grafico;
  • Analisi tecnica;
  • Quotazioni storiche;
  • Piattaforma mobile;
  • Strumenti di trading eccellenti;
  • Avvisi sulla volatilità;
  • Aggiornamenti di mercato;
  • Stock screener;
  • Calendari;
  • Newsletter.

Vuoi rimanere aggiornato su tutti gli approfondimenti del broker? Segui le nostre guide:

ETF IQ Option: asset disponibili

A questo punto non ci resta che analizzare gli asset disponibili come ETF su IQ Option. Questo vuol dire scoprire come investire in ETF con IQ Option. Si tratta di strumenti, come detto, che ti permettono di analizzare gli asset sui quali operare e investire.

Ricorda sempre che la diversificazione degli ETF è un concetto molto importante. Esso ha diverse sfumature.

Questo vuol dire che il settore di produzione a cui fa riferimento l’indice benchmark di riferimento che l’ETF deve replicare.

Allo stesso modo devono essere presi in esame i tipi di titoli inclusi. Questi possono essere titoli di piccole, medie e grandi società. Gli ETF sono anche considerati titoli con caratteristiche distintive, come ad esempio quelli riguardanti il pagamento di dividendi o l’inclusione in un dato indice.

Infine non devi neanche scordarti le modalità di replica dell’indice, in quanto gli ETF possono replicare le performance normali e replicare il loro doppio o triplo. Allo stesso tempo, però possono effettuare delle repliche negativamente o il doppio o triplo in meno.

In questo caso si deve considerare gli ETF aventi leva finanziaria o Leveraged.

Ad oggi IQ Option offre 6 categorie di ETF differenti che vengono implementati mano a mano. Al momento si contano ben 28 ETF disponibili:

  1. Biotecnology: mercato della biotecnologia;
  2. Li-ion Power: mercato delle batterie li-on;
  3. Power of Money: specifico degli investimenti;
  4. Technology: specifico della tecnologia in generale;
  5. Clean energy: raccoglie il mercato dell’energia pulita;
  6. Dividends only: elenco di ETF che pagano dividendi

Ricorda anche che IQ Option è uno dei più popolari broker presenti al mondo e che si presta ad essere considerato come un ottimo intermediari finanziari. Questo lo si deve a diversi motivi e di seguito li analizziamo.

  1. Ricorda sempre che quando operi e fai trading con IQ Option, operi nel presente, ma investi nel futuro.
  2. Il broker IQ Option ti offre le migliori commissioni e un elenco infinito di diversi strumenti finanziari a tua disposizione.
  3. Puoi scegliere di investire e fare trading non solo su diversi mercati come ad esempio Forex, azioni, materie prime, criptovalute e ora anche su ETF.
  4. Con I Option puoi scegliere di investire con diversi asset e beni suddividendoli per propensione al rischio e rendimento atteso.

Ricorda infine che fare trading e investire in ETF con IQ Option ti permette di diversificare il tuo portafoglio. Lo puoi fare scegliendo di investire e fare trading su titoli quotati in borsa che racchiudono nei loro fondi sia indici che materie prime e panieri di consumo.

Nel caso in cui però vorresti investi in ETF con IQ Option, devi considerare che il profitto viene calcolato sul movimento del prezzo dell’ETF stesso.

In pratica tutto quanto è avvenuto nel passato rappresenta una serie storica e come tale non deve essere considerato come un indicatore per i risultati futuri.

È in buona sostanza un indicatore di quello che potenzialmente potrebbe accadere, ma non una certezza assoluta.

ETF Biotecnologia IQ Option

Gli ETF del settore biotecnologie sono tali perchè raccolgono indici dedicati al settore della biotecnologia. In questo caso, devi sapere che per biotecnologia intendiamo non solo il mercato della biologia applicata per ottenere beni o servizi utili, ma anche l’applicazione di qualunque tecnologia sviluppata o sviluppabile nel campo delle biotecnologie.

Esempi di ETF biotecnologici IQ Option sono:

XBI

Rappresenta un ETF che traccia le performance dell’indice S&P Biotechnology Select Industry Index. Esso deriva dal segmento biotecnologico di un indice composito del mercato totale degli Stati Uniti.

IBB

Viene considerato come un fondo con l’obbiettivo di replicare le performance dei risultati d’investimento di un indice che è composto da titoli del settore biotecnologico e farmaceutico e che sono quotati sul NASDAQ.

FBT

Viene considerato come un fondo che si pone l’obbiettivo di replicare il prezzo di un indice chiamato NYSE Arca Biotechnology IndexSM.

Noi lo consideriamo come un ETF che replica la performance dell’indice MVIS US Listed Biotech 25 Index.

 Caratteristiche di questi indici

Tutti gli ETF del settore biotecnologie raccolgono degli indici dedicati al settore della biotecnologia. In questo caso, per biotecnologia intendiamo indicare il mercato della biologia applicata al fine di ottenere beni e servizi utili, come anche l’applicazione di qualunque tecnologia sviluppata o sviluppabile nel campo delle biotecnologie.

ETF Li-ion IQ Option

Il principale ETF del Li-ion quotato da IQ Option è il LIT.

Si tratta a ben vedere di un fondo che ha come obbiettivo quello di fornire risultati d’investimento tali che corrispondono al prezzo e alla performance dell’indice Solactive Global Lithium Index.

ETF con dividendo IQ Option

In questo caso, parliamo di 169 ETF con dividendo che ti vengono offerti da IQ Option. Tra i tanti puoi trovare anche:

VIG

Definito come un fondo composto che replica le performance di un indice benchmark. Esso misura i risultati d’investimento di azioni ordinarie di società con dividendo crescente nel tempo.

Si tratta di un fondo che impiega un approccio d’investimento e di selezione tale da essere progettato per tracciare le performance dell’indice NASDAQ US Dividend Achievers Select Index.

VYM

E’ conosciuto come un ETF che traccia la performance dell’indice benchmark e che misura i risultati d’investimento in azioni ordinarie ma con un alto dividendo.

Il fondo impiega un approccio di selezione per l’investimento che è progettato al fine di tracciare le performance dell’indice FTSE High Dividend Yield Index.

ETF Power of Money IQ Option

In questa categoria, sono presenti ben 56 ETF. Tra i più importanti non possiamo non prendere in considerazione:

VFH

Considerato come un ETF che replica la performance dell’indice MSCI US Investable Market Index. Esso è composto da azioni di piccole, medie e grandi società statunitensi che sono leader nel settore finanziario, così come classificate dal GICS (Global Industry Classification Standard).

XLF

Definito come un ETF tale da replicare le performance di titoli di società che sono quotate pubblicamente all’interno dell’indice Financial Select Sector Index.

KBE

Fondo che replica le performance dei risultati d’investimento dell’indice S&P Banks Select Industry Index.

ETF Tecnologia IQ Option

Si tratta di ottimi strumenti di investimento. Tra i maggiori esempi di ETF Tecnologici quotati in IQ Option abbiamo:

QQQ

Si tratta di un fondo che ha come obbiettivo l’investimento e la replica della performance dell’indice Nasdaq 100, ovvero l’indice azionario “tecnologico” più importante al mondo.

XLK

Considerato come un ETF che ha l’obbiettivo di replicare la performance e il prezzo di titoli di società quotate sull’indice Technology Select Sector Index.

VGT

Considerato come un fondo che replica le performance dell’indice MSCI US Investable Market Index (IMI) / Information Technology 25/50. Esso è un indice formato di azioni di piccole, medie e grandi società del settore della tecnologia d’informazione, secondo quanto classificato dal GICS (Global Industry Classification Standard).

ETF Energia Pulita IQ Option

Rientrano in questo gruppo alcuni esempi ETF dedicati all’Energia Pulita e che sono quotati in IQ Option.

Tra questi abbiamo:

PBW

Considerato un fondo che quota il prezzo e la performance dell’indice WilderHull Clean Energy Index e che comprende per l’appunto azioni di società che operano nel settore dell’energia pulita.

ICLN

Considerato come un ETF il cui investimento quota l’indice S&P Global Clean Energy IndexTM

GEX

E’ un ETF che quota il prezzo e la performance dell’indice Ardour Global IndexSM (Extra Liquid).

Vantaggi di fare trading su ETF con IQ Option

IQ Option ha numero si vantaggi tra cui:

  • Nuove piattaforme;
  • Aggiornamenti mensili;
  • Layout multi grafico;
  • Multi piattaforma:
    • Mobile;
    • Mac;
    • Windows;
  • Indicatori grafici personalizzabili;
  • Quotazioni storiche sempre disponibili;
  • Forum di trader sempre disponibile nella piattaforma stessa.

Non dimenticare che IQ Option è il broker famoso e popolare per il suo servizio di assistenza clienti e come tale ha un ottimo rapporto con essi tanto che ti invia giornalmente o settimanalmente:

  • Segnali di trading;
  • Notizie di mercato;
  • Eventi azionari;
  • Calendari economici e avvertimenti con popup in piattaforma;
  • Newsletter di analisi tecnica gratis

In breve, scegliere di investire e fare trading con IQ Option sugli ETF è molto vantaggioso, considerando anche che ti permette di fare trading con conti demo gratis, ma anche con conti reali senza commissioni fisse e depositi a partire da 10 euro o dollari con operazioni a partire da un minimo di 1 euro solamente.

Essendo anche un broker di trading online, come detto in precedenza ed essendo un broker regolamentato e con licenza Europea CySEC 247/14 dal 2013, esso ti mette al sicuro da truffe e raggiri a cui puoi andare incontro nel caso in cui invece scegli di investire con broker senza licenza.

Quindi, se scegli di investire con IQ Option sei tu a scegliere di ricevere o meno delle telefonate. Se tu non hai mai accettato questo e ti contattano senza aver mai richiesto tale chiamata, allora si tratta di una truffa e ti consigliamo di avvertire subito l’assistenza.

Caratteristiche del broker IQ Option

  • Broker pluri premiato e apprezzato dagli esperti del settore;
  • Broker regolamentato Partner della Aston Martin Racing;
  • Conto-demo gratuito da € 10.000;
  • Corsi di formazione gratis;
  • Possibilità di connettere qualsiasi dispositivo alla piattaforma;
  • Vasta gamma di strumenti di trading;
  • Veloce e affidabile sistema di prelievo;
  • Conto per professionisti a disposizione per avere leva elevata e opzioni binarie e digitali.

Gli ETF – IQ Option, sono strumenti a basso rischio?

Per definizione possiamo dire che l’ETF è uno strumento a basso rischio, il quale viene determinato dal fatto che essendo un paniere di asset, al suo interno effettua una vera e propria diversificazione degli strumenti.

Devi però fare molta attenzione perché la voce Basso rischio deve essere resa in esame solo nel momento in cui viene utilizzata come raffronto con gli altri strumenti finanziari. Ad esempio se paragonati con le criptovalute che sono molto volatili, o anche con le azioni, anche tu puoi vedere che gli ETF hanno un rischio minore.

Le azioni infatti sono considerate da sempre come dei prodotti finanziari ad alto o medio rischio. Queste lo sono per il fatto stesso che le aziende possono incontrare delle difficoltà economiche inaspettate.

Allo stesso tempo, analizzando gli ETF offerti da IQ Option, possiamo notare come esse sono presi i considerazione in base al fatto che sono strumenti finanziari a basso rischio. Ovviamente hanno anche un ritorno piuttosto contenuto e basso.

Queste potrebbero essere delle considerazione molto importanti, per cui, molti scommettono sul Forex con strumenti finanziari ad alto rischio. Nel momento in cui si investe con questi strumenti, si ha un alto rischio e come tale, in caso di esito positivo dell’operazione si potrà ottenere un’alta remunerazione e un alto profitto.

Nel caso in cui invece sei un trader dalle propensioni al rischio basse, ti consigliamo di dare un’occhiata all’IQ Option ETF in quanto possono servire nell’ottica della diversificazione dei tuoi investimenti e che come tale ti permettono di diversificare il portafoglio senza rischiare eccessivamente il proprio capitale.

Il periodo di riferimento è sempre quello del breve termine. Ovvero gli ETF sono strumenti di investimento a breve termine. Se invece vuoi investire con strategie a lungo e medio termine, allora devi anche considerare altre forme di investimento.

Considerazioni e conclusioni sugli ETF IQ Option

A questo punto, siamo giunti alla fine del nostro approfondimento. Abbiamo analizzato anche se in maniera rapida le caratteristiche del broker IQ Option e degli ETF che esso mette a disposizione. Si tratta dell’analisi completa sul funzionamento degli ETF IQ Option.

A questo punto, però vogliamo anche sottolineare il fatto che come Iq Option, ci sono pochi altri broker che ti permettono di investire e fare trading su tanti strumenti finanziari con diverse piattaforme.

Per altro, tutti i mesi IQ Option effettua un aggiornamento importante e aggiunge nuovi strumenti emergenti e allo stesso tempo popolari. Tra questi strumenti non puoi non prendere in esame le criptovalute che stanno letteralmente esplodendo in questi anni.

Puoi anche scegliere di investire con azioni, CFD e altri strumenti. Questi sono solo alcuni degli ultimi vantaggi che possono essere elencati come potenziali strumenti interessanti in IQ Option.

IQ Option è il broker che ti offre più di 188 coppie di valute e ben 12 criptovalute. Questi possono essere sia acquistati sia tradati sotto forma di CFD.

In generale, però, possiamo dire che gli ETF saranno la novità dell’anno 2018.

" =====================Molto spesso quando si parla di investimenti online si fa riferimento anche agli ETF. In questa guida, grazie anche all’aiuto del broker IQ...

ETF sugli indici azionari: su quali conviene investire?

  • 17 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(22893) "

Gli ETF indici azionari sono probabilmente il miglior modo per investire sugli indici azionari, ovvero panieri di titoli azionari raccolti seguendo dei precisi criteri (capitalizzazione delle società, segmenti dell’economia, settori in cui lavorano, e così via).

Grazie agli ETF su indici azionari è possibile investire sugli indici azionari delle borse di tutto il mondo. Qui di seguito puoi trovare i miglio ETF su indici azionari:

  • ETF ProShares Ultra S&P500
  • ETF ProShares UltraShort Russell2000
  • ETF Financial Select Sector SPDR
  • ETF iShares Russell 1000 Growth Index
  • ETF ProShares Ultra QQQ
  • ETF ProShares Short S&P500
  • ETF iShares Dow Jones Select Dividend
  • ETF iShares Russell 2000 Value Index
  • ETF iShares R2000
  • ETF ProShares UltraPro Short S&P500
  • ETF SPDR Dow Jones Industrial Average
  • ETF ProShares UltraShort QQQ
  • ETF SPDR Consumer Discret Select Sector
  • ETF SPDR S&P Retail
  • ETF ProShares UltraShort 20
  • ETF PowerShares Trust Nasdaq 100
  • ETF ProShares UltraPro S&P500
  • ETF VXX Volatilità
  • ETF iShares AEX
  • ETF iShares FTSE

ETF Indici Azionari: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Indici Azionari: S&P 500

Se si vuole investire sul famoso indice americano S&P 500  ci sono molti tipi di ETF disponibili. Per esempio, l’ETF  SPDR S&P Retail è un tipo di ETF che si basa sul lato Retail dell’indice S&P 500. Questo ETF infatti replica l’andamento dell’indice Standard & Poor’s Retail Select Industry Index, ovvero l’indice di Standard & Poor’s dedicato al dettaglio.

Questo tipo di ETF è quindi un’ottima scelta se si vuole investire su tutti quei settori che operano nella vendita al dettaglio negli USA.  Fanno parte delle società incluse nell’indice quelle che operano nel settore: automobilistico, abbigliamento, alimentare, grandi magazzini, internet, farmaci, ipermercati e centri commerciali. L’advisor del fondo è la SSgA Funds Management Inc.

Altro ETF interessante è l’ETF ProShares Ultra S&P500 che ha come obiettivo quello di fornire risultati di investimento pari al doppio delle performance giornaliere dell’indice S&P 500. Questo ETF prende posizioni su titoli e strumenti finanziari per riuscire a raggiungere il proprio obiettivo di raddoppiare i risultati dell’indice S&P 500.  Il consulente di questo ETF è la ProShares Advisors LLC.

etf indici azionari

Sulla stessa lunghezza d’onda c’è l’ETF ProShares S&P500 che si occupa di fornire risultati di investimento pari al triplo delle performance giornaliere dell’indice S&P500, sempre tramite posizioni su titoli e strumenti finanziari. Per via della composizione dei rendimenti giornalieri, i rendimenti dei ProShares per periodi superiori a 1 giorno probabilmente differiranno in quantità e direzione rispetto al ritorno dell’obbiettivo per lo stesso periodo.

Invece l’ETF ProShares Short S&P500 segue l’indice S&P 500 con l’obiettivo di replicare l’inverso della performance giornaliera di questo indice. L’ETF investe almeno l’80% dei suoi net asset, inclusi prestiti e proposte d’investimento, in titoli che abbiano caratteristiche economiche che vadano nella direzione opposta a quella dell’indice, investendo in settori simili a quelli presenti nell’indice seguito. L’advisor dell’ETF è la ProShare Advisors LLC.

Anche l’ETF ProShares UltraPro Short S&P500 è un ETF che ha l’obiettivo di fornire risultati di investimento inversi, che corrispondo a 3 volte l’inverso delle performance giornaliere dell’indice S&P 500. Per via della composizione dei rendimenti giornalieri, i rendimenti dei ProShares su periodi superiori a 1 giorno probabilmente differiranno nell’ammontare e nella possibile direzione dal rendimento per lo stesso periodo.

Infine abbiamo l’ETF VXX Volatilità, chiamato anche iPath S&P 500 VIX Short-Term Futures ETN. Si tratta di un ETF che replica l’andamento dell’indice VIX della volatilità sull’indice del mercato azionario S&P500: questo indice riflette la volatilità dei prezzi delle opzioni sull’indice S&P 500.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

ETF Indici Azionari: Indice Russell

Al contrario dell’indice S&P 500, l’indice Russell 2000 include solamente società a piccola capitalizzazione quotate a Wall Street. L’indice è di tipo ponderato, float adjusted, che include 2000 titoli azionari tra i 3000 compresi nell’indice Russell 3000, che invece si occupa di seguire tutto il mercato azionario americano il più fedelmente possibile.

Per investire su questo indice abbiamo varie possibilità. Una delle prime è sicuramente l’ETF iShares Russell 2000 Value Index che si occupa di replicare l’andamento dell’indice Russell 2000. L’ETF in questione potrebbe però non contenere esattamente tutti i titoli compresi nell’indice. L’advisore del fondo è la BlackRock Fund Advisors.

etf indici azionari usa

Invece l’ETF ProShares UltraShort Russell2000 ha come obiettivo quello di fornire risultati economici pari al doppio dell’inverso delle performance giornaliere dell’indice Russell 2000. Questo ETF investe almeno l’80% dei suoi net asset in titoli e strumenti finanziari che abbiano caratteristiche economiche che vadano nella direzione opposta a quella dell’indice, investendo in settori simili a quelli presenti nell’indice seguito. Il consulente d’investimento dell’ETF è la ProShare Advisors LLC.

Infine abbiamo l’ETF iShares Russell 1000 Growth Index che si occupa di replicare l’andamento dell’indice Russell 1000 Growth Index, altro indice legato all’indice Russell 3000. Per la precisione, l’indice Russell 1000 include i 1000 titoli azionari a maggiore capitalizzazione di quelli inclusi nei 3000 titoli dell’indice Russell 3000. L’indice Russell 1000 rappresenta circa il 90% della capitalizzazione di mercato totale dell’indice Russell 3000.

Questo ETF investe in un campione rappresentativo di titoli inclusi nell’indice Russell 1000 per replicarne l’andamento nella maniera più fedele possibile. Il consulente di investimento del fondo è la BlackRock Fund Advisors.

ETF indici Azionari: Indice Nasdaq 100

Un altro importante indice americano è il Nasdaq 100, indice che include le 100 maggiori società quotate sul Nasdaq che non siano società finanziarie (sono incluse anche delle società estere). Il Nasdaq 100 è un indice di tipo ponderato, il peso delle diverse società che lo compongono è basato sulla loro capitalizzazione di mercato.

Per investire su questo indice abbiamo l’ETF PowerShares Trust Nasdaq 100 che si occupa proprio di replicare l’andamento e le performance dell’indice Nasdaq 100. L’advisor del fondo è la Invesco PowerShares Capital Management LLC, mentre il gestore è la Bank of New York Mellon.

Altro ETF grazie al quale si può investire sempre sull’indice Nasdaq 100 è l’ETF ProShares Ultra QQQ che si occupa di replicare l’andamento dell’indice Nasdaq 100 offrendo però rendimenti che corrispondano al doppio delle performance dell’indice in questione (tramite investimenti su titoli e strumenti finanziari differenti per raggiungere rendimenti del 200% rispetto all’indice). L’advisor dell’ETF è la ProShare Advisors LLC.

L’ETF ProShares UltraShort QQQ invece ha come obiettivo quello di replicare l’andamento dell’indice Nasdaq 100 fornendo risultati di investimento inversi, che corrispondo a due volte l’inverso delle performance giornaliere. Per via della composizione di rendimenti giornalieri, i rendimenti dei ProShares potrebbero differire se si prendono in considerazione periodi più ampi di un solo giorno.

ETF Indici Azionari: Dow Jones

Il Dow Jones è probabilmente l’indice azionario più famoso della Borsa di New York: creato da Charles Dow, padre fondatore dell’analisi tecnica e del Wall Street Journal, e da Edward Jones, statistico finanziario americano. L’indice viene calcolato soppesando il prezzo dei 30 principali titoli di Wall Street (30 società blue chips), anche se proprio per questo metodo di calcolo ha perso importanza perché non è più in grado di riflettere l’intero andamento dei titoli americani.

Tra le opzioni che abbiamo disponibili per investire sul Dow Jones abbiamo l’ETF SPDR Dow Jones Industrial Average fa riferimento al fondo SPDR Dow Jones Industrial Average ETF Trust, un’unità d’investimento che emette titoli chiamati trust units. Questo fondo replica l’andamento e le performance dell’indice Dow Jones Industrial Average che come abbiamo detto comprende 30 titoli blue chips.

Formazione trading online

Mentre l’ETF iShares Dow Jones Select Dividend, nome completo iShares Dow Jones Select Dividend Index Fund, si occupa di replicare l’andamento dell’indice Dow Jones Select Dividend Index. Questo indice misura le performance di un gruppo di titoli azionari emessi da società con alti rendimenti di dividendi: per la precisione 100 titoli azionari (escludendo i REIT, ovvero i Real Estate Investment Trust).

Questo ETF investe in titoli con dividendi ad alto rendimento che fanno parte anche dell’indice Dow Jones, oltre a titoli con un profilo simile a quello dei titoli inclusi nell’indice. Il consulente del fondo è la BlackRock Fund Advisor.

Infine abbiamo l’ETF iShares Dow Jones US Real Estate che è un ETF di tipo non diversificato che replica l’andamento dell’indice Dow Jones U.S. Real Estate Index. Questo indice misura le performance dei titoli azionari legati al settore immobiliare americano, comprendendo società e gruppi come holding & sviluppo oltre ai REIT (Real Estate Investment Trusts). L’ETF investe in un campione di titoli inclusi nell’indice, quindi potrebbe non includere tutte le azioni presenti. L’advisor dell’ETF è la BlackRock Fund Advisors.

ETF Indici Azionari: i restanti

Tra gli altri ETF su indici azionari c’è l’ETF Financial Select Sector SPDR che ha l’obiettivo di replicare l’andamento dell’indice Financial Select Sector Index. Questo indice comprende una varia gamma di servizi finanziari, assicurazioni, banche commerciali, mercati capitali, società d’investimento immobiliare (REIT), prestiti al consumatore, depositi e ipoteche, gestione e sviluppo di immobili. Il consulente del fondo è la SSGA Funds Management.

Poi abbiamo l’ETF SPDR Consumer Discret Select Sector che si occupa di replicare l’andamento dell’indice Consumer Discretionary Select Sector Index. Si tratta di un indice che comprende aziende di vari settori come media, vendita al dettaglio (anche online), alberghi, ristoranti, tempo libero, settore tessile, beni di lusso, beni durevoli per la casa, automobili, componenti per auto, distributori e attrezzature, ma anche prodotti per tempi libero e di consumo. L’advisor del’ETF anche in questo caso è la SSGA Funds Management.

trading-system

Gli ETF ProShares UltraShort 20+ Year Treasury e ProShares UltraShort Lehman 20+ Yr sono ETF che replicano l’andamento dell’indice Barclays Capital 20+ Year U.S. Treasury Bond Index, con risultati pari a due volte l’inverso delle performance giornaliere. L’advisor degli ETF è la ProShare Advisors LLC. L’indice si compone di tutti i titoli con le seguenti caratteristiche:

  • quotati negli stati Uniti
  • presenti sul mercato da più di 20 anni
  • non-convertibili
  • denominati in dollari USA
  • rating d’investimento pari ad almeno BAA dell’agenzia di rating Moody’s oppure a BBB- di Standard & Poor’s S&P
  • a tasso fisso
  • più di 250 milioni di dollari circolanti

Invece l’ETF iShares FTSE si occupa di replicare l’andamento del famoso indice azionario FTSE 100 della Borsa di Londra. Questo indice comprende i titoli azionari delle 100 società a maggiore capitalizzazione quotate alla Borsa di Londra che da sole rappresentano circa l’80% della capitalizzazione dell’intero mercato azionario inglese. La sua composizione viene cambiata su base trimestrale: Le più grandi società del FTSE 250 passano al FTSE100 nel caso in cui la capitalizzazione vada a collocarsi tra le prime 90 dell’indice FTSE 100.

Trading ETF sugli indici azionari su eToro

Il trading ETF sugli indici azionari è molto suggestivo. Grazie ai CFD si possono ottenere forti guadagni grazie all’effetto della leva finanziaria, ma prima di tutto è necessario iscriversi presso un broker che farà da intermediario.

Noi di Meteofinanza.com suggeriamo di valutare eToro, broker popolare e conosciuto in Italia che ha milioni di iscritti. Uno dei punti di forza di eToro è la mancanza di commissioni.

Infatti il broker non preleverà alcun euro sulle vostre operazioni, ad eccezione dello spread presente fra valore di acquisto e di vendita.

La popolarità di eToro nasce anche dall’enorme disponibilità di asset presenti sulla piattaforma. È possibile fare trading online non solo sugli ETF, ma anche direttamente sull’andamento del valore degli indici azionari.

Se un trader volesse sostenere una strategia long sull’indice FTSE MIB potrebbe farlo con molta semplicità. Stesso discorso vale per le strategie short sugli indici azionari delle borse più importanti al mondo, come il DAX di Francoforte, il CAC di Parigi e così via.

Trading ETF sugli indici azionari su IQ Option

Una valida alternativa a eToro può essere IQ Option, altro broker che consigliamo vivamente.

Il grande vantaggio di IQ Option è costituito dal poter investire sugli ETF dedicati agli indici azionari con un solo euro. Il deposito minimo è infatti pari a 10€.

Questo rende il trading accessibile a tutti, ma la domanda sorge spontanea, come si può guadagnare investendo cifre così basse?

La risposta è molto semplice, grazie alla leva finanziaria. Essa consiste in un “prestito” fatto dal broker che tornerà in possesso del proprio denaro al termine dell’operazione.

Perché dovrebbe farlo? Con la leva finanziaria sia i guadagni che le perdite sono aumentate, così anche il denaro prelevato dallo spread è più alto. Ciò costituisce quindi un vantaggio sia per il broker che per l’utente.

" =====================Gli ETF indici azionari sono probabilmente il miglior modo per investire sugli indici azionari, ovvero panieri di titoli azionari raccolti seguendo dei precisi...

ETF sui titoli azionari: quali sono i migliori?

  • 17 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(31017) "

Gli ETF azionari sono considerati uno dei migliori modi per diversificare i propri investimenti sul mercato azionario. Si tratta di un tipo di investimento differente rispetto a quello del mercato azionario, dove è possibile comprare le singole azioni.

Tramite gli ETF azionari si va ad investire su più azioni contemporaneamente: nel fondo di un ETF infatti possono essere inclusi svariati titoli azionari, scelti secondo determinati criteri e spesso raggruppati per categorie o settori dell’economia.

Investire su gli ETF azionari permette quindi di diversificare subito il proprio investimento sul mercato azionario, investendo su panieri di titoli azionari differenti tra loro e scelti da professionisti del settore (che vengono valutati anno dopo anno, eliminando titoli con performance negative e introducendo quelli con performance migliori).

Qui di seguito troviamo i migliori ETF azionari:

  • iShares S&P SmallCap 600 Index (IJR): azioni di società a piccola capitalizzazione
  • Industrial Select Sector SPDR (XLI): azioni del settore industriale
  • iShares MSCI EAFE Index (EFA)
  • iShares MSCI Taiwan Index (EWT) : titoli azionari quotati sulla borsa di Taiwan
  • Technology Select Sector SPDR (XLK): titoli azionari del settore industriale
  • iShares MSCI Hong Kong Index Fund (EWH): azioni quotate sulla borsa di Hong Kong
  • Consumer Staples Select Sector SPDR (XLP): focalizzato sulla produzione di beni di consumo
  • Vanguard FTSE Europe (VGK) : titoli azionari quotati sulle borse europee
  • iShares MSCI Japan Index (EWJ): azioni di società quotate sulla borsa giapponese
  • SPDR S&P/ASX 50 (SFY.AX): i 50 titoli azionari australiani a maggiore capitalizzazione
  • SPDR S&P Homebuilders (XHB): azioni del settore edilizio (costruttori case)
  • Health Care Select Sector SPDR (XLV): titoli azionari del settore sanitario
  • SPDR EURO STOXX 50 (FEZ) : azioni europee di tipo super sector
  • iShares Russell 2000 Growth Index (IWO): selezione di azioni dell’indice Russell
  • Market Vectors Russia (RSX): azioni di società russe più liquide
  • SPDR S&P MidCap 400 (MDY): azioni a media capitalizzazione
  • iShares MSCI Mexico Investable Mkt Idx (EWW): azioni della borsa messicana
  • Vanguard REIT Index (VNQ)
  • SPDR S&P 500 (SPY): azioni dell’indice S&P 500
  • SPDR S&P/ASX 200 Fund (STW.AX): 200 società australiane a maggiore capitalizzazione
  • Vanguard total Stock Market: performance dell’indice MSCI US Broad Market
  • Materials Select Sector SPDR: Materials Select Sector Index
  • Lixor CAC 40: tracciamento delle performance dell’indice CAC40
  • IShares China: ETF indice FTSE China 25
  • IShares MSCI South Korea: andamento dell’indice azionario coreano
  • IShares MSCI Brasil Index: indice della Borsa Brasiliana
  • Ishares AEX: Borsa Olandese
  • Ishares DAX: indice azionario tedesco DAX

ETF Azionari: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

 ETF Azionari USA: i migliori

Per quanto riguarda i titoli azionari americani, gli ETF azionari da prendere sicuramente in considerazione sono quelli relativi all’indice S&P:

  • ETF azionario SPDR S&P 500
  • L’ETF azionario iShares S&P SmallCap 600 Index
  • L’ETF SPDR S&P MidCap 400

L’ETF azionario SPDR S&P 500 replica l’andamento del famoso indice americano S&P 500, il più importante indice azionario USA: l’indice è composto dai titoli azionari delle 500 società americane a maggiore capitalizzazione di tutti i settori (finanziario, informatico, energetico, salute, industriale, beni di consumo, telecomunicazioni, etc…).

Di questo paniere fanno parte sia le azioni di grandi società quotate sul NYSE (New York Stock Exchange), sia quelle quotate sull’Amex (American Stock Exchange), che quelle quotate sul Nasdaq. L’indice distribuisce peso alle singole azioni proporzionalmente al valore di mercato.

L’ETF azionario iShares S&P SmallCap 600 Index replica l’andamento dell’indice Standard & Poor’s SmallCap 600, un indice che misura la performance dei titoli azionari scambiati nel settore a piccola capitalizzazione del mercato azionario statunitense.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

I titoli azionari che compongono l’indice sono scelti con criterio ponderato in accordo al valore di mercato totale di tipo float-adjusted tra le azioni emesse. Inoltre, le azioni che compongono l’indice hanno una capitalizzazione di mercato tra i 300 milioni e il miliardo di dollari , e sono selezionate per la liquidità e la rappresentatività del gruppo settoriale.

Invece l’ETF azionario SPDR S&P MidCap 400 punta a replicare le performance dell’indice americano S&P MidCap 400. Questo indice copre più del 7% del mercato azionario USA:  include infatti società che dovrebbero avere 4 quadrimestri consecutivi di utili consolidati, escludendo elementi straordinari.

Questo ETF include investimenti settoriali in settori finanziari, industriali, tecnologia informatica, prodotti sanitari e beni di consumo voluttuari (un po’ come tutti gli ETF di questa categoria). Il manager d’investimento del fondo è la Banca di New York.

ETF azionari europei: i migliori

Se ci spostiamo in Europa invece, troviamo:

  • ETF azionario iShares DAX
  • ETF Lyxor CAC 40
  • ETF Vanguard FTS Europe
  • ETF SPDR EURO STOXX 50

L’ETF azionario iShares DAX replica l’andamento dell’indice azionario tedesco DAX, il più importante in Germania. Il DAX è un paniere di 30 titoli azionari delle società a maggiore capitalizzazione sulla Borsa di Francoforte.

L’ETF Lyxor CAC (abbreviazione per Lyxor UCITS ETF CAC 40) è un ETF azionario che replica l’andamento dell’indice CAC40, l’indice francese con le 40 società francesi a maggiore capitalizzazione che sono quotate sulla Borsa di Parigi. L’indice si basa sul ritorno lordo e si presuppone quindi che i dividendi lordi (ritenuti alla fonte e quindi non possibili da dedurre) versati dai suoi costituenti sono reinvestiti nell’indice.

Gli ETF Lyxor hanno un’ottima fama come ETF molto trasparenti, con una buona liquidità e un’esposizione a basso costo. La Lyxor è rinomata per l’alta qualità dei suoi ETF, che possono diventare ottimi investimenti sia per il lungo termine, sia per il breve termine.

trading su azioniL’ETF Vanguard FTSE Europe invece si occupa di replicare l’andamento dell’indice FTSE Developed Europe All Cap Index, che come si può facilmente intuire dal nome è un indice azionari che include solamente titoli azionari dei più importanti mercati europei: si parla di oltre 460 titoli azionari!

Se si vuole investire sull’Eurozona e la sua economia, l’ETF Vanguard FTSE Europe è sicuramente una delle migliori scelte possibili. I titoli azionari che compongono questo ETF vengono monitorati attentamente e solo i migliori vengono inclusi anno dopo anno.

Infine abbiamo l’ETF azionario SPDR EURO STOXX 50 ha come scopo quello di replicare l’andamento dell’indice EURO STOXX 50. L’indice è pensato per rappresentare la performance di alcune delle società che fanno parte dei 20 EURO STOXX di tipo Supersector. Gli indici EURO STOXX Supersector sono sottocategorie dell’indice EURO STOXX, che a sua volta è una sottocategoria liquida dell’indice STOXX Europe 600.

ETF azionari per settori

Se invece vogliamo investire su interi settori dell’economia, possiamo dare un’occhiata ai migliori ETF di questo campo:

  • L’ETF Health Care Select Sector SPDR
  • L’ETF SPDR S&P Homebuilders
  • L’ETF Technology Select Sector SPDR
  • L’ETF Industrial Select Sector SPDR
  • L’ETF Consumer Staples Select Sector SPDR

L’ETF Health Care Select Sector SPDR si occupa di replicare l’andamento dell’indice S&P Health Care Select Sector, ovvero un indice dedicato al settore sanitario. Le società incluse in questo indice infatti sono selezionate in base ad una classificazione nell’industria generale del settore sanitario incluse nell’indice S&P 500.

Per tal motivo, in questo indice possiamo trovare tutte le società che operano nel settore farmaceutico e dei servizi per la salute, così come per equipaggiamenti e forniture mediche, ma anche società della branca della biotecnologia. Questo ETF, il cui advisor del fondo è la State Street Global Advisors, investe il 95% dei suoi asset in titoli compresi nell’indice.

etf azionari

L’ETF SPDR S&P Homebuilders, come si può facilmente intuire dal suo nome, è un ETF che investe nel settore costruzioni e più precisamente nella sottocategoria industriale dei costruttori di case. Replica infatti l’andamento dell’indice S&P Homebuilders Select Industry Index, un indice che fa parte del S&P Total Markets.

Il fondo dietro l’ETF investe su tutti i titoli rappresentati nell’indice, con le stesse proporzioni dell’indice stesso. Anche se è bene specificare che il fondo potrebbe investire in titoli non inclusi nell’indice, oltre che in strumenti cash e cash equivalenti, o anche nel mercato monetario.  Il consulente del fondo è la SSGA Funds Management.

L’ETF Technology Select Sector SPDR invece è l’ETF azionario perfetto per chi vuole investire sulle società più d’avanguardia nelle tecnologie informatiche (ed ha lo stesso Advisor del fondo precedente). Infatti, tramite un approccio passivo replica l’andamento dell’indice Technology Select Sector of the S&P 500 Index. Questo indice include soprattutto società che operano nell’ambito informatico, ma anche servizi di telecomunicazione e produttori di computer e periferiche.

L’ETF Industrial Select Sector SPDR si occupa di replicare le performance dell’indice Industrial Select Sector Index, un indice che contiene un paniere di titoli di società che operano in vari settori industriali. Anche in questo caso l’advisor del fondo è sempre il gruppo SSGA Funds Management.

Peter Lynch: come scegliere le azioni su cui investire

Le società quotate nell’indice infatti operano in settori come difesa e spaziale, conglomerati industriali, produzione di macchinari ma anche infrastrutture come strade e ferrovie, fino ad arrivare a servizi commerciali, compagnie aeree e prodotti per costruzione: insomma, si tratta di un indice molto variegato che può quindi aiutare a diversificare il proprio investimento.

Infine abbiamo l’ETF Consumer Staples Select Sector SPDR che si occupa di replicare l’andamento dell’indice The Consumer Staples Select Sector Index, investendo il 95% degli asset del fondo proprio in titoli che fanno parte dell’indice. Anche in questo caso l’advisor del fondo è la SSGA Funds Management.

I titoli che fanno parte di questo indice fanno parte dell’industria dei beni di consumo, come prodotti per la casa, bevande, prodotti alimentari, tabacco, prodotti per l’igiene personale, e più in generale tutti i prodotti che usiamo nella nostra quotidianità.

ETF azionari: le restanti economie

L’ultima tipologia di ETF azionari è quella relativa alle principali economie mondiali e alle economie in rapida crescita. Questi ETF permettono di investire sui migliori titoli azionari di queste economie. Qui di seguito alcuni tra i più importanti:

  • ETF Market Vectors Russia
  • ETF iShares MSCI South Korea Index Fund
  • ETF iShares China Large-CAP ETF
  • ETF iShares MSCI Hong Kong Index Fund
  • ETF SPDR S&P/ASX 50
  • ETF SPDR S&P/ASX 200 Fund
  • ETF iShares MSCI Brazil Index
  • ETF iShares MSCI Mexico Investable Mkt Idx
  • ETF iShares MSCI Taiwan Index

Se si vuole investire sull’economia russa, allora bisogna scegliere l’ETF Market Vectors Russia che si occupa di replicare l’andamento dell’indice DAXGlobal Russia+, un indice di tipo ponderato che contiene titoli azionari delle principali società russe. Le società che rientrano in questo indice, devono rispettare dei criteri di selezione molto stringenti:

  • Avere sede legale in Russia
  • Essere scambiate sulla borsa di Mosca o globale con un capitale superiore a 150 milioni di dollari USA
  • Avere un volume di scambi giornaliero di almeno 1 milione di dollari negli ultimi 6 mesi

Il fornitore dell’indice è la Deutsche Borse AG. Il fondo è gestito passivamente e potrebbe non comprendere tutti i titoli azionari che fanno parte del DXRPUS. L’advisor del fondo è la Van Eck Associates Corporation.

L’ETF iShares MSCI South Korea Index Fund si basa sull’andamento dell’indice azionario sudcoreano MSCI Korea 25/50. L’indice è di tipo free float adjusted con peso associato alla capitalizzazione, in cui tuttavia nessun componente deve eccedere il 25% del peso dell’indice e tutte le emittenti con peso superiore al 5% non eccedono il 50% del peso dell’indice.

L’indice include i titoli azionari delle principali società sudcoreane, mentre l’ETF investe un terzo del valore totale dei suoi asset su tali titoli. L’advisor del fondo è la Blackrock Fund Advisors, una delle più importanti società del settore al mondo.

Gli ETF iShares China, chiamato anche iShares China Large-CAP ETF, si occupa di replicare l’andamento dell’indice FTSE China 25. Questo indice è composta dalle principali 25 società cinesi quotate sul mercato azionario cinese e che sono disponibili agli investitori internazionali. Sono incluse società del settore finanziario, telecomunicazioni, petrolio e gas, tecnologia, beni di consumo. Anche in questo caso l’advisor è la BlackRock Fund Advisors.

Per rimanere sempre sul mercato asiatico, dopo Sud-Corea e Cina troviamo Hong Kong: l’ETF iShares MSCI Hong Kong Index Fund  replica l’andamento dell’indice MSCI Hong Kong Index, il principale indice azionario di Hong Kong, ponderato sulla capitalizzazione delle società e rappresentante l’85% della capitalizzazione di tutto il mercato azionario di Hong Kong. Anche in questo caso l’advisor del fondo è la BlackRock Fund Advisor.

L’ETF SPDR S&P/ASX 50 replica l’andamento dell’indice S&P/ASX 50, un indice chiave per il mercato azionario australiano. L’approccio di questo ETF è stato pensato in modo tale da fornire portafogli con bassi turnover, tracciamento accurato, minori costi.

etf azioni

L’indice su cui è basato, ovvero il S&P/ASX 50, comprende approssimativamente 50 dei più importanti titoli azionari australiani in termini di capitalizzazione ed è quindi un ottimo modo per investire sull’economia australiana.

Rimanendo sempre in Australia troviamo anche L’ETF SPDR S&P/ASX 200 Fund che si occupa di replicare l’andamento dell’indice S&P/ASX 200 relativo alla borsa australiana. L’indice S&P/ASX 200 infatti include i titoli azionari delle 200 più grandi azioni australiane per capitalizzazione.

L’ETF iShares MSCI Brazil Index  Capped Index Fund si occupa di replicare l’andamento dei principali titoli azionari quotati sulla borsa brasiliana, seguendo l’indice brasiliano MSCI.  Questo indice traccia le performance del mercato azionario brasiliano e nel suo calcolo associa un peso in base alla capitalizzazione. L’insieme delle azioni contenute nell’indice MSCI Brazil Index rappreentano l’85% dell’intera capitalizzazione di mercato.

L’ETF investe in diversi settori quali finanziari, energetici, materie prime, consumo, assicurazioni, telecomunicazioni, industriale, tecnologia, informatica, salute. L’advisor finanziario del fondo è la Blackrock Fund Advisors.

L’ETF iShares MSCI Mexico Investable Mkt Idx può essere un’ottima scelta per investire sull’economia del Messico, dato che replica l’andamento dell’indice messicano MSCI Mexico IMI 25/50, indice di tipo free-float adjusted che associa il peso ai titoli in base alla capitalizzazione, con la particolarità di includere titoli con peso tra il 5% e il 50% dell’intero indice.

I titoli azionari inclusi nell’indice sono soprattutto di società del settore dei beni di consumo, materiali e telecomunicazioni. Il fondo investe almeno l’80% dei suoi asset in titoli dell’indice di riferimento e in certificati negoziabili che rappresentano i titoli del suo indice. L’advisor del fondo è la Blackrock Fund Advisors.

L’ETF iShares MSCI Taiwan Index replica l’andamento dell’economia di Taiwan tramite l’indice MSCI Taiwan IndexSM, che include azioni scambiate sulla borsa di Taiwan. Anche in questo caso l’advisor del fondo è la BlackRock Fund Advisor.

L’ETF investe su un campione rappresentativo dei titoli inclusi nell’indice che segue, cercando di ottenere un profilo simile all’indice. Dato che viene utilizzato solo un campione dei titoli, è possibile che non tutti i titoli azionari dell’indice siano inclusi nell’ETF. Ciò nonostante questo ETF rimane la scelta migliore per seguire l’economia di Taiwan.

Trading ETF azionari su eToro

Spiegati esaurientemente cosa sono gli ETF azionari e quali sono i migliori su cui investire non ci resta che scegliere un broker. Uno dei più influenti in Italia è certamente eToro soprattutto per la sua vasta gamma di prodotti finanziari disponibili.

Infatti su eToro non solo potrete investire sul rialzo o sul ribasso degli ETF azionari, ma anche su numerosi altri asset finanziari, tra cui proprio i titoli azionari delle più prestigiose borse mondiali.

Chi desidera investire non solo sugli ETF, ma intende diversificare il proprio portafoglio ed effettuare strategie long o short sui titoli azionari, può farlo agevolmente su eToro grazie ai CFD.

Infatti essi replicano solo l’andamento del valore dell’asset selezionato, il guadagno (o la perdita) dipenderà dalla differenza di prezzo fra il valore iniziale e finale del prodotto finanziario su cui avete investito.

Iscriversi su eToro significa entrare a far parte di una vasta community che conta milioni di persone. Il broker è infatti presente in 140 Stati differenti e la piattaforma in Italia è disponibile completamente in italiano.

Trading ETF azionari su IQ Option

Fra i broker su cui è possibile fare trading sugli ETF azionari vale la pena considerare IQ Option. Il broker è diventato famoso grazie alle opzioni binarie, ma ha recentemente esteso la gamma di prodotti.

L’espansione di IQ Option non si è ancora arrestata. Infatti oltre alle opzioni binarie il broker offre oggi il trading sulle criptovalute, sulle coppie di valute, sulle materie prime, sui titoli azionari e chiaramente anche sugli ETF.

Tramite i CFD potrete fare operazioni su più di 70 asset su IQ Option. Grazie a questo strumento finanziario i vostri guadagni saranno amplificati per l’effetto della leva finanziaria.

Infatti con una leva pari a 1:100 il vostro investimento di 100€ sarà in realtà di 10.000€ e bisognerà considerare quest’ultimo importo per valutare i guadagni effettivi.

È opportuno fare attenzione perché così come per i guadagni lo stesso discorso vale anche per le perdite. Se le perdite dovessero eccedere il capitale investito, quest’ultimo potrebbe esaurirsi.

" =====================Gli ETF azionari sono considerati uno dei migliori modi per diversificare i propri investimenti sul mercato azionario. Si tratta di un tipo di...

ETF materie prime: cosa sono e perché sceglierli

  • 17 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(8629) "

Gli ETF materie prime sono una delle migliori scelte per diversificare il proprio investimento proprio perché le materie prime sono uno degli asset più interessanti su cui investire. Inoltre, grazie agli ETF su materie prime sarà possibile anche investire su più materie prime diverse tramite un sol tipo di ETF.

Ci sono anche gli ETF su singole materie prime (come ETF petrolio, oro, argento, gas e così via), ma in questo articolo vogliamo mostrarvi gli ETF su gruppi di materie prime. Uno dei più importanti di questo genere è proprio il seguente:

  • Commodity Index Fund (DBC)

ETF Materie Prime: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Materie Prime: Commodity Index Fund

L’ETF PowerShares DB Commodity Index Tracking Fund si occupa di replicare l’andamento dell’indice DBIQ Optimum Yield Diversified Commodity Index Excess Return. Questo tipo di ETF è perfetto per tutti gli investitori che vogliono investire sulle materie prime e diversificare così il proprio portfolio di investimenti.

Infatti, l’indice a cui fa riferimento questo ETF è composto di contratti futures su 14 delle materie prime più importanti e scambiate al mondo. Sia il fondo, sia l’indice, sono sottoposti ad un processo di riequilibrio e ricostituzione ogni anno nel mese di novembre.

materie primeProprio questo è il vantaggio principale di questo ETF sulle materie prime: le 14 materie prime prese in considerazione sono scelte ogni anno da professionisti del settore e dai gestori del fondo, assicurando quindi agli investitori la migliore scelta possibile.

Si tratta comunque di un investimento fortemente speculativo, fattore che è bene ricordare sempre. L’alternativa è quella di investire sugli ETF delle singole materie prime, quindi scegliere ETF sul petrolio, oro, argento e così via.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF materie prime su eToro

Per poter investire sugli ETF del settore delle materie prime è necessario che il trader scelga un broker affidabile su cui poter operare sui mercati finanziari. Noi crediamo che eToro sia un’ottima scelta per le vostre esigenze.

Esso è un broker popolare e la sua community vanta milioni di persone, che quotidianamente sono attive sui mercati e si scambiano opinioni grazie al social trading, ovvero un esperimento di trasformazione di una piattaforma di trading in un social network.

Per chi volesse investire direttamente sulle materie prime e non sugli ETF, può liberamente farlo su eToro grazie all’ampia disponibilità di commodities presenti sulla piattaforma.

Attraverso i CFD i trader potranno operare sia sugli ETF delle materie prime sia direttamente sulle commodities come oro, petrolio, argento, gas naturale e così via.

Trading ETF materie prime su IQ Option

Un altro broker che merita decisamente la vostra attenzione è IQ Option. Sulla sua piattaforma potrete comodamente investire sugli ETF materie prime attraverso i CFD.

Il broker dispone anche di un’ottima versione mobile che vi permetterà di poter operare anche dal vostro dispositivo cellulare. Non a caso IQ Option vinse nel 2015 il premio IFM Awards come “Migliore piattaforma di trading mobile”.

iq option account

Come su eToro, anche su IQ Option potrete investire direttamente sul rialzo o sul ribasso di una singola materia prima. Potrete quindi per esempio posizionarvi short sul petrolio WTI o sostenere una strategia long sull’oro o sull’argento.

Prima di iniziare a investire è consigliabile fare pratica sulla versione demo offerta da IQ Option, dove si potrà fare trading con denaro virtuale sui mercati finanziari reali. In questo modo sarà possibile imparare senza alcun rischio economico.

" =====================Gli ETF materie prime sono una delle migliori scelte per diversificare il proprio investimento proprio perché le materie prime sono uno degli asset...

ETF valutari: quali sono i migliori su cui investire?

  • 17 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(8115) "

Gli ETF valutari sono un particolare tipo di ETF che fa riferimento alle valute nazionali e il mercato del forex, il mercato più liquido che esista e che riesce a muovere trilioni di dollari ogni giorno. L’obiettivo di questi ETF è quello di replicare l’andamento di prezzo di una valuta oppure un indice valutario.

E’ possibile scegliere tra molti tipi di ETF differenti, anche su valute estere. Uno dei più importanti è il seguente:

  • Currency Shares Euro Trust

ETF Valutari: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Valutari: Currency Shares Euro Trust

L’ETF CurrencyShares Euro Trust (FXE) è un trust revocabile. Ovvero, il trust emette quote azionari in blocchi (da 50.000 per essere più specifici) in cambio di depositi in euro e poi distribuisce euro in connessione a seconda del riscatto dei blocchi distribuiti.

etf valutari

L’obbiettivo d’investimento del Trust è di replicare il prezzo dell’euro più gli interessi maturati. Le quote hanno come obbiettivo quello di offrire agli investitori l’opportunità di partecipare al mercato dell’euro attraverso un investimento in titoli (le azioni sono negoziate sul NYSE Arca).

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF valutari su eToro

Una volta compreso cosa sono gli ETF valutari, è necessario iscriversi a un broker per poter iniziare a fare trading online tramite i CFD, i cosiddetti Contratti per Differenza.

Fra i broker presenti in Italia, certamente eToro è uno dei più importanti e conosciuti. Oltre agli ETF valutari, il broker offre numerose altre possibilità, soprattutto concernenti il mercato valutario del Forex.

Essendo quest’ultimo il più liquido del mondo le occasioni di guadagno non mancheranno certamente, è necessario però studiare una buona strategia di trading.

Oltre allo studio autodidatta, eToro mette in comunicazione gli utenti fra di loro per permettere loro di migliorarsi e scoprire nuove strategie.

Questa funzione si chiama Social Trading e molti altri broker e piattaforme online hanno deciso di implementarla grazie al successo che ha ottenuto negli ultimi tempi.

Il broker eToro fu uno dei primi a inserire questa possibilità per i propri utenti, trasformando la propria piattaforma in un vero e proprio social network.

Trading ETF valutari su IQ Option

Oltre a eToro, un altro broker molto famoso e di successo è IQ Option, che offre la possibilità di investire sugli ETF valutari attraverso i CFD.

Per fare trading in maniera soddisfacente è necessaria una buona formazione e uno studio piuttosto accurato dei mercati finanziari. IQ Option offre un professionale sistema di formazione proprio per consentire ai propri utenti di avere l’educazione finanziaria necessaria per non fallire.

iq option account

Il design della piattaforma di IQ Option è molto accattivante e intuitivo. Inoltre è possibile raggiungere la piattaforma e fare trading online anche da dispositivi mobile sia per iOS sia per Android.

Il broker è in completa espansione e oggi conta più di 70 asset finanziari da negoziare, mentre nel 2016 ha superato i 14 milioni di iscritti.

" =====================Gli ETF valutari sono un particolare tipo di ETF che fa riferimento alle valute nazionali e il mercato del forex, il mercato più...

ETF Paesi emergenti: guida su quali investire

  • 17 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(11395) "

Gli ETF sui Paesi Emergenti sono uno dei metodi più semplici per andare ad investire sulle economie di quei paesi che stanno rapidamente crescendo nel corso di questi ultimi decenni. Paesi che si trovano spesso nel continente africano, asiatico e sud-americano (basti pensare ai paesi del BRICS, ovvero i cinque paesi con le maggiori economie emergenti: Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa).

Tra gli ETF più importanti per investire sui Paesi Emergenti troviamo:

  • IShares Emerging Markets
  • Direxion Daily Emerging Markets Bull
  • Ishares MSCI ACWI Index
  • Vanguard MSCI Emergin Markets

ETF Paesi Emergenti: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Paesi Emergenti: i migliori

L’ETF iShares MSCI Emerging Markets si occupa di seguire le economie dei principali paesi emergenti, così come misurato dall’indice MSCI Emerging Markets. Questo indice si occupa di replicare le performance dei mercati azionari dei paesi emergenti.

Il fondo dietro l’ETF iShares MSCI Emerging Markets, che ha come advisor la BlackRock Fund, si occupa di investire su un gruppo rappresentativo di titoli azionari che fanno parte di tale indice, andando quindi ad investire sui migliori titoli dei mercati azionari emergenti.

Mentre l’ETF iShares MSCI ACWI Index si occupa di seguire sempre le principali economie emergenti, affidandosi però all’indice MSCI All Country World. Anche questo indice è composto di titoli azionari provenienti dai mercati dei paesi emergenti ed è un tipo di indice “float-adjusted”, ovvero un indice che associa il peso ai suoi elementi in base alla capitalizzazione di mercato.

etf mercati emergenti

In questo caso l’indice è composto da società legate a beni di consumo voluttuari e di prima necessità, ma anche energia, finanza, industria, tecnologia e informatica. Il fondo che gestisce questo ETF investe almeno il 90% dei suoi asset in titoli contenuti nell’indice che segue, ovvero l’indice MSCI All Country World.

Invece l’ETF Vanguard MSCI Emerging Markets si occupa di replicare l’andamento dell’indice FTSE Emerging Markets All Cap China A Transition Index, un paniere di titoli azionari dei principali paesi emergenti come Cina, Brasile, Taiwan e Sud Africa.

Questo ETF ha un alto potenziale di crescita ma anche di rischio, il cui valore di quota può oscillare più di quello dei fondi azionari che investono in paesi sviluppati. Questo fondo si mostra più appropriato per investimenti a lungo termine che a breve termine.

investire-in-obbligazioni-etfInfine abbiamo l’ETF Direxion Daily Emrg Mkts Bull 3X Shares, che è la parte rialzista del Direxion Daily Emerging Markets Bull and Bear 3x. Si tratta di un ETF “leveraged”, ovvero con leva (di preciso ha un moltiplicatore 3x): questi ETF hanno il vantaggio di poter ottenere ottimi profitti in tempi brevi proprio grazie alla leva, oltre ad essere molto liquidi sul mercato.

Questo ETF si basa sull’indice MSCI Emerging Market (MXEA), un indice di capitalizzazione del mercato di tipo float-adjusted, progettato per misurare le performance del mercato dei titoli nei mercati globali emergenti.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF Paesi emergenti su eToro

Il broker eToro mette a disposizione sulla propria piattaforma di trading online la possibilità di investire tramite i CFD sugli ETF sui Paesi emergenti.

Il broker eToro offre un grande vantaggio ai propri utenti, ovvero non applica commissioni sull’apertura o sulla chiusura delle posizioni su qualsiasi asset finanziario, compresi gli ETF.

Infatti il profitto di eToro deriva soprattutto dallo spread dei vari prodotti finanziari. Quest’ultimo è presente in moltissimi altri broker a differenza delle commissioni che spesso vengono aggiunte da altri operatori.

La community di eToro vanta milioni di persone, attratte dalla possibilità di fare profitti grazie alla leva finanziaria. Infatti grazie a questa tutti i guadagni (e le perdite) sono amplificati a seconda della scala della leva.

Per fare un esempio con una leva pari a 1:10 l’investimento di 1.000€ salirà a 10.000€ grazie al “prestito” del broker che si chiuderà al termine di ogni operazione.

Trading ETF Paesi emergenti su IQ Option

Chi desidera investire parte dei propri risparmi sugli ETF dedicati ai Paesi emergenti attraverso i CFD non dovrebbe fare a meno di valutare IQ Option.

Esso è un broker dall’interfaccia molto intuitiva, disponibile anche sulla versione mobile. Divenuto famoso per le opzioni binarie, IQ Option ha esteso enormemente la sua gamma di prodotti.

Oggi è possibile fare trading su IQ Option sulle coppie di valute, sui titoli azionari, sulle criptovalute, sulle opzioni binarie e digitali, sulle materie prime e chiaramente anche sugli ETF.

iq option account

Anche su IQ Option, come su tutti gli operatori che sfruttano i CFD, è disponibile la leva finanziaria, che consente ai trader di ottenere guadagni investendo piccole somme di denaro.

IQ Option ha un vantaggio ulteriore, ovvero la bassa barriera d’ingresso. Con soli 10€ è possibile iniziare a fare trading, questa cifra è infatti il deposito minimo ammesso.

L’investimento minimo è invece di un solo euro, che permette a moltissime persone di poter entrare nei mercati finanziari e diventare futuri trader di successo.

" =====================Gli ETF sui Paesi Emergenti sono uno dei metodi più semplici per andare ad investire sulle economie di quei paesi che stanno rapidamente...

ETF obbligazionari: cosa sono e quali scegliere?

  • 17 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(13543) "

Quando si parla di ETF obbligazionari si parla ETF che possono essere anche molto diversi tra loro. Ricordiamo che un’obbligazione è un titolo di debito emesso da società o enti pubblici che attribuisce al suo possessore, alla scadenza, il diritto al rimborso del capitale prestato all’emittente, più un interesse su tale somma.

L’obbligazione è quindi una vera e propria forma di investimento (un esempio sono i famosi titoli di stato). Lo scopo dell’emissioni di obbligazioni, per chi le emette, è quello di reperire liquidità. Il capitale raccolto verrà poi ovviamente restituito agli investitoti a fine scadenza delle obbligazioni in un’unica soluzione, mentre gli interessi saranno liquidati in uno dei seguenti modi:

  • Trimestralmente
  • Semestralmente
  • Annualmente

Gli interessi corrisposti periodicamente vengono chiamati “cedole” perché in passato per riscuoterli si doveva staccare il tagliando numerato unito al certificato che rappresentava l’obbligazione. Rispetto ad un investimento sul mercato azionario, le obbligazioni vengono considerate in genere meno rischiose perché non sono soggette a quotazione sul mercato azionario e hanno il tasso di interesse tipicamente fisso alla stipula del contratto di vendita.

Possono esserci infatti ETF obbligazionari “High Yield”, ovvero ad alto rendimento: questi ETF fanno riferimento a fondi che hanno come obiettivo quello di replicare le performance di indici che includono dei titoli obbligazionari ad alto rendimento.

Ci sono anche gli ETF obbligazionari a breve termine che comprendono obbligazioni a breve scadenza, anche se ovviamente questo tipo di ETF è più rischioso rispetto a quelli che puntano ad ottenere guadagni sul lungo termine.

Vi sono anche ETF obbligazionari su settori specifici (come le economie dei paesi emergenti, per esempio). Qui di seguito ti mostriamo gli ETF obbligazionari più importanti in circolazione:

  • IShares High Yid Corp Bond [ISIN IE00B66F4759]
  • SPDR Barclays CApital High YIELD Bond [ISIN IE00B6YX5M31]
  • Vanguard Total Market ETF [ISIN US9229087690]
  • IShares Iboxx Invest Grade Corp Bond [ISIN US4642872422]

ETF obbligazionari: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-

Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

I migliori ETF obbligazionari

Il fondo ETF obbligazionario iShares iBoxx $ High Yid Corp Bond ha come obiettivo quello di seguire l’andamento dell’indice Markit iBoxx USD Liquid High Yield. Questo indice è composto da obbligazioni ad alto rendimento in vendita negli USA, include quindi società a piccola, media e grande capitalizzazione nel settore finanziario, industriale, petrolifero, e terziario.

Il consulente di questo fondo è la BlackRock Fund Advisors, e il fondo punta ad investire almeno il 90% dei suoi asset in titoli dell’indice e in investimenti che forniscano sostanzialmente un’esposizione in titoli pari a quella dell’indice, proprio per replicarne il più fedelmente possibile l’andamento.

etf obbligazionari

L’ETF obbligazionario SPDR Barclays Capital High Yield Bond segue invece l’andamento dell’indice Barclays Capital High Yield Very Liquid Index. L’advisor del fondo è la SSGA Funds Management. Si tratta di un indice che include obbligazioni che devono rispettare criteri molti rigidi come:

  • Denominazione in dollari USA
  • Non-investment grade
  • Alto rendimento secondo il rating medio di agenzie come Moody’s, S&P, Fitch
  • Avere almeno 600 milioni di dollari di valore nominale circolante
  • Vengono esclusi dall’indice i bond non corporativi, falliti, PIK e titoli/bond di mercati emergenti

L’ETF obbligazionario SPDR Barclays Capital High Yield Bond è un fondo cerca di replicare le performance dell’indice Barclays Capital High Yield Very Liquid Index. Anche questo indice segue le stesse regole sopracitate per la scelta delle obbligazioni da inserire al suo interno, e l’advisor del fondo è sempre la SSGA Funds Management.

trading-etf-petrolio

L’ETF Vanguard Total Bond Market ha il compito, tramite una gestione passiva, di replicare l’andamento dell’indice Barclays Capital U.S. Aggregate Bond Index (di tipo market-weighted). Questo indice misura una gamma di titoli USA selezionati tra quelli pubblici, investment-grade (alta fedeltà), tassabili, a provento fisso.  E questi titoli, che devono avere tutti scadenza superiore ad un anno, includono:

  • Bond internazionali governativi
  • Bond corporativi e denominati in dollari
  • Titoli con ipoteca
  • Titoli garantiti da attività

Il fondo dietro questo ETF investe almeno l’80% dei suoi asset su un campione dell’indice, ovvero una selezione delle obbligazioni facenti parte dell’indice che nel complesso si avvicinino all’indice completo in termini di fattori di rischio e di altre caratteristiche. Il consulente d’investimento del fondo è il gruppo The Vanguard Group.

Il fondo ETF obbligazionario iShares iBoxx $ High Yid Corp Bond punta a replicare le performance dell’indice Markit iBoxx USD Liquid High Yield, il quale si basa su bond denominati in dollari americani, di alto rendimento, in vendita negli USA. L’indice potrebbe includere anche società a piccola, media, grande capitalizzazione dei settori finanziario, industriale, petrolio e gas, servizi al consumatore.

L’advisor dietro il fondo è la BlackRock Fund Advisors, e generalmente il fondo investe almeno il 90% dei suoi asset in titoli dell’indice e in investimenti che forniscano sostanzialmente un’esposizione in titoli pari a quella dell’indice.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF su eToro

Quando si parla di trading online tramite i CFD è importante sapere che ogni persona ha la necessità di usufruire dell’intermediazione di un broker. Per chi vuole investire sugli ETF obbligazionari noi suggeriamo di valutare il broker eToro, di cui recentemente si è sentito molto parlare.

Il broker è attivo in 140 Nazioni diverse, ma nel nostro Paese la versione della piattaforma è interamente in lingua italiana. Una particolarità di eToro è quella del copy trading, grazie a questo chiunque potrà copiare le operazioni di altri trader scegliendo però autonomamente l’importo da investire.

Questa funzione aiuta sia i trader neofiti, che sia per mancanza di esperienza che eventualmente anche di tempo potrebbero usufruire del servizio; ma anche i trader esperti perché è un’occasione di guadagno.

Un trader con buone performance può diventare “Popular Investor” e ricevere denaro tramite commissioni mensili calcolando il numero di iscritti che hanno deciso di copiare le sue posizioni.

La commissione viene calcolata anche in base alla quantità di denaro investito dagli utenti, dunque più quest’ultimi investiranno nel copy trading più le commissioni saranno alte.

Trading ETF su Plus500

Plus500 è uno dei migliori broker in circolazione ed offre il trading CFD sugli ETF, oltre che su molti altri asset finanziari, come le coppie di valute del Forex, le materie prime, le criptovalute, gli indici e le azioni.

Plus500 è famoso per essere quindi un broker con un’offerta di asset molto vasta, ma per essere anche molto economico. Infatti non ci sono commissioni di alcun tipo, né per prelievi e depositi né per aprire e chiudere posizioni finanziarie.

Gli unici costi sono relativi agli spread, che sono comunque molto stretti, e al finanziamento overnight nel caso in cui doveste tenere aperte le posizioni finanziarie durante la notte.

Vuoi fare trading CFD sugli ETF obbligazionari e non? Prova Plus500 gratuitamente con un conto demo!

" =====================Quando si parla di ETF obbligazionari si parla ETF che possono essere anche molto diversi tra loro. Ricordiamo che un’obbligazione è un titolo di...

ETF Metalli: su quali investire?

  • 17 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(8531) "

Gli ETF sui Metalli sono uno strumento finanziario per investire sui metalli senza esporsi direttamente, ovvero senza acquistare realmente le materie prime (in questo caso i metalli) su cui si vuole investire.

Nei metalli rientrano anche i metalli preziosi, anche se esistono ETF specifici per tali metalli (come oro e argento). Uno dei principali ETF per investire sui metalli è il seguente:

  • ETF SPDR S&P Metals and Mining

ETF Metalli: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Metalli: SPDR S&P Metals and Mining

L’ETF SPDR S&P Metals and Mining è un tipo di ETF che replica l’andamento e le performance dell’indice americano S&P Metals & Mining Select Industry Index, rappresentando il ramo sub-industriale dell’indice S&P Total Market Index.

L’advisor di questo fono è la SSgA Funds Management Inc. e si occupa di investire su industrie, come quella dell’acciaio, carbone, oro, metalli preziosi, minerali, alluminio, metalli diversificati ed estrazioni. Molte industrie differenti, ma è normale: dopotutto i metalli vengono usati in svariati settori industriali.

etf metalli

I metalli preziosi per esempio non vengono solo usati a scopo decorativo o per la creazione di gioielli: moltissimi metalli preziosi sono utilizzati durante i processi industriali, così come per esempio per la creazione di componenti di prodotti informatici e di elettronica.

Altri metalli vengono definiti “metalli industriali” ed esistono ETF specifici anche per questo tipo di metalli. I metalli industriali sono quelli che consentono di ottimizzare il processo di produzione industriale e che perciò devono possedere delle caratteristiche di resistenza molto elevate.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF metalli su eToro

Fra i broker che permettono il trading sugli ETF del settore dei metalli troviamo eToro, molto popolare non solo in Italia, ma in tutta Europa. Il broker fu uno dei primi a lanciare il Social trading, ossia un social network dedicato ai suoi utenti.

Qui i trader potranno confrontarsi, segnalare possibili falle nelle strategie altrui e aiutarsi l’un l’altro. Questa funzione è molto apprezzata dagli utenti, soprattutto da chi è alle prime armi, che vede così facilitato il suo ingresso nei mercati finanziari.

L’interfaccia di eToro è molto intuitiva e comprensibile, ma soprattutto è visibile anche da chi non è registrato, così da potersi fare un’idea di farlo.

Il broker offre anche l’opportunità di utilizzare una versione demo per poter fare pratica con il denaro virtuale per non farsi cogliere impreparati quando invece si deciderà di passare al denaro reale.

Trading ETF metalli su IQ Option

Un broker di qualità come IQ Option può essere una valida alternativa, soprattutto in considerazione dei suoi premi. Vincitore del IFM Awards 2015 come “Migliore piattaforma di trading mobile”, IQ Option è diventato molto popolare nel nostro Paese grazie alla sua piattaforma intuitiva.

iq option account

Dall’immagine possiamo notare come il numero degli iscritti sia aumentato a dismisura. Dai 950.000 del 2014 IQ Option è passata ad avere 3.450.000 utenti, che sono diventati 14.011.685 nel 2018.

Oltre agli ETF sui metalli su IQ Option è possibile fare trading su numerosi altri asset tramite i CFD, come le criptovalute, le materie prime, i titoli azionari, le valute del Forex e le opzioni binarie e digitali.

" =====================Gli ETF sui Metalli sono uno strumento finanziario per investire sui metalli senza esporsi direttamente, ovvero senza acquistare realmente le materie prime (in...

ETF Energia e trading: migliori ETF per investire nel settore energetico

  • 16 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(8826) "

Gli ETF sull’energia si basano sul settore energetico e anche le società che operano in tale segmento, tra le quali ovviamente rientrano anche società che operano nel settore dei combustibili fossili (nonostante vi siano anche ETF specifici su materie prime come petrolio o gas naturale).

I più importanti ETF sull’energia utilizzati sono:

  • ETF Utilities Select Sector SPDR
  • ETF Energy Select Sector SPDR

ETF Energia: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Energia: Utilities Select Sector SPDR e Energy Select Sector SPDR

L’ETF Utilities Select Sector SPDR si occupa di seguire l’andamento e le performance dell’indice americano Utilities Select Sector del S&P 500. Questo indice include società industriali attive nell’ambito elettrico, multi-utility, produttori d’energia indipendenti, trader energetici, gas utilities; perciò il relativo ETF viene classificato come un ETF sull’energia.

L’approccio di investimento dell’ETF Utilities Select Sector SPDR è di tipo passivo per cercare di replicare e approssimare le performance dell’indice che si occupa di seguire. L’advisor di questo fondo è la SSGA Funds Management Inc.

etf energia

L’altro ETF invece, ovvero l’Energy Select Sector SPDR,  si occupa di seguire l’andamento e le performance dell’indice americano Energy Select Sector Index. Questo indice raggruppa varie società industriali operanti nel campo del petrolio, gas, carburanti consumabili, equipaggiamenti energetici e servizi.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF energetici su eToro

Per poter investire sugli ETF energetici è necessario fare la registrazione presso un broker. In circolazione esistono molti broker che offrono questa opportunità, ma senza dubbio eToro è uno dei migliori sotto vari aspetti.

Il broker eToro è stato uno dei primi a rendere il trading come un social network. Infatti sulla piattaforma è attiva la funzione del social trading, che consente lo scambio di opinioni e strategie fra gli utenti.

Pubblicare grafici, ricevere feedback su di questi e sentire il parere di terze persone sono la quotidianità per la community di eToro. Questa non solo aiuta i trader neofiti ad entrare nel mondo della finanza, ma permette una connessione fra i trader più esperti volta a trovare la strategia migliore sugli asset selezionati.

Il tentativo di rendere il trading più sociale è stato un grande successo, che ha spinto altri broker e piattaforme a implementare questa funzione.

Iscriversi su eToro significa entrare a far parte di una community di milioni di persone di tutto il mondo attive sui mercati finanziari tramite i CFD.

Trading ETF energetici su IQ Option

Un altro broker che crediamo debba essere preso in considerazione per fare trading sugli ETF energetici è IQ Option, che sta conoscendo una fase di grande successo ed espansione.

Partito dall’offrire il trading online tramite i CFD sulle opzioni binarie, oggi il broker ha a disposizione sulla propria piattaforma un’ampia gamma di prodotti.

iq option account

IQ Option ha implementato le opzioni digitali, mentre le opzioni classiche non sono più disponibili. Recentemente il broker ha inserito sulla propria piattaforma numerosi titoli azionari provenienti dalle borse più influenti del mondo.

Oltre agli ETF, alle opzioni e alle azioni, IQ Option offre l’opportunità di poter operare sulle coppie di valute, sulle criptovalute e sulle materie prime.

I punti di forza di IQ Option sono la piattaforma user-friendly e la grande accessibilità. Infatti il deposito minimo su questo broker è di soli 10€, mentre l’investimento minimo scende a 1€.

" =====================Gli ETF sull’energia si basano sul settore energetico e anche le società che operano in tale segmento, tra le quali ovviamente rientrano anche...

ETF Gas – Etfs Natural Gas trading

  • 16 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(8236) "

Gli ETF Gas sono un ottimo strumento finanziario per investire sui rialzi e sui ribassi del gas, una delle materie prime più importanti (seconda solo al petrolio nel campo delle energie). Gli ETF principali per poter investire sul gas sono:

  • ETF SPDR S&P Oil & Gas Explore & Prod
  • ETF UNG Gas Fund

ETF Gas: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Gas: UNG Gas Fund e SPDR

L’ETF sul Gas più importante per grandezza e liquidità è l’ETF UNG Gas Fund che si basa su contratti futures a breve termine e swap sul gas naturale. Questo fondo, che offre una netta esposizione sui futures del Gas naturale, è stato lanciato nel 2007 ed è composto da molti asset rispetto ai fondi concorrenti.

Questo ETF utilizza una strategia plain-vanilla di tipo roll, con contratti a scadenza nel mese successivo per quanto riguarda gli investimenti nel mercato dei futures sul gas naturale, e si tratta di un ETF molto sensibile alle variazioni di prezzo del gas.

etf gasLa società dietro questo fondo è la United States Natural Gas Fund, una commodity pool che emette quote scambiate sul NYSE Arca. Il loro ETF è la scelta perfetta per chi vuole investire sul petrolio tramite gli ETF a costi ridotti e con una visione nel breve-medio termine.

Infine abbiamo l’ETF SPDR S&P Oil & Gas Explore & Prod, che si occupa di replicare l’andamento e le performance dell’indice americano dell’indice S&P Oil & Gas Exploration & Production Select Industry.

Si tratta di un indice che rappresenta il settore dedicato alla produzione e esplorazione del petrolio e gas: traccia tutti gli scambi dei titoli azionari quotati in borsa (e che sono relativi al settore del gas naturale) sul NYSE, AMEX, NASDAQ National Market e NASDAQ Small Cap.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF gas su eToro

prima di fare sugli ETF sul gas naturale è necessario usufruire dell’intermediazione di un broker. Quest’ultimo consente ai propri utenti di poter aprire posizioni long o short sugli ETF su questa materia prima. Uno dei migliori in italia è certamente eToro, attivo in 140 Nazioni in tutto il globo.

Fare trading su eToro significa scegliere un broker di qualità, molto intuitivo e frequentato. Il gran numero di iscritti, ma soprattutto il Social Trading, permette un’esperienza sui mercati finanziari collettiva e dedita allo scambio di opinioni fra gli utenti.

In questa maniera i trader più esperti potranno aiutare i trader principianti a costruirsi una propria strategia personale e ottimizzare le  proprie performance.

Trading ETF gas su IQ Option

Oltre a eToro noi di Meteofinanza.com suggeriamo di valutare l’iscrizione su IQ Option, broker in grande espansione negli ultimi anni. Nato infatti per poter operare sulle opzioni binarie, IQ Option è diventato un punto di riferimento per molti trader, grazie ai molti prodotti finanziari che si sono aggiunti sulla piattaforma online.

Fra i prodotti finanziari presenti, oltre naturalmente agli ETF, IQ Option ha puntato fortemente sulle criptovalute. La selezione di monete digitali su cui fare trading è molto ampia, sono disponibili anche criptovalute meno famose, ma con alto potenziale di crescita.

La lista completa delle monete virtuali presenti su IQ Option è la seguente: Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, Litecoin, EOS, Stellar Lumens, NEO, Tron, Dash, Ethereum Classic,Qtum, Omise Go, Zcash e Bitcoin Gold.

" =====================Gli ETF Gas sono un ottimo strumento finanziario per investire sui rialzi e sui ribassi del gas, una delle materie prime più importanti...

ETF Argento – Etfs Physical Silver: dove investire sull’argento

  • 16 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(7859) "

Gli ETF argento sono un ottimo modo per investire sull’argento senza dover ricorrere all’acquisto reale di tale materia prima, con tutti i problemi che ne possono derivare per custodirla (e spese).

Qui di seguito puoi vedere i principali ETF usati per investire sull’argento:

  • ETF ProShares Ultra Silver
  • ETF iShares Silver Trust

ETF Argento: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Argento: ProShares Ultra Silver e iShares Silver Trust

Il fondo ProShares Ultra Silver, su cui è basato il relativo ETF, non possiede direttamente l’argento bensì ci investe utilizzando strumenti finanziari derivati che hanno proprio l’argento come asset sottostante.

Un modo per evitare di esporsi direttamente sul mercato, che permette comunque ai propri investitori di ottenere rendimenti d’investimento che corrispondano al doppio (200%) delle performance del prezzo dell’argento deciso dalla Fixing di Londra, espresso in dollari americani. Il prezzo di riferimento dell’argento è espresso in dollari americani (USD) e si utilizza l’oncia troy (OZT) come unità di misura dei lingotti d’argento.

etf argentoL’ETF iShares Silver Trust invece consente di avere diretta esposizione sull’argento, custodito all’interno di casseforti situate a Londra. Gli investitori ottengono come profitto il movimento del prezzo dell’argento (determinato dal London Silver Fix) al netto delle spese del fondo.

Questo ETF iShares Silver Trust è sicuramente il più liquido sul mercato e quindi il più semplice da negoziare quando si tratta di investire sull’argento tramite ETF.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF argento su eToro

Per poter fare trading online grazie ai CFD sugli ETF dedicato all’argento suggeriamo di valutare eToro. Questo broker è molto popolare in Italia grazie ai numerosi iscritti e alla piattaforma user-friendly.

Il broker è molto stimato dai propri utenti che ne elogiano l’immediatezza operativa. Inoltre eToro è presente in 140 Paesi differenti di tutto il mondo.

Per entrare a far parte della comunità di eToro, scoprire cos’è il Social Trading e sfruttare al meglio le opportunità offerte dal copy trading non vi resta che registrarvi sulla piattaforma ed entrare attivamente sui mercati finanziari.

Oltre agli ETF il broker dà l’opportunità di fare trading su numerosi altri asset finanziari, come le criptovalute, molti titoli azionari provenienti dalle principali borse mondiali, gli indici azionari, le valute del Forex e le materie prime.

Trading ETF argento su IQ Option

Un altro broker da prendere in considerazione per fare trading CFD sugli ETF sull’argento è IQ Option. Come eToro questo broker offre una piattaforma di trading online molto intuitiva e comprensibile da tutti.

Non solo gli ETF puoi trovare sulla piattaforma di IQ Option, ma anche altri ottimi prodotti finanziari, soprattutto le opzioni binarie e digitali, vero cavallo di battaglia del broker.

Un punto di forza di IQ Option è certamente quello relativo alla bassa barriera d’ingresso. Infatti il deposito minimo è di 10€, mentre l’investimento minimo è pari solamente a 1€. In questa maniera IQ Option vuole mandare un messaggio chiaro alla comunità dei trader, ovvero che la piattaforma è accessibile a tutti.

Grazie alla leva finanziaria anche piccoli investimenti possono regalare ampi profitti e permettere ai trader di togliersi numerose soddisfazioni.

" =====================Gli ETF argento sono un ottimo modo per investire sull’argento senza dover ricorrere all’acquisto reale di tale materia prima, con tutti i problemi...

ETF Oro: Physical Gold ETC, Ishares Gold Trust e Market Vector Gold Miners

  • 16 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(13719) "

Gli ETF oro sono un ottimo modo per investire sull’oro senza dover ricorrere all’acquisto fisico (come i classici lingotti), con tutti i relativi problemi. L’oro è una materia prima considerata un “bene rifugio” (soprattutto in tempi di crisi), motivo per il quale il suo valore è sempre in costante aumento.

Ecco spiegato perché molti investitori sono interessati ad investire sull’oro. Qui di seguito ti mostriamo gli ETF sull’oro più utilizzati:

  • ETFS Physical Gold ETC
  • ETF Ishares Gold Trust
  • ETF Market Vector Gold Miners

ETF Oro: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Oro: Physical Gold ETC, Ishares Gold Trust e Market Vector Gold Miners

L’ETFS Physical Gold ETC si riferisce alla ETFS Metal Securities Australia Ltd, una società con sede in Australia che è specializzata nella selezione e nella emissione di titoli su materie prime. Si tratta di un ETF che fa riferimento all’oro fisico, ovvero a depositi di oro che sono gestiti dal fondo. Per un investitore, questo tipo di ETF è l’opzione più vicina ad un vero investimento sull’oro (cioè comprandolo e possedendolo).

Per quanto riguarda l’ETF Market Vectors Gold Miners, qui l’obiettivo dell’ETF è la replica, il più precisamente possibile e al loro di spese/commissioni, del prezzo e delle performance di rendimento dell’indice americano NYSE Arca Gold Miners Index.

Quest’ultimo è un indice creato per seguire l’andamento complessivo delle più importanti società del settore dell’estrazione di oro. Il portafoglio dell’ETF Market Vectors Gold Miners comprende varie società in tutto il mondo (di piccola, media e grande capitalizzazione), che sono attive nell’estrazione dell’oro.

Infine c’è l’ETF Ishares Gold Trust: gli asset di questo Trust consistono in oro custodito da un organismo di custodia deciso dal Trust stesso. Le attività del trust, che non è gestito attivamente, sono:

  • Emissione di panieri di quote (Baskets of Shares) in cambio di oro depositato presso il custode ufficiale
  • Vendita di oro al fine di coprire le commissioni dello sponsor, le spese del Trust non assunte dallo Sponsor, più altri costi necessari
  • Consegna dell’oro in cambio di Basket of Shares consegnati per il riscatto.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF con leva su eToro

eToro è uno dei più importanti broker CFD che ci sia in circolazione, conosciuto soprattutto come uno dei primissimi broker ad aver introdotto il concetto del Social Trading sulla propria piattaforma di trading e a diventare leader del settore. Ma che cos’è il Social Trading?

Il social trading ti permette di seguire altri trader sulla piattaforma e copiare in automatico le loro operazione. In tal modo anche trader meno esperti possono incominciare a guadagnare replicando le operazioni di trader esperti e professionisti. E’ possibile cercare i trader tramite apposti filtri, anche avanzati, per trovare i migliori trader da copiare su eToro.

Ma le funzioni del social trading non si fermano solo al cercare e copiare trader che portano a casa buoni profitti mese dopo mese. Grazie alla piattaforma di trading di eToro i trader possono comunicare ed interagire tra loro, proprio come se si trattasse di un social network. Si possono condividere analisi dei mercati, grafici, strategie, ma anche fare domande e chiedere consigli.

Dall’altro lato invece, i trader più esperti hanno la possibilità di diventare “Popular Investor” su eToro. Ovvero, un trader esperto può essere pagato con commissioni mensili a seconda di quanti utenti lo seguono e del volume di capitale che viene investito copiando le sue operazioni (oltre ai guadagni che può ottenere tramite le sue normali operazioni di trading, ovviamente).

Il broker eToro offre anche un account demo gratuito a tutti i suoi clienti, anche a chi non è ancora registrato alla piattaforma di eToro. Tramite l’account demo è possibile fare pratica in tutta sicurezza poiché utilizza soldi virtuali. Si può anche testare la piattaforma di trading (magari prima di aprire un account reale) e relative strategie di trading prima di utilizzarle con l’account reale.

La piattaforma di trading di eToro è una piattaforma all’avanguardia, molto facile da utilizzare anche per trader alle prime armi e con funzionalità avanzate per i trader più esperti. Dalla piattaforma si possono seguire più grafici in tempo reale oltre a poter applicare gli strumenti dell’analisi tecnica.

Anche per quanto riguarda gli asset, il broker eToro non delude. Tra gli asset che eToro mette a disposizione ci sono ovviamente anche gli ETF:

  • Titoli azionari
  • Indici Azionari
  • ETF
  • Materie prime
  • Coppie di valute
  • Criptovalute

Leggi anche:

Migliori ETF/ETC sull’oro

Trading ETF leveraged su IQ Option

Altro broker rinomato e molto apprezzato dai trader è sicuramente il broker IQ Option. Questo broker un tempo era leader nel settore delle opzioni binarie, grazie alla sua capacità di creare una piattaforma di trading user-friendly con account demo gratuito incluso, specialmente adatta a chi si avvicinava alle opzioni binarie per la prima volta, oltre ad un’offerta di asset su cui investire molto ampia.

Con il passare del tempo il broker IQ Option si è adattato ai nuovi cambiamenti del mercato, trasformandosi in un ottimo broker CFD e Forex, aprendo anche agli investimenti su criptovalute. Ovviamente è possibile anche fare trading di ETF su IQ Option, sempre tramite i CFD.

Proprio sulle criptovalute il broker IQ Option ha puntato molto forte, introducendole fin da subito sulla propria piattaforma di trading tramite un apposito strumento, ovvero i Kyrpto CFD. Potrai investire su tutte le criptovalute più importanti utilizzando sempre il trading CFD.

IQ Option è un broker in costante crescita come puoi vedere dal numero di account aumentato anno dopo anno. Il motivo è semplice: IQ Option è un broker interessante sia per i trader esperti, sia per i trader che si avvicinano per la prima volta al mondo del trading online.

iq option account

Il broker IQ Option offre una piattaforma di trading con un’interfaccia molto facile da utilizzare, ma che al tempo stesso mette a disposizione dei trader anche strumenti avanzati. La piattaforma è in versione web-based, anche se può essere scaricata ed installata sui propri computer.

Il broker IQ Option ha anche mantenuto sempre valida la sua offerta di account demo, che è accessibile a tutti gratuitamente. I clienti già registrati potranno utilizzarlo per fare pratica o testare strategie di trading, mentre gli utenti non registrati potranno aprire un account demo gratuitamente e provare in prima persona la piattaforma IQ Option e i suoi strumenti.

La piattaforma di IQ Option ha un design accattivante, con svariate funzioni che permettono di seguire in tempo reale più grafici contemporaneamente. Nella piattaforma sono presenti anche chat per discutere con altri trader su strategie e analisi dei mercati. Piattaforma che è anche disponibile in formato mobile sia per iOS, sia per Android.

La piattaforma di trading IQ Option permette anche di applicare strumenti dell’analisi tecnica sui grafici, mentre l’account demo è sempre accessibile con un click. Per quanto riguarda gli asset invece, IQ Option ha un’ottima offerta. Il broker offre svariati asset differenti su cui investire, motivo per il quale molti trader decidono di operare con IQ Option:

  • Forex
  • CFD (Titoli azionari, Indici azionari, ETF, materie prime, coppie di valute)
  • Opzioni binarie
  • Opzioni digitali
  • Krypto CFD (criptovalute)
" =====================Gli ETF oro sono un ottimo modo per investire sull’oro senza dover ricorrere all’acquisto fisico (come i classici lingotti), con tutti i relativi...

ETF Leveraged o ETF con leva: cosa sono e i migliori per fare trading

  • 16 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(12097) "

Gli ETF leveraged, o ETF con leva, sono una variante particolare di ETF. Se infatti la maggior parte degli ETF ha lo scopo di replicare l’andamento di un asset o di un gruppo di asset, gli ETF con leva hanno l’obiettivo di fornire risultati due o tre volte le performance dell’asset (o gruppo) di cui replicano l’andamento.

Per esempio, gli ETF leveraged 2x o 3x offrono prestazioni doppie o triple rispetto a quella dell’asset che seguono (o gruppo di asset). Esistono però anche ETF che offrono 2 o 3 volte l’opposto delle performance dell’asset (o gruppo) di cui seguono l’andamento.

Qui di seguito alcuni dei migliori ETF leveraged in circolazione:

  • Direxion Daily Financial Bull 3X Shares
  • Direxion Daily Small Cap Bull 3X Shares
  • Direxion Daily TZA
  • Direxion Large Cap Bull 3X Shares
  • Direxion Daily Emrg Mkts Bull
  • Direxion Daily Energy Bull
  • Direxion Daily Financial

ETF Leveraged: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF con leva: i migliori

Tra i migliori ETF con leva ci sono gli ETF Direxion Daily Financial Bull 3X Shares e l’ETF Direxion Daily Financial Bear 3X Shares. Entrambi gli ETF si occupano di replicare l’andamento dell’indice Russell 1000 Financial Services. Solo che il primo ha come obiettivo l’ottenimento del 300% delle performance dell’indice (da qui il nome Bull 3x), mentre il secondo l’ottenimento del -300% delle performance dell’indice (da qui il nome Bear 3x).

Questi ETF investono in diversi settori quali banche, servizi finanziari diversificati, investimenti immobiliari, sistemi e dati finanziari, asset management e custody, broker, prestiti al consumatore, e così via. Tutti settori che sono rappresentati proprio nell’indice Russell 1000 Financial Services.

Invece, per replicare il 300% o -300% delle performance dell’indice, questi ETF investono l’80% dei propri net asset in contratti futures, equity cap, collar e floor, swap, contratti a termine, posizioni sul breve termine, o altri strumenti finanziari. L’advisor del fondo è la Rafferty Asset Management.

etf con leva

Poi abbiamo l’ETF Direxion Daily S&P 500 Bull and Bear 3x Shares che ha come obiettivo quello di fornire performance giornaliere del 300% o -300% rispetto all’indice che segue, ovvero il famoso S&P 500, a seconda della sua variante (Bull o Bear). Si tratta di un’ottima scelta per investire sulle società a maggiore capitalizzazione del mercato azionario USA.

Se invece si vuole investire sulle società a bassa capitalizzazione, abbiamo l’ETF Direxion Daily Small Cap Bull 3X Shares che ha l’obiettivo di offrire rendimenti giornalieri del 300% rispetto la performance dell’indice che segue, ovvero l’Indice Russell 2000. Oppure l’ETF Direxion Daily Small Cap Bear 3X Shares, che invece punta ad offrire rendimenti giornalieri del -300% rispetto le performance dell’Indice Russell 2000.

L’Indice Russell 2000 è un indice Small Cap che misura la performance del segmento small-cap (piccola capitalizzazione) del mercato azionario USA, che consiste in 2.000 piccole società selezionate dall’indice Russell 3000, che rappresenta approssimativamente il 10% del mercato totale capitalizzato dell’indice Russell 3000.

L’ETF per raggiungere il suo obiettivo del 300%, o -300%, investe almeno l’80% dei suoi net asset in titoli azionari inclusi nell’indice Russell 2000 tramite vari tipi di strumenti finanziari. L’advisor dell’ETF è la Rafferty Asset Management.

Tra gli ETF con leva ci sono anche i Direxion Daily Energy Bull and Bear 3x Shares, ETF che hanno l’obiettivo di fornire il 300% o il -300% delle performance dell’indice che seguono, ovvero l’indice S&P Energy Select Sector Index. Questo indice S&P Energy Select Sector Index investe in aree come petrolio, oleodotti e carbone (tutti settori del campo energetico).

Infine abbiamo gli ETF Direxion Daily Emerging Markets Bull and Bear 3x, che sono ETF che si focalizzano sui principali mercati emergenti e si basano sull’indice MSCI Emerging Market. L’obiettivo di questi ETF è di fornire rendimenti giornalieri pari al 300% o il -300% rispetto all’indice seguito.

Questo indice è di tipo float-adjusted e comprende 21 indici di mercati di paesi emergenti quali: Argentina, Brasile, Cile, Cina, Repubblica Ceca, Egitto, Hong Kong, Ungheria, India, Indonesia, Israele, Malesia, Messico, Perù, Filippine, Russia, Sud Africa, Sud Corea, Taiwan, Tailandia e Turchia.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF con leva su eToro

Per poter fare trading tramite i CFD sugli ETF con leva è necessaria l’intermediazione di un broker. Uno dei più popolari in Italia è certamente eToro.

Questo broker permette ai trader alle prime armi di poter copiare le operazioni dei trader più esperti, che eToro chiama “guru“. Per tale ragione questa funzione prende il nome di copy trading.

I guru gioveranno di questa funzione dal momento che guadagneranno tramite le commissioni che incasseranno per ogni trade copiato.

Il broker eToro dà la possibilità a tutti gli utenti di poter vedere in modo trasparente la scheda dei guru in modo da stabilire quale sia il migliore. L’importo su ogni trade sarà deciso dal trader che intende copiare le operazioni e non dal guru.

I guadagni e le perdite saranno proporzionate quindi alla cifra che ogni utente decide di investire.

Trading ETF leveraged su IQ Option

IQ Option è un altro broker dove è possibile fare trading sugli ETF leveraged grazie all’utilizzo dei Contratti per Differenza.

Partito come broker per le opzioni binarie, ha poi ampliato i propri orizzonti diventando un ottimo broker CFD e Forex.

iq option accountL’espansione di IQ Option non si è mai arrestata, infatti oltre alle coppie di valute il broker ha messo a disposizione il trading sui titoli azionari, sulle criptovalute, sulle materie prime e chiaramente anche sugli ETF.

Tutti i prodotti finanziari subiscono l’effetto della leva, vero punto di forza dei CFD. Grazie a questa un investimento di 1.000€ con una leva pari a 1:100 diventerà di 10.000€. I guadagni e le perdite saranno poi calcolate in base alla cifra risultata dalla leva e non dall’investimento iniziale.

" =====================Gli ETF leveraged, o ETF con leva, sono una variante particolare di ETF. Se infatti la maggior parte degli ETF ha lo scopo...

ETF Petrolio Etfs Wti Crude Oil: come investire e quale scegliere

  • 16 Aprile 2018
  • Trader-Prof
=====================string(7938) "

Gli ETF Petrolio sono uno degli ETF più scelti dagli investitori proprio perché il petrolio è la materia prima più importante in circolazione, oltre ad essere fondamentale per l’economia globale. Sul petrolio è possibile investire in vari modi, tra cui gli ETF.

Qui di seguito ti mostriamo due degli ETF più utilizzati per investire sul petrolio:

  • ETF OIH Oil Service
  • ETF USO Oil Fund

ETF Petrolio: cosa sono

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole, si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste).

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

trading-etf-Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

—> Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF.

ETF Petrolio: ETF OIH Oil Service e ETF USO Oil fund

L’ETF OIH Oil Service replica l’andamento del prezzo e le performance dell’indice americano “Market Vectors United States Listed Oil Service 25 Index”. Un nome molto lungo per indicare un indice che segue le performance delle 25 società americane più importanti che operano nel settore petrolifero e che sono quotate a Wall Street.

L’advisor di questo fondo di investimento è la Van Eck Corporation che si è occupata di creare questo ETF basandolo principalmente su società americane: infatti, l’ETF OIH  investe ben l’80% dei suoi asset su titoli di società petrolifere americane, mentre investe per esempio solo l’8% su società petrolifere al di fuori degli USA.

L’ETF OIH è sicuramente uno degli ETF sul petrolio più scelti: basti pensare che questo fondo su cui è basato l’ETF OIH, ha volumi di investimento giornalieri di oltre 300 milioni di dollari.

Invece l’ETF USO Oil Fund è l’ETF più grande e liquido del segmento: si tratta di una commodity pool con azioni in accomandita semplice e che vengono scambiate sul NYSE Arca. Gli asset di questo fondo sono investimenti su contratti future (scambiati sul NYMEX, ICE Futures e altri) per:

  • Petrolio light e sweet crude (oltre ad altri tipi di petrolio crude)
  • Diesel-heating, gasolio e gas naturale
  • Carburanti basati sul petrolio

L’ETF USO è molto sensibile alla volatilità sulle aspettative riguardanti la fornitura e la domanda nel breve termine del petrolio. Per tal motivo questo ETF è ottimo per investire sul petrolio nel breve termine.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Trading ETF petrolio su eToro

Uno dei migliori broker che offre l’opportunità di fare trading tramite CFD sugli ETF sul petrolio è sicuramente eToro.

Il broker è divenuto famoso in Italia grazie alla funzione del Social Trading, che ha ispirato numerose persone nella loro attività sui mercati finanziari.

Chi vuole fare pratica sugli ETF e sugli altri prodotti finanziari disponibili sulla piattaforma, eToro offre la possibilità di fare trading su una piattaforma demo. Grazie a quest’ultima gli utenti potranno fare trading su tutti gli asset disponibili con denaro virtuale, dunque senza alcun rischio. L’opzione è fornita in modo totalmente gratuito.

Trading ETF petrolio su IQ Option

IQ Option è un altro broker diffuso in Italia, su cui è possibile fare trading attraverso i CFD sugli ETF sul greggio. Inizialmente nato per dare l’opportunità di operare sulle opzioni binarie, che hanno dato il nome al broker, oggi IQ Option offre una vasta gamma di prodotti finanziari.

Su IQ Option è inoltre possibile fare pratica sui mercati finanziari con una piattaforma demo, proprio come avviene su eToro, ovvero in modo completamente gratuito.

Il trader neofita potrà così studiare e affrontare il trading senza rischi dato che il denaro utilizzato nella versione demo non è reale.

" =====================Gli ETF Petrolio sono uno degli ETF più scelti dagli investitori proprio perché il petrolio è la materia prima più importante in circolazione,...

Migliori ETF ed ETC su cui investire

  • 6 Febbraio 2018
  • LorenzoB
=====================string(10035) "

ETF è l’acronimo di Exchange Traded Fund e sta ad indicare una tipologia di fondi il cui obiettivo di investimento è quello di replicare le performance di un indice di mercato, che sarà totalmente fedele a quest’ultimo se la valuta adottata dall’investitore sia la stessa dell’indice di mercato. In caso contrario il rendimento dell’ETF subirà una variazione dovuta al diverso tasso di cambio.

ETC è invece l’acronimo di Exchange Traded Commodities. Questo strumento finanziario permette di poter replicare l’andamento di una singola materia prima, oltre che il suo indice di riferimento.

Esistono diverse tipologie di ETF ed ETC, che si possono acquistare non solo su Borsa Italiana, ma anche su altre borse mondiali. Quali sono i migliori ETF su cui investire? Di seguito parleremo dei migliori ETF sul mercato obbligazionario, sul FTSE MIB, sull’oro e sul petrolio.

Migliori ETF obbligazionari

Gli ETF obbligazionari replicano l’andamento di indici finanziari composti da obbligazioni. A differenza dei bond classici, l’investimento in ETF permette di diversificare il capitale in una serie di diverse obbligazioni riducendo quindi il rischio di default del capitale investito. Infatti anche se uno dei titoli presenti in portafoglio dovesse registrare il default è improbabile che l’intero capitale investito vada a zero.

Quali sono i tre migliori ETF obbligazionari? Di seguito elencheremo quelli che hanno ottenuto la migliore performance fino ad ora nel 2018:

  1. iBoxx® EUR Sovereigns Eurozone Yield Plus Interest Rate Hedged: questo indice replica l’andamento dei 5 titoli di Stato emessi in euro con il più alto rendimento dei dividendi emessi dai governi dell’eurozona.
    Il suo rendimento nel 2018 è in crescita dell’1,77%; a distanza di un mese ha registrato +1,36%, negli ultimi tre mesi +1,20%, mentre a distanza di un anno +3,13%.
  2. Bloomberg Barclays Euro Corporate Bond Interest Rate Hedged: questo indice replica le obbligazioni societarie denominate in Euro che sono coperte dal rischio dei tassi di interesse, dal momento che seguono il rischio di rendimento dei titoli di Stato tedeschi. Nel 2018 la sua performance positiva è pari allo 0,78%, nell’ultimo mese la crescita è stata dello 0,62%, negli ultimi tre mesi dello 0,53%, mentre negli ultimi 12 mesi ha registrato un aumento del 2,26%.
  3. Bloomberg Barclays Euro Treasury Italy: questo indice replica i titoli di Stato italiani denominati in euro. Nel 2018 la performance è stata positiva dello 0,42%, mentre nell’ultimo mese dello 0,37%. Registriamo una flessione, però, negli ultimi tre mesi dello 0,92%, ma una crescita del 3,65% negli ultimi 12 mesi.

Migliori ETF sul FTSE MIB

L’indice FTSE MIB è il principale della borsa italiana e racchiude i titoli delle 40 società quotate a Piazza Affari con più capitalizzazione. Gli ETF su questo indice sono 4 e replicando tutti l’indice FTSE MIB hanno una performance molto simile fra loro.

  1. Lyxor FTSE MIB UCITS ETF EUR: i dividendi ell’ETF sono distribuiti ogni sei mesi. Il fondo replica sinteticamente l’andamento dell’indice FTSE MIB  con uno swap. L’ETF gestisce un patrimonio di 696 milioni di euro ed è attivo da più di 5 anni. Il suo domicilio fiscale è in Francia.
  2. iShares FTSE MIB UCITS ETF (Acc): i dividendi non sono distribuiti agli investitori, ma vengono reinvestiti nel fondo. L’indice replica totalmente la performance dell’indice FTSE MIB. L’ETF  ha in gestione un patrimonio di 105 milioni di euro ed è attivo da più di 5 anni. L’Irlanda è il suo domicilio fiscale.
  3. iShares FTSE MIB UCITS ETF EUR (Dist): i dividendi sono distribuiti ogni sei mesi agli investitori. La replica dell’indice FTSE MIB è totale e l’ETF gestisce un patrimonio di 318 milioni di euroLa sua sede fiscale è in Irlanda.
  4. Lyxor FTSE MIB UCITS ETF EUR: i dividendi sono distribuiti ogni sei mesi agli investitori. L’ETF replica in modo sintetico l’indice FTSE MIB con uno swap. Il suo patrimonio è pari a 696 milioni di euro ed ha la sede fiscale in Francia.

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Migliori ETC/ETF sull’oro

L’oro è da sempre considerato il bene rifugio per eccellenza (safe heaven), infatti in caso di crisi economiche spesso gli investitori hanno dirottato i propri risparmi sul metallo giallo, considerato molto più sicuro del mercato azionario, sebbene meno fosse meno redditizio. Il prezzo dell’oro non presenta alta volatilità, dunque nel breve periodo è molto difficile ottenere performance soddisfacenti, che invece possono arrivare nel lungo termine.

Grazie alla gestione passiva degli ETF/ETC, le commissioni sono inferiori rispetto a quelle degli altri fondi e sono comprese fra lo 0,30% e lo 0,60% annuo. Quali sono, però, i migliori ETF/ETC sull’oro? Elencheremo i tre migliori considerando la loro performance nell’ultimo anno.

  1. db Physical Gold Euro Hedged ETC: esso replica la performance dell’oro con un derivato creditizio su mutui (Collateralised Debt Obligation, CDO), che viene garantito dalla presenza fisica del metallo in questione. Il suo patrimonio è pari a 807 milioni di euro. La sua sede fiscale è a Jersey, un’isola dipendente dalla Corona Britannica che si trova al largo della costa francese nel Canale della Manica. Le commissioni sono pari allo 0,59% su base annua.
  2. Source Gold P-ETC A: esso ha le stesse funzioni dell’ETC descritto poc’anzi, ma ha spese annue di gestione dello 0,29%. Il suo patrimonio è di 4,268 miliardi di euro e l’Irlanda è la sua sede fiscale.
  3. ETFS Physical Swiss Gold: queslto ETC ha le stesse funzioni dei precedenti, ma le commissioni annue sono dello 0,25%. Il patrimonio è rispetto ai primi due inferiore (397 milioni di euro), mentre la sede è il dominio della Corona Britannica Jersey.

Migliori ETC/ETF sul petrolio

Il petrolio è una delle materie prime più famose in quanto il prezzo al barile determina principalmente il costo del carburante delle automobili. Come investimento il petrolio risulta essere molto interessante dal momento che l’OPEC ha deciso di estendere il programma di taglio alla produzione di greggio anche per il 2018. Negli ultimi mesi il prezzo del petrolio ha conosciuto un forte rialzo, che lo ha portato ai livelli del 2014.

Esistono diversi ETF sul petrolio, ma la materia prima non ha un unico indicatore a livello mondiale, bensì due. Il Brent è il petrolio estratto nel Mare del Nord ed è quotato a Londra. Il WTI non è altro che il greggio americano ed è quotato a New York.

L’andamento del prezzo di questa commodity è particolarmente volatile, perciò è sconsigliato investire su prodotti, compresi ETF, con una leva finanziaria troppo elevata. L’ideale è investire sul petrolio con un portafoglio diversificato, dunque avendo già investito in altri prodotti con volatilità minore, ma con una migliore prospettiva di rendimento a lungo termine.

L’ETF sul petrolio Brent (JE00B78CGV99) disponibile su Borsa Italiana ha avuto grandi volumi di scambio e buone prospettive di crescita. Negli ultimi l’ETF ha registrato una performance positiva del 24,59%, seguendo fedelmente l’aumento del prezzo del Brent nel periodo indicato, che ha raggiunto i 71$ al barile.

L’ETF sul petrolio WTI (GB00B15KXV33) anch’esso disponibile a Piazza Affari ha registrato un alto numero di scambi e una crescita negli ultimi sei mesi del 21,93%. Infatti oltre al Brent londinese, anche il WTI americano ha ottenuto un forte apprezzamento che l’ha portato a raggiungere quota 66$ al barile.

Investire in ETF su IQ Option

Sulla piattaforma IQ Option è possibile investire in ETF. Qui troviamo anche la possibilità di scommettere al ribasso di un ETF grazie ai CFD. In questa maniera gli utenti di IQ Option hanno una varietà di scelta più ampia potendo sia prevedere una performance positiva sia negativa di un ETF. Rispetto agli altri strumenti finanziari presenti su IQ Option, gli ETF sono tra quelli a basso rischio e considerati quindi più sicuri, che però di conseguenza non sono tra i più remunerativi.

" =====================ETF è l’acronimo di Exchange Traded Fund e sta ad indicare una tipologia di fondi il cui obiettivo di investimento è quello di replicare le...

Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

  • 14 Aprile 2017
  • Trader-Prof
=====================string(19453) "

Sono sempre di più gli investitori che vogliono investire i propri risparmi, e in molti si bloccano al bivio tra Fondi Comuni di investimento ed ETF. Dopotutto, entrambi vengono considerate ottime scelte per investire il proprio capitale, invece di lasciarlo a “marcire” in un conto corrente. Eppure, sono ancora in molti gli investitori che non conoscono a fondo le differenze tra ETF e Fondi Comuni di Investimento, e che continuano a considerare questi due strumenti uguali, o con sottili differenze.

Per questo motivo vogliamo far chiarezza tra ETF e Fondi Comuni di Investimento una volta per tutte, iniziando dallo spiegare che cosa sono i Fondi Comuni di Investimento e gli ETF, per poi passare alle differenze tra questi due metodi di investimento.

Leggi anche BlackRock: cos’è e come agisce il fondo più grande del mondo?

Cosa sono i fondi comuni di investimento e cosa sono gli ETF

Innanzitutto, iniziamo con il capire che entrambi gli strumenti di investimento sono accessibili anche ai piccoli investitori: per investire infatti, bastano anche somme modeste. Ed ecco spiegato perché sempre più investitori si interessano sia agli ETF, sia ai Fondi Comuni di Investimento. Entrambi sono degli ottimi strumenti per diversificare velocemente il proprio portafoglio di investimenti: vediamo perché.

investire-in-obbligazioni-etf

Per spiegare che cosa è un ETF bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF. In altre parole si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste). La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale.

Leggi anche Come investire in ETF con IQ Option [guida]

Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento). Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, dovete per forza di cose investire sugli ETF.

Leggi anche ETF sugli indici azionari: su quali conviene investire?

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima).

Se volete saperne di più sugli ETF, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su come investire con gli ETF. Passando invece ai Fondi Comuni di Investimento, possiamo dire che il loro scopo è quello di investire i capitali raccolti dai risparmiatori che optano per il fondo, cercando di ottenere dei profitti investendo la somma totale raccolta. Ogni fondo è composto da un portfolio di asset ben diversificato, proprio perché la diversificazione è il miglior metodo per ammortizzare il fattore rischio.

Leggi anche ETF sui titoli azionari: quali sono i migliori?

Coloro che partecipano ad un Fondo Comune di Investimento vengono chiamati “Fondisti“. Le più note tipologie di fondo sono i Fondi Azionari, dove si investe in azioni o obbligazioni convertibili (sono i più rischiosi ma anche quelli con profitti più elevati), e i Fondi Obbligazionari, che investono principalmente in obbligazioni ordinarie e in titoli di Stato (sono meno rischio e quindi meno redditizi). I costi che i fondisti devono affrontare se vogliono investire in un fondo, sono i seguenti:

  • Commissione di ingresso: è la commissione che si paga quando si decide di entrare a far parte di un Fondo Comune di Investimento e quindi si effettua un primo versamento. Di norma, la commissione è inversamente proporzionale alla quantità di denaro investita: più si investe, meno si paga. Ma esistono anche fondi che non prevedono tale commissione, ovvero i fondi no load (anche se sono una minoranza).
  • Commissione di gestione: viene calcolata su base annua e la si paga su base trimestrale, semestrale o annuale. Si tratta della commissione che deve essere pagata per gestire tutti i costi relativi al mantenimento del fondo.
  • Extra-commissione di performance: si tratta di una commissione opzionale, che non tutti i fondi hanno, e che deve essere pagata solamente se vengono raggiunti certi target di profitto.

Leggi anche ETF materie prime: cosa sono e perché sceglierli

ETF e Fondi Comuni di investimento: le differenze

Ora che conosciamo sia gli ETF, sia i Fondi Comuni di Investimento, possiamo andare a vedere quali sono le più importanti differenze da considerare ta questi due strumenti di investimento.

  • Costi di commissioni: se investite in ETF, le relative commissioni sono molto più contenute rispetto a quelle che si pagano quando si investe in Fondi Comuni di Investimento. Il motivo è semplice: gli ETF sono uno strumento passivo, ovvero replicano l’andamento di un benchmark di riferimento. Al contrario, i Fondi Comuni di Investimento sono uno strumento attivo, che ha lo scopo di battere con performance migliori l’indice di riferimento.
  • Come investire: investire in ETF è possibile farlo anche tramite la Borsa, quindi possono essere comprati e venduti tramite un normale account di trading, come quello fornito dalle banche o dai broker. Se parliamo di Fondi Comuni di Investimento invece, è sempre necessaria la figura di un consulente finanziario o promotore finanziario che suggerisca e proponga i fondi su cui investire (anche se al giorno d’oggi vi sono banche che permettono di visionare i fondi direttamente online dal portale della banca).
  • Compravendita: comprare o vendere ETF è possibile farlo con tutta tranquillità durante tutto il giorno, dato che sono quotati alla Borsa ed è molto più facile far incontrare i compratori con i venditori. Al contrario, quando si parla di Fondi Comuni di Investimento, i processi di acquisto e vendita sono molto più “complessi” e richiedono più tempo, proprio perché non sono quotati su un mercato regolamentato come la Borsa.
  • Dividendi: se parliamo di Fondi Comuni di Investimento, se vi sono delle cedole, è possibile sceglierle se riceverle o se reinvestirle direttamente nel Fondo. Se invece consideriamo gli ETF, questa scelta non c’è: se ci sta il dividendo, verrà pagato, mentre se non c’è, non verrà pagato.
  • Prezzo d’acquisto: quando compri un ETF, sai sempre esattamente il prezzo che lo pagherai, dato che sono quotati in Borsa e i prezzi ETF vengono aggiornati in tempo reale. Per quanto riguarda i Fondi Comuni di Investimento invece, non sapete esattamente quanto pagherete le quote del fondo, perché immettete l’ordine di acquisto prima che sia stabilito il valore della quota.

Leggi anche ETF valutari: quali sono i migliori su cui investire?

Fare trading ETF con eToro ed il social trading

Vogliamo dedicare questo paragrafo al fenomeno del social trading, ed ovviamente, al broker leader in questo settore: ovvero il broker CFD eToro. Il social trading ha rivoluzionato il mondo del trading online. Grazie al social trading, anche se non sei un vero e proprio esperto, puoi seguire e copiare (in automatico) le operazioni di altri trader. Già, hai capito bene. Puoi sceglierti dei trader professionisti da seguire, e il tuo account copierà tutte le loro operazioni.

Non male il concetto di base del social trading, eh? Inoltre, grazie al social trading puoi interagire con il resto della comunità di trader iscritta al broker eToro. Potrai leggere le analisi ed opinioni di altri trader. Così come fare domande, ed esprimere i tuoi dubbi riguardo alle tue decisioni di investimento. Si tratta di una vera e propria rivoluzione nel trading online, dove prima ogni trader era “condannato” ad operare basandosi solo sulle proprie abilità ed idee.

Tra i vari asset che il broker eToro mette a disposizione vi sono anche gli ETF. Non solo, recentemente eToro ha introdotto anche la funzionalità “eToro CopyPortfolios”, dove è possibile investire su gruppi di titoli, indici, valute o materie prime, raggruppate per performance oppure per settori. Ovviamente, tutte le operazioni svolte su eToro vengono fatte con i CFD (contract for difference).

I CFD permettono di speculare sull’andamento del valore degli asset, senza però dover acquistare o vendere fisicamente gli asset su cui si sta investendo. In tal modo, vengono eliminati i costi delle commissioni per aprire e chiudere le operazioni. Non solo, con i CFD è possibile anche usare la leva finanziaria, che permette di muovere capitali molto più grossi delle somme realmente a disposizione degli investitori (per esempio, con una leva 1:100 ed investendo €100, potremmo investire €10.000).

Se vuoi saperne di più riguardo al broker eToro, al social trading, e ai CFD, ti consigliamo di leggere la nostra recensione eToro. Inoltre, puoi cliccare sul bottone verde qui sopra per andare a vedere di persona il sito del broker eToro, e farti una migliore idea sul servizio offerto e la sua ottima qualità.

Leggi anche ETF Paesi emergenti: guida su quali investire

Trading ETF con Plus500 con account demo gratuito

Il broker Plus500 è sicuramente uno dei broker più conosciuti ed importanti a livello europeo e non solo. Si tratta di un broker CFD con una solida storia alle sue spalle, come possiamo vedere dall’immagine qui sotto. Un broker che punta sempre all’innovazione, infatti è stato il primo broker CFD ad aver introdotto i bitcoin come asset su cui è possibile investire.

Anche con Plus500 è possibile investire sugli ETF, oltre agli asset dei seguenti gruppi:

  • Titoli azionari
  • Indici azionari
  • Coppie di valute Forex
  • Materie Prime
  • Opzioni
  • Valute virtuali come bitcoin

Il broker Plus500 non ha commissioni nascoste per quanto riguarda il trading CFD con ETF ed altri asset, mentre il loro spread offerto è tra uno dei più bassi e competitivi. Inoltre, con Plus500 puoi avere accesso ad un account di trading demo gratuito senza dover nemmeno fare un deposito. In tal modo potrai provare la piattaforma di trading di Plus500 senza problemi, oltre a vedere tutti gli asset disponibili e provare il trading CFD senza correre un rischio.

Leggi anche ETF obbligazionari: cosa sono e quali scegliere?

Broker IG trading ETF: un nome, una garanzia

Il broker IG è uno dei broker più rinomati al mondo, essendo uno dei primi broker ad aver aperto i battenti online. Si tratta di un broker regolamentato sia dalla FCA che dalla CONSOB, sempre trasparente con tutti i suoi clienti. Inoltre, può vantare un’esperienza solida alle sue spalle: è dal 1974 che il broker IG opera come broker finanziario in differenti mercati. Non solo, il broker IG è stato anche il primo broker ad aver offerto il trading CFD in Italia. Insomma, con IG sei in una botte di ferro a livello di sicurezza e trasparenza.

Il broker IG permette il trading tramite differenti strumenti finanziari e su migliaia di asset differenti, tra i quali rientrano anche i più importanti ETF. Attualmente, il broker IG permette di fare trading CFD, trading Forex ed ha anche introdotto le Digital 100, ovvero le opzioni binarie fatte dal broker IG. Insomma, vi è il vero e proprio imbarazzo della scelta, anche per quanto riguarda le piattaforme di trading.

Leggi anche ETF Metalli: su quali investire?

Sotto questo punto di vista, il broker IG è uno dei pochissimi broker (forse l’unico) ad offrire così tante piattaforme di trading differenti. Sia che tu sia un trader esperto o un trader alle prime armi, troverai su IG la piattaforma di trading più adatta a te. Per adesso, il broker IG permette di fare trading utilizzando le seguenti piattaforme:

  • Piattaforma web-based di IG
  • MetaTrader 4
  • Piattaforma per smartphone e tablet Apple, Android e Windows Phone
  • Piattaforma avanzata L2 Dealer
  • Piattaforma Pro Real Time di IG

Non solo: il broker IG offre anche analisi dei mercati, corsi, webinar, guide, e molto altro materiale di formazione. Se vuoi saperne di più sulla vasta offerta di questo solido broker, ti consigliamo di leggere la nostra recensione broker IG per scoprire nel dettaglio quali sono tutte le caratteristiche di un broker come IG.

Leggi anche ETF Energia e trading: migliori ETF per investire nel settore energetico

Conclusioni: meglio ETF o Fondi Comuni di Investimento?

Quando si tratta di investire i propri risparmi, bisogna sempre pianificare con cautela le proprie mosse. Quando parliamo di Fondi Comuni di Investimento, stiamo parlando sicuramente di una scelta solida, ma bisogna stare molto attenti al tipo di Fondo su cui sceglie di investire. Infatti, bisogna sempre conoscere tutte le commissioni che si dovranno pagare in caso si decida di aderire ad un Fondo Comune di Investimento, proprio perché spesso le spese di commissione possono fare la differenza tra portarsi a casa un profitto oppure una perdita.

Leggi anche ETF Gas – Etfs Natural Gas trading

Inoltre, i Fondi Comuni di Investimento sono pensati per investimenti a lungo termine, piuttosto che  breve. Per quanto riguarda gli ETF invece, parliamo di un investimento che può essere fatto anche a breve termine, quindi sicuramente più flessibile rispetto ai Fondi. Investire in ETF risulta sicuramente più immediato e può essere anche fatto senza l’aiuto di un consulente finanziario, dato che vi basterà avere un account di trading attivo presso la vostra banca o il vostro broker online. D’altra parte però, dovrete anche qui scegliere con cautela, e se volete utilizzarli per comprarli e venderli nel breve termine (quindi fare trading online), dovete sicuramente avere la giusta esperienza per evitare di incorrere in delle perdite.

Leggi anche:

" =====================Sono sempre di più gli investitori che vogliono investire i propri risparmi, e in molti si bloccano al bivio tra Fondi Comuni di...

ETF cosa sono: come investire e fare trading su ETF

  • 24 Giugno 2016
  • Trading Expert
=====================string(32907) "

In questa guida analizzeremo il trading con gli ETF, spiegando che cosa sono gli ETF e come è possibile investire in ETF. Partiamo quindi proprio dalla definizione di ETF, per addentrarci poi nei dettagli del trading di ETF.

Cosa sono gli ETF

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF.

Si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste). Spesso si può investire in ETF in entrambe le direzioni grazie ai CFD, come vedremo in seguito.

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale. Si può inoltre investire in ETF comprendenti obbligazioni statali (titoli di Stato) o bond emessi da società private.

Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento).

Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, potreste valutare l’ipotesi di investire in ETF.

Leggi anche >>> Risparmio gestito: cos’è, opinioni e definizione

Uno degli indici azionari italiani più importanti è sicuramente il FTSE MIB: questo indice azionario rappresenta le performance dei 40 titoli azionari italiani con maggiore liquidità. Perciò il valore del FTSE MIB dipende dalle performance dei 40 titoli azionari di cui è composto.

In altre parole, un indice azionario è un paniere di titoli. A livello mondiale invece, tra i più famosi indici azionari troviamo lo Standard&Poor 500, il NASDAQ-100, il DAX).

Ogni indice azionario rappresenta l’andamento di più titoli azionari, di solito raggruppati o per il segmento di mercato a cui appartengono (hi-tech, industriale, servizi, energia, etc…), o per la liquidità dei titoli stessi e per la capitalizzazione delle rispettive società.

Per esempio, lo Standard&Poor 500 rappresenta l’andamento delle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione.

Invece, il NASDAQ-100 rappresenta le 100 imprese non finanziarie più importanti che sono quotate sul mercato borsistico americano (in tale indice vengono inclusi la maggior parte delle società che operano nel campo informatico e tecnologico).

Se volete andare ad investire su questi indici azionari, dovete quindi ricorrere al trading con ETF. Gli ETF infatti replicano l’andamento dell’indice di riferimento.

Perciò, l’ETF riguardante il FTSE MIB italiano, replica l’andamento di tale indice, con uno scarto percentuale massimo pari al 1-2%. In realtà si può investire in ETF non solo su indici azionari. Per essere precisi, si può investire in ETF comprendenti:

  • indici azionari;
  • materie prime;
  • Interi mercati o settori merceologici;
  • azioni che hanno in comune capitalizzazione, dividendi emessi, crescita ecc;
  • obbligazioni;
  • panieri di valute

Anche in questi casi, gli ETF replicano sempre l’andamento del valore dell’indice di riferimento (o mercato di riferimento, o materie prima). Ovviamente, gli ETF vengono scambiati su base quotidiana, con i trader che comprano e vendono ETF durante le ore di apertura del mercato azionario.

Tipologie di ETF disponibili:

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Investire in ETF: come funziona?

Come avete appena letto, gli ETF possono essere utilizzati per investire su diversi settori dell’economia, così come su differenti indici azionari delle borse di tutto il mondo, o anche sulle materie prime. Ma come funzionano gli ETF?

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima). A questo punto però sorge spontanea la domanda: ma come fanno gli ETF a seguire esattamente (al massimo con uno scarto di 1-2%) il valore di, per esempio, un indice azionario, se poi gli ETF vengono comprati e venduti?

Infatti, quando si compra un ETF o si vende un ETF, avviene comunque una variazione nella quotazione dell’ETF stesso. Eppure l’ETF deve sempre seguire il benchmark di riferimento. La risposta è data dal meccanismo di bilanciamento della quotazione degli ETF noto come “creation/redemption in kind”. Gli ETF, come dice lo stesso acronimo, sono dei fondi di investimento: ma a differenza dei classici fondi di investimento, gli ETF si occupano solamente di replicare l’andamento del benchmark di riferimento.

"Cosa

Un fondo di investimento di solito investe il proprio patrimonio comprando differenti titoli azionari, investendo nel Forex, o su altri strumenti finanziari. Invece, il fondo di investimento di un ETF si deve occupare solamente di seguire il benchmark di riferimento.

Quindi, se una società gestisce l’ETF riguardante l’indice azionario FTSE MIB, tale società deve aggiungere nel proprio portfolio titoli solamente quei 40 titoli azionari che fanno parte dell’indice originale, ovvero del FTSE MIB. Se uno di questi titoli viene eliminati dall’indice FTSE MIB per essere rimpiazzato da un altro, anche l’ETF relativo al FTSE MIB si comporta allo stesso modo: vengono venduti gli stessi titoli azionari usciti dal FTSE MIB per essere rimpiazzati dagli stessi nuovi titoli azionari introdotti nel FTSE MIB.

Per tal motivo sono le stesse società che gestiscono gli ETF (Exchange-traded Funds) che si occupano di assicurarsi che la quotazione degli ETF segui fedelmente quella del benchmark di riferimento. In tal modo, i trader possono tranquillamente acquistare e vendere gli ETF.

Investire in ETF: come fare trading con gli ETF grazie ai CFD

Ora che abbiamo capito che cosa sono gli ETF e come funzionano gli ETF, vediamo un po’ come è possibile investire in ETF. Dopotutto, tramite gli ETF possiamo investire su indici azionari e materie prime; per tal motivo gli ETF sono un ottimo strumento finanziario su cui investire. Ma dove troviamo gli ETF come asset su cui investire?

Oltre alla normale compravendita di ETF che avviene in Borsa, è possibile speculare sul valore degli ETF tramite il trading CFD. Già, anche gli ETF vengono utilizzati come asset dai broker CFD (oltre a titoli azionari, indici azionari, materie prime, criptovalute e coppie valute del Forex). Qui di seguito possiamo trovare i migliori broker CFD regolamentati che offrono anche gli ETF come asset per trading CFD.

eToro: trading su ETF sia CFD sia reale

eToro è uno dei broker più famosi che ci sia in circolazione, diventato ben presto broker leader nel settore del Social Trading.

Tramite il Social Trading è possibile condividere e seguire strategie di altri trader se non anche copiare (automaticamente) tutte le loro operazioni. A questo si aggiunge anche la semplicità di una piattaforma di trading all’avanguardia, semplice da utilizzare a cui si affianca un account demo gratuito eToro. Investire in ETF su eToro è molto semplice e intuitivo.

Il broker eToro mette a disposizione dei suoi clienti più di  50 ETF su cui fare trading CFD. Oltre ad un account demo gratuito con il quale è possibile provare la piattaforma di trading eToro e fare tutta la pratica che si vuole in completa sicurezza.

Sulla piattaforma di eToro è possibile acquistare un ETF senza CFD, ma con trading reale sulla piattaforma di eToro. Vi basterà selezionare una leva finanziaria pari a 1:1. Per quanto riguarda invece le posizioni short è possibile investire in ETF solo con i CFD.

Plus500: trading CFD su ETF

Plus500 è uno dei primi broker ad aver aperto i battenti online. Si tratta di un broker regolamentato dalla CySec e dalla Consob. Il broker Plus500 offre una piattaforma di trading completamente web-based (non dovrete quindi scaricare nulla sul vostro computer, ma nel caso voleste c’è la possibilità di scaricarla), una versione mobile ed anche un account demo gratuito per fare pratica.

Per quanto riguarda gli ETF, Plus500 offre un trading con una leva finanziaria e con spread di acquisto e vendita contenuti.

IG: trading online sugli ETF

Il broker IG è probabilmente uno dei broker con più esperienza sulle spalle, considerando che ha aperto i battenti dal 1974. In tutti questi anni, il broker IG ha continuato a crescere ed espandersi, e al giorno d’oggi può contare su un’offerta ottima sia per trader principianti che trader esperti.

Dispone di differenti piattaforme di trading, oltre 10.000 strumenti finanziari su cui investire (tra cui gli ETF), ed ha strumenti per il trading all’avanguardia, oltre all’immancabile account demo.

Markets.com: Trading CFD su ETF

Markets.com è un ottimo broker che opera nei mercati finanziari da molti anni ormai e si tratta ovviamente di un broker con regolare licenza. Oltre ad avere una leva il broker Markets.com offre un trading senza commissioni e a spread contenuti, con ben 30 ETF su cui è possibile investire (oltre ad altri 1900 asset tra titoli azionari, indici azionari, materie prime e coppie di valute Forex).

IQ Option: trading ETF

Scopri come fare trading con la sicurezza di un broker regolamentato come IQ Option!

Se scegli IQ Option, scegli di fare trading sul momento, investendo nel futuro.

Le migliori soluzioni per il trading online ti sono offerte dal broker IQ Option, il quale conferma non solo la possibilità di fare trading su ETF ma ti offre anche CFD, Forex e Opzioni.

A te resta solo il compito di scegliere lo strumento più adatto alle tue esigenze.

Scegli di fare trading con gli ETF di IQ Option, diversificando il tuo portafoglio con titoli quotati in borsa che tengano traccia non solo degli indici, ma anche delle materie prime e dei panieri di consumo.

Leggi anche Come investire in ETF (Fondi) con IQ Option [guida]

Tieni presente che quando fai trading con gli ETF, il profitto viene calcolato sui dati dello storico del movimento del prezzo.

La prestazione passata per tanto non rappresenta un indicatore per i risultati futuri ma solo un consiglio sulla direzione che potrebbe prendere il prezzo.

Con IQ Option puoi anche scegliere di utilizzare l’ultima versione della piattaforma di trading, che ti offre non solo un layout multi-grafico, ma anche la possibilità si sfruttare l’analisi tecnica, e le quotazioni storiche.

Tutto quello che devi fare è aprire un conto di trading online con IQ Option e al resto ci penserà il broker.

Scegli di installare la piattaforma di trading online su uno dei tuoi dispositivi a tua scelta tra Tablet, PC o smartphone!

In questo modo, puoi scoprire migliaia di opportunità di trading e di investimento sui migliori strumenti finanziari.

Tieni presente che IQ Option offre anche un ottimo servizio di assistenza del trader, utilizzando solo e soltanto gli strumenti più adeguati come ad esempio:

  1. segnali di trading;
  2. aggiornamenti di mercato;
  3. stock screener;
  4. calendari;
  5. newsletter.

Noi ti consigliamo di operare con IQ Option, non solo perché ti offre un conto demo gratuito, ma anche perché ti permette di fare trading con un conto reale, grazie al deposito minimo di appena 10 € e trade minimi da 1 €!

Puoi infine ottenere supporto e prendere ispirazione da altre persone che condividono con te la tua stessa esperienza di trading online. Puoi condividere i tuoi risultati con essi e senza abbandonare mai la traderoom!

Se stai cercando un valido alleato per il tuo trading online, allora no puoi non scegliere IQ Option broker regolamentato ed autorizzato CySEC con licenza 247/14 dal 2013.

Caratteristiche di IQ Option

  1. Broker premiato, riconosciuto e apprezzato dai più rispettati esperti del settore;
  2. Partner della Aston Martin Racing;
  3. Broker regolamentato;
  4. Conto-demo gratuito da €1,000;
  5. Professionale sistema di formazione;
  6. Accessibilità da qualsiasi dispositivo;
  7. Vasta gamma di strumenti per l’analisi;
  8. Più di 70 asset da negoziare;
  9. Semplice ed affidabile sistema di prelievo.

Ora che abbiamo visto i migliori broker da utilizzare per investire in ETF, è tempo di vedere quali sono i vantaggi degli ETF e come possiamo utilizzarli a nostro favore per guadagnare con il trading online.

I vantaggi degli ETF

Fare trading con gli ETF ha sicuramente notevoli vantaggi rispetto ad altre forme di trading. Innanzitutto, bisogna specificare che gli ETF sono differenti dai fondi comuni di investimento. Gli ETF sono strumenti a gestione passiva al contrario dei comuni fondi di investimento, ovvero:

  • Gli ETF si occupano solamente di replicare l’andamento di un benchmark: ciò significa che la società che gestisce un ETF non deve occuparsi di selezionare i titoli da includere nel fondo. Basta semplicemente aggiungere tutti i titoli (in caso di indici azionari) contenuti nell’indice di riferimento dell’ETF. Al contrario, i fondi di investimento scelgono attivamente quali titoli comprare e quali vendere.
  • Commissioni bassissime: I costi e commissioni relativi ad un ETF sono davvero bassi. Dopotutto, gli ETF replicano l’andamento di un benchmark di riferimento, si tratta quindi di una gestione passiva e non attiva. Sono anche assenti le commissioni di ingresso, uscita e performance. Le commissioni annue invece variano da un minimo di 0,09% fino ad un massimo di 1,5% e sono pagate in proporzione al periodo di detenzione dell’ETF.
  • Rischio minore: Gli ETF, al contrario delle  SICAV, hanno un patrimonio autonomo e completamente separato da quello dell’emittente. Ciò significa che se fallisce una società emittente di un ETF, gli investitori non corrono nessun rischio patrimoniale.
  • Pagamento dei dividendi: Gli ETF, proprio come i fondi comuni, possono pagare dividendi ai trader che hanno acquistato e detenuto delle quote. Infatti si dividono in ETF a distribuzione (quindi con pagamento periodico di dividendi) e in ETF ad accumulazione (che invece reinvestono i dividendi).
  • Alta liquidità: Gli ETF sono strumenti con un’alta liquidità, infatti per importi fino ad un milione di euro la negoziazione avviene agevolmente sul mercato azionario. Per importi superiori invece, è necessario operare OTC (over the counter), ovvero direttamente presso un Market Maker.
  • Diversificazione del portafoglio: Investire direttamente su un ETF permette al trader di diversificare facilmente il proprio portafoglio titoli. Infatti, anziché comprare differenti titoli azionari, il trader può investire su un ETF che replica un indice azionario, il quale già di suo include le performance di svariati titoli azionari.
  • Investimento minimo: Proprio come i titoli azionari, possono essere comprati e venduti a partire dalla quantità di uno. Ovvero, potete anche comprare e vendere anche 1 sola quota di un fondo ETF, non per forza lotti di dimensioni maggiori.

ETF o ETC:  I diversi tipi di ETF

Ora che sappiamo cosa sono gli ETF e come funzionano gli ETF, è bene fare un po’ di chiarezza sui differenti tipi di ETF che ci sono in circolazione.

  • ETF: Exchange-Traded Fund: si tratta di fondi che seguono principalmente un indice azionario, quindi hanno il loro portfolio composto solamente da titoli azionari.
  • ETC: Exchange Traded Commodity: fanno riferimento alle materie prime;
  • ETN: Exchange Traded Note: si tratta di obbligazioni a lungo termine;
  • ETP: Exchange Traded Products: è una categoria specifica al cui interno sono compresi anche altri prodotti come:
    • ETF;
    • ETC;
    • ETN, ecc.
  • ETFS: Exchange Traded Funds Strutturati: sono degli ETF ma con una gestione diversa. In questo caso i rendimenti vengono ricercati studiando l’indice benchmark, la leva, il money management, ecc.

 Investire in ETF o Fondi Comuni?

Molti futuri investitori spesso si chiedono se sia meglio investire in ETF o Fondi Comuni. Si tratta di un argomento molto importante da trattare: per questo motivo, se volete approfondire l’argomento vi rimandiamo al nostro articolo su ETF e Fondi Comuni.

Qui di seguito invece potete vedere i principali vantaggi degli ETF rispetto ai Fondi Comuni di investimento.

  • Costi di commissioni: investire in ETF richiede il pagamento di commissioni molto più basse rispetto ad investire in Fondi Comuni di investimento. Il motivo è semplice: gli ETF sono uno strumento passivo, ovvero replicano l’andamento di un benchmark di riferimento. Al contrario, i Fondi Comuni di Investimento sono uno strumento attivo, che ha lo scopo di battere con performance migliori l’indice di riferimento.
  • Nessun investimento minimo: di norma i Fondi Comuni di investimento richiedono un investimento minimo per poterne entrare a far parte, che varia a seconda del tipo di fondo su cui si vuole investire. Gli ETF invece possono essere comprati e venduti anche per 1 unità, quindi non vi è un investimento minimo da fare.
  • Liquidità e Flessibilità: si possono comprare o vendere ETF durante tutta la giornata, dato che sono quotati alla Borsa ed è molto più facile far incontrare i compratori con i venditori. Al contrario, quando si parla di Fondi Comuni di Investimento, i processi di acquisto e vendita sono molto più “complessi” e richiedono più tempo, proprio perché non sono quotati su un mercato regolamentato come la Borsa.
  • Trasparenza: gli ETF sono molto più trasparenti dei Fondi Comuni di investimento, dato che si possono vedere tutti gli asset compresi in un ETF prima di andare ad investire. Nei Fondi Comuni invece spesso i dettagli del fondo non vengono rivelati del tutto.
  • Possibilità di vendere allo scoperto: dato che gli ETF vengono scambiati in un mercato regolamentato come la Borsa, è possibile venderli allo scoperto (ovvero andare short ed investire al ribasso).
  • Scelta ETF: gli ETF permettono di diversificare il proprio portfolio di investimenti molto facilmente rispetto ai Fondi Comuni di investimento. Vi è infatti una grande varietà di ETF e ogni ETF è un paniere di asset.
  • Come investire: investire in ETF è possibile farlo anche tramite la Borsa, quindi possono essere comprati e venduti tramite un normale account di trading, come quello fornito dalle banche o dai broker. Se parliamo di Fondi Comuni di Investimento invece, è sempre necessaria la figura di un consulente finanziario o promotore finanziario che suggerisca e proponga i fondi su cui investire (anche se al giorno d’oggi vi sono banche che permettono di visionare i fondi direttamente online dal portale della banca).

Come fare trading con gli ETF petrolio

Più che di ETF (Exchange Traded Funds) quando ci si riferisce alle materie prime si parla di trading con gli ETC (Exchange Traded Commodities).

In questo caso, gli ETF Petrolio che permettono di investire nel settore petrolifero, sono un particolare forma di investimento che presentano delle caratteristiche simili alle azioni ma che hanno come obbiettivo la replica di prodotti finanziari legati al settore petrolifero. Quindi è possibile investire in ETF Petrolio o acquistando direttamente ETF oppure attraverso la negoziazione online di CFD su ETF Petrolio.

In breve, il trading con i CFD replica in maniera esatta e completo l’andamento dell’ETF aggiungendo solo e soltanto un premio di rettifica al prezzo medio di mercato in modo da raggiungere lo spread di mercato.

Vantaggi del trading ETF Petrolio:

  • possibilità di aprire posizioni long/short;
  • piena autonomia operativa;
  • eliminazione dei costi di commissione;
  • spread basso;
  • facilità d’uso;
  • possibilità di impostare ordini di tipo Stop Loss e Stop Limit.

Per sapere se il broker rispecchia questi vantaggi del trading ETF, consigliamo di richiedere assistenza attraverso il servizio assistenza clienti.

Tassazione ETF

"Tassazione

Anche questo particolare tipo di investimento ha subito a seguito del decreto legislativo varato con l’inizio del Governo Renzi (n.44 del 4 marzo 2014), una modificazione della tassazione. Parlando della tassazione ETF, dobbiamo distinguere 2 momenti distinti:

  • tassazione in passato;
  • tassazione attuale.

La tassazione passata, ovvero quella avvenuta prima della riforma Renzi, ed entrata in vigore nell’aprile 2014 dando seguito al recepimento a livello italiano della direttiva europea (2011/61/UE, Alternative Investment Fund Managers), il regime fiscale era quello messo in pratica per il risparmio gestito, e che riguardava gli strumenti appartenenti alla famiglia degli OICR.

In questo caso, avveniva una doppia tassazione degli ETF, consistente in:

  • una tassazione sui redditi da capitale, ovvero una tassazione applicata sulla differenza tra il Net Asset Value delle quote nel giorno di vendita ed il NAV delle quote nel giorno di acquisto;
  • una tassazione sui redditi diversi, ovvero tutti i redditi derivanti da capital gain ovvero dati dalla differenza tra il prezzo d’acquisto ed il prezzo di vendita dell’ETF.

Questa suddivisione non era di facile applicazione e di conseguenza rendeva difficoltoso sia il calcolo effettivo della tassazione totale, sia il controllo dell’ammontare finale dell’onere fiscale da sostenere.

L’attuale tassazione degli ETF, invece, avvenuta a seguito dell’integrazione della direttiva AIFM, vede colpiti tutti i profitti derivanti dagli ETF che gli considera indistintamente come redditi da capitale. Di conseguenza il calcolo delle minusvalenze e dei proventi, è dato dalla differenza tra i prezzi d’acquisto e il prezzo di vendita dell’ETF.

Come per il trading con i CFD anche il trading con gli ETF è sottoposto a tassazione del 26% rispetto alla tassazione del 20% precedentemente applicata. Non rientrano in questa tassazione invece solo i proventi derivanti da Titoli di Stato (tassazione di Bot e Btp ad aliquota agevolata del 12,5%). Con la nuova tassazione degli ETF, non è neanche possibile compensare minusvalenze.

" =====================In questa guida analizzeremo il trading con gli ETF, spiegando che cosa sono gli ETF e come è possibile investire in ETF. Partiamo...

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk