In questa guida analizzeremo il trading con gli ETF, spiegando che cosa sono gli ETF e come è possibile investire in ETF. Partiamo quindi proprio dalla definizione di ETF, per addentrarci poi nei dettagli del trading di ETF.

Cosa sono gli ETF

trading etf
ETF: Exchange Traded Funds

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Per spiegare che cosa è un ETF, bisogna iniziare proprio dal suo stesso acronimo: ETF sta per “Exchange-Traded Fund”. Gli ETF vengono scambiati come le classiche azioni: ciò significa che si può comprare e vendere ETF.

Si possono aprire sia posizioni long (rialziste) che posizioni short (ribassiste). Spesso si può investire in ETF in entrambe le direzioni grazie ai CFD, come vedremo in seguito.

La differenza sostanziale tra azioni ed ETF è però la seguente: le azioni rappresentano l’andamento di una singola società, mentre l’ETF rappresenta l’andamento di un intero segmento industriale, se non addirittura un mercato oppure borsa nazionale. Si può inoltre investire in ETF comprendenti obbligazioni statali (titoli di Stato) o bond emessi da società private.

Gli ETF non fanno altro che replicare l’andamento di un indice (ovvero di un benchmark di riferimento).

Per indice per esempio, intendiamo i famosi indici azionari, che servono proprio per valutare l’andamento del mercato azionario. Se quindi volete andare ad investire su un indice azionario, e quindi su un intero settore di mercato, potreste valutare l’ipotesi di investire in ETF.

Leggi anche >>> Risparmio gestito: cos’è, opinioni e definizione

Uno degli indici azionari italiani più importanti è sicuramente il FTSE MIB: questo indice azionario rappresenta le performance dei 40 titoli azionari italiani con maggiore liquidità. Perciò il valore del FTSE MIB dipende dalle performance dei 40 titoli azionari di cui è composto.

In altre parole, un indice azionario è un paniere di titoli. A livello mondiale invece, tra i più famosi indici azionari troviamo lo Standard&Poor 500, il NASDAQ-100, il DAX).

ETF cosa sono
Investire in ETF: cosa significa?

Ogni indice azionario rappresenta l’andamento di più titoli azionari, di solito raggruppati o per il segmento di mercato a cui appartengono (hi-tech, industriale, servizi, energia, etc…), o per la liquidità dei titoli stessi e per la capitalizzazione delle rispettive società.

Per esempio, lo Standard&Poor 500 rappresenta l’andamento delle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione.

Invece, il NASDAQ-100 rappresenta le 100 imprese non finanziarie più importanti che sono quotate sul mercato borsistico americano (in tale indice vengono inclusi la maggior parte delle società che operano nel campo informatico e tecnologico).

Se volete andare ad investire su questi indici azionari, dovete quindi ricorrere al trading con ETF. Gli ETF infatti replicano l’andamento dell’indice di riferimento.

Perciò, l’ETF riguardante il FTSE MIB italiano, replica l’andamento di tale indice, con uno scarto percentuale massimo pari al 1-2%. In realtà si può investire in ETF non solo su indici azionari. Per essere precisi, si può investire in ETF comprendenti:

  • indici azionari;
  • materie prime;
  • Interi mercati o settori merceologici;
  • azioni che hanno in comune capitalizzazione, dividendi emessi, crescita ecc;
  • obbligazioni;
  • panieri di valute

Anche in questi casi, gli ETF replicano sempre l’andamento del valore dell’indice di riferimento (o mercato di riferimento, o materie prima). Ovviamente, gli ETF vengono scambiati su base quotidiana, con i trader che comprano e vendono ETF durante le ore di apertura del mercato azionario.

Tipologie di ETF disponibili:

Leggi anche Meglio investire in ETF o Fondi Comuni ? Le differenze da conoscere

Investire in ETF: come funziona?

Come avete appena letto, gli ETF possono essere utilizzati per investire su diversi settori dell’economia, così come su differenti indici azionari delle borse di tutto il mondo, o anche sulle materie prime. Ma come funzionano gli ETF?

Gli ETF vengono scambiati sul normale mercato azionario, quindi possono essere comprati e venduti dai trader durante le ore di apertura della Borsa. Gli ETF seguono il benchmark di riferimento per la loro quotazione in borsa (che può essere il valore attuale di un indice azionario, oppure quello di una materia prima). A questo punto però sorge spontanea la domanda: ma come fanno gli ETF a seguire esattamente (al massimo con uno scarto di 1-2%) il valore di, per esempio, un indice azionario, se poi gli ETF vengono comprati e venduti?

Infatti, quando si compra un ETF o si vende un ETF, avviene comunque una variazione nella quotazione dell’ETF stesso. Eppure l’ETF deve sempre seguire il benchmark di riferimento. La risposta è data dal meccanismo di bilanciamento della quotazione degli ETF noto come “creation/redemption in kind”. Gli ETF, come dice lo stesso acronimo, sono dei fondi di investimento: ma a differenza dei classici fondi di investimento, gli ETF si occupano solamente di replicare l’andamento del benchmark di riferimento.

"Cosa

Un fondo di investimento di solito investe il proprio patrimonio comprando differenti titoli azionari, investendo nel Forex, o su altri strumenti finanziari. Invece, il fondo di investimento di un ETF si deve occupare solamente di seguire il benchmark di riferimento.

Quindi, se una società gestisce l’ETF riguardante l’indice azionario FTSE MIB, tale società deve aggiungere nel proprio portfolio titoli solamente quei 40 titoli azionari che fanno parte dell’indice originale, ovvero del FTSE MIB. Se uno di questi titoli viene eliminati dall’indice FTSE MIB per essere rimpiazzato da un altro, anche l’ETF relativo al FTSE MIB si comporta allo stesso modo: vengono venduti gli stessi titoli azionari usciti dal FTSE MIB per essere rimpiazzati dagli stessi nuovi titoli azionari introdotti nel FTSE MIB.

Per tal motivo sono le stesse società che gestiscono gli ETF (Exchange-traded Funds) che si occupano di assicurarsi che la quotazione degli ETF segui fedelmente quella del benchmark di riferimento. In tal modo, i trader possono tranquillamente acquistare e vendere gli ETF.

Investire in ETF: come fare trading con gli ETF grazie ai CFD

Ora che abbiamo capito che cosa sono gli ETF e come funzionano gli ETF, vediamo un po’ come è possibile investire in ETF. Dopotutto, tramite gli ETF possiamo investire su indici azionari e materie prime; per tal motivo gli ETF sono un ottimo strumento finanziario su cui investire. Ma dove troviamo gli ETF come asset su cui investire?

Oltre alla normale compravendita di ETF che avviene in Borsa, è possibile speculare sul valore degli ETF tramite il trading CFD. Già, anche gli ETF vengono utilizzati come asset dai broker CFD (oltre a titoli azionari, indici azionari, materie prime, criptovalute e coppie valute del Forex). Qui di seguito possiamo trovare i migliori broker CFD regolamentati che offrono anche gli ETF come asset per trading CFD.

eToro: trading su ETF sia CFD sia reale

Cosa sono ETF
ETF su eToro

eToro è uno dei broker più famosi che ci sia in circolazione, diventato ben presto broker leader nel settore del Social Trading.

Tramite il Social Trading è possibile condividere e seguire strategie di altri trader se non anche copiare (automaticamente) tutte le loro operazioni. A questo si aggiunge anche la semplicità di una piattaforma di trading all’avanguardia, semplice da utilizzare a cui si affianca un account demo gratuito eToro. Investire in ETF su eToro è molto semplice e intuitivo.

ETF come funzionano
Alcuni esempi di ETF presenti sul broker eToro

Il broker eToro mette a disposizione dei suoi clienti più di  50 ETF su cui fare trading CFD. Oltre ad un account demo gratuito con il quale è possibile provare la piattaforma di trading eToro e fare tutta la pratica che si vuole in completa sicurezza.

Sulla piattaforma di eToro è possibile acquistare un ETF senza CFD, ma con trading reale sulla piattaforma di eToro. Vi basterà selezionare una leva finanziaria pari a 1:1. Per quanto riguarda invece le posizioni short è possibile investire in ETF solo con i CFD.

CONTO DEMO

Apri un conto Demo eToro

Investi in tempo reale sui principali ETF con il conto demo da 100.000$ virtuali di eToro. Inizia ad investire su eToro, il tuo social network per gli investimenti!

I vantaggi degli ETF

trading-etf
Trading ETF

Fare trading con gli ETF ha sicuramente notevoli vantaggi rispetto ad altre forme di trading. Innanzitutto, bisogna specificare che gli ETF sono differenti dai fondi comuni di investimento. Gli ETF sono strumenti a gestione passiva al contrario dei comuni fondi di investimento, ovvero:

  • Gli ETF si occupano solamente di replicare l’andamento di un benchmark: ciò significa che la società che gestisce un ETF non deve occuparsi di selezionare i titoli da includere nel fondo. Basta semplicemente aggiungere tutti i titoli (in caso di indici azionari) contenuti nell’indice di riferimento dell’ETF. Al contrario, i fondi di investimento scelgono attivamente quali titoli comprare e quali vendere.
  • Commissioni bassissime: I costi e commissioni relativi ad un ETF sono davvero bassi. Dopotutto, gli ETF replicano l’andamento di un benchmark di riferimento, si tratta quindi di una gestione passiva e non attiva. Sono anche assenti le commissioni di ingresso, uscita e performance. Le commissioni annue invece variano da un minimo di 0,09% fino ad un massimo di 1,5% e sono pagate in proporzione al periodo di detenzione dell’ETF.
  • Rischio minore: Gli ETF, al contrario delle  SICAV, hanno un patrimonio autonomo e completamente separato da quello dell’emittente. Ciò significa che se fallisce una società emittente di un ETF, gli investitori non corrono nessun rischio patrimoniale.
  • Pagamento dei dividendi: Gli ETF, proprio come i fondi comuni, possono pagare dividendi ai trader che hanno acquistato e detenuto delle quote. Infatti si dividono in ETF a distribuzione (quindi con pagamento periodico di dividendi) e in ETF ad accumulazione (che invece reinvestono i dividendi).
  • Alta liquidità: Gli ETF sono strumenti con un’alta liquidità, infatti per importi fino ad un milione di euro la negoziazione avviene agevolmente sul mercato azionario. Per importi superiori invece, è necessario operare OTC (over the counter), ovvero direttamente presso un Market Maker.
  • Diversificazione del portafoglio: Investire direttamente su un ETF permette al trader di diversificare facilmente il proprio portafoglio titoli. Infatti, anziché comprare differenti titoli azionari, il trader può investire su un ETF che replica un indice azionario, il quale già di suo include le performance di svariati titoli azionari.
  • Investimento minimo: Proprio come i titoli azionari, possono essere comprati e venduti a partire dalla quantità di uno. Ovvero, potete anche comprare e vendere anche 1 sola quota di un fondo ETF, non per forza lotti di dimensioni maggiori.

ETF o ETC:  I diversi tipi di ETF

Ora che sappiamo cosa sono gli ETF e come funzionano gli ETF, è bene fare un po’ di chiarezza sui differenti tipi di ETF che ci sono in circolazione.

  • ETF: Exchange-Traded Fund: si tratta di fondi che seguono principalmente un indice azionario, quindi hanno il loro portfolio composto solamente da titoli azionari.
  • ETC: Exchange Traded Commodity: fanno riferimento alle materie prime;
  • ETN: Exchange Traded Note: si tratta di obbligazioni a lungo termine;
  • ETP: Exchange Traded Products: è una categoria specifica al cui interno sono compresi anche altri prodotti come:
    • ETF;
    • ETC;
    • ETN, ecc.
  • ETFS: Exchange Traded Funds Strutturati: sono degli ETF ma con una gestione diversa. In questo caso i rendimenti vengono ricercati studiando l’indice benchmark, la leva, il money management, ecc.

 Investire in ETF o Fondi Comuni?

Molti futuri investitori spesso si chiedono se sia meglio investire in ETF o Fondi Comuni. Si tratta di un argomento molto importante da trattare: per questo motivo, se volete approfondire l’argomento vi rimandiamo al nostro articolo su ETF e Fondi Comuni.

Cosa sono ETF
Cosa sono gli ETF?

Qui di seguito invece potete vedere i principali vantaggi degli ETF rispetto ai Fondi Comuni di investimento.

  • Costi di commissioni: investire in ETF richiede il pagamento di commissioni molto più basse rispetto ad investire in Fondi Comuni di investimento. Il motivo è semplice: gli ETF sono uno strumento passivo, ovvero replicano l’andamento di un benchmark di riferimento. Al contrario, i Fondi Comuni di Investimento sono uno strumento attivo, che ha lo scopo di battere con performance migliori l’indice di riferimento.
  • Nessun investimento minimo: di norma i Fondi Comuni di investimento richiedono un investimento minimo per poterne entrare a far parte, che varia a seconda del tipo di fondo su cui si vuole investire. Gli ETF invece possono essere comprati e venduti anche per 1 unità, quindi non vi è un investimento minimo da fare.
  • Liquidità e Flessibilità: si possono comprare o vendere ETF durante tutta la giornata, dato che sono quotati alla Borsa ed è molto più facile far incontrare i compratori con i venditori. Al contrario, quando si parla di Fondi Comuni di Investimento, i processi di acquisto e vendita sono molto più “complessi” e richiedono più tempo, proprio perché non sono quotati su un mercato regolamentato come la Borsa.
  • Trasparenza: gli ETF sono molto più trasparenti dei Fondi Comuni di investimento, dato che si possono vedere tutti gli asset compresi in un ETF prima di andare ad investire. Nei Fondi Comuni invece spesso i dettagli del fondo non vengono rivelati del tutto.
  • Possibilità di vendere allo scoperto: dato che gli ETF vengono scambiati in un mercato regolamentato come la Borsa, è possibile venderli allo scoperto (ovvero andare short ed investire al ribasso).
  • Scelta ETF: gli ETF permettono di diversificare il proprio portfolio di investimenti molto facilmente rispetto ai Fondi Comuni di investimento. Vi è infatti una grande varietà di ETF e ogni ETF è un paniere di asset.
  • Come investire: investire in ETF è possibile farlo anche tramite la Borsa, quindi possono essere comprati e venduti tramite un normale account di trading, come quello fornito dalle banche o dai broker. Se parliamo di Fondi Comuni di Investimento invece, è sempre necessaria la figura di un consulente finanziario o promotore finanziario che suggerisca e proponga i fondi su cui investire (anche se al giorno d’oggi vi sono banche che permettono di visionare i fondi direttamente online dal portale della banca).

Come fare trading con gli ETF petrolio

trading-etf-petrolio
ETF petrolio

Più che di ETF (Exchange Traded Funds) quando ci si riferisce alle materie prime si parla di trading con gli ETC (Exchange Traded Commodities).

In questo caso, gli ETF Petrolio che permettono di investire nel settore petrolifero, sono un particolare forma di investimento che presentano delle caratteristiche simili alle azioni ma che hanno come obbiettivo la replica di prodotti finanziari legati al settore petrolifero. Quindi è possibile investire in ETF Petrolio o acquistando direttamente ETF oppure attraverso la negoziazione online di CFD su ETF Petrolio.

In breve, il trading con i CFD replica in maniera esatta e completo l’andamento dell’ETF aggiungendo solo e soltanto un premio di rettifica al prezzo medio di mercato in modo da raggiungere lo spread di mercato.

Vantaggi del trading ETF Petrolio:

  • possibilità di aprire posizioni long/short;
  • piena autonomia operativa;
  • eliminazione dei costi di commissione;
  • spread basso;
  • facilità d’uso;
  • possibilità di impostare ordini di tipo Stop Loss e Stop Limit.

Per sapere se il broker rispecchia questi vantaggi del trading ETF, consigliamo di richiedere assistenza attraverso il servizio assistenza clienti.

Tassazione ETF

"Tassazione

Anche questo particolare tipo di investimento ha subito a seguito del decreto legislativo varato con l’inizio del Governo Renzi (n.44 del 4 marzo 2014), una modificazione della tassazione. Parlando della tassazione ETF, dobbiamo distinguere 2 momenti distinti:

  • tassazione in passato;
  • tassazione attuale.

La tassazione passata, ovvero quella avvenuta prima della riforma Renzi, ed entrata in vigore nell’aprile 2014 dando seguito al recepimento a livello italiano della direttiva europea (2011/61/UE, Alternative Investment Fund Managers), il regime fiscale era quello messo in pratica per il risparmio gestito, e che riguardava gli strumenti appartenenti alla famiglia degli OICR.

In questo caso, avveniva una doppia tassazione degli ETF, consistente in:

  • una tassazione sui redditi da capitale, ovvero una tassazione applicata sulla differenza tra il Net Asset Value delle quote nel giorno di vendita ed il NAV delle quote nel giorno di acquisto;
  • una tassazione sui redditi diversi, ovvero tutti i redditi derivanti da capital gain ovvero dati dalla differenza tra il prezzo d’acquisto ed il prezzo di vendita dell’ETF.

Questa suddivisione non era di facile applicazione e di conseguenza rendeva difficoltoso sia il calcolo effettivo della tassazione totale, sia il controllo dell’ammontare finale dell’onere fiscale da sostenere.

L’attuale tassazione degli ETF, invece, avvenuta a seguito dell’integrazione della direttiva AIFM, vede colpiti tutti i profitti derivanti dagli ETF che gli considera indistintamente come redditi da capitale. Di conseguenza il calcolo delle minusvalenze e dei proventi, è dato dalla differenza tra i prezzi d’acquisto e il prezzo di vendita dell’ETF.

Come per il trading con i CFD anche il trading con gli ETF è sottoposto a tassazione del 26% rispetto alla tassazione del 20% precedentemente applicata. Non rientrano in questa tassazione invece solo i proventi derivanti da Titoli di Stato (tassazione di Bot e Btp ad aliquota agevolata del 12,5%). Con la nuova tassazione degli ETF, non è neanche possibile compensare minusvalenze.

  • Diversificazione portfolio
  • Liquidità ETF
  • Facilità di utilizzo
  • Trading CFD su ETF
4.9

Riassunto

Gli ETF si occupano solamente di replicare l’andamento di un benchmark: ciò significa che la società che gestisce un ETF deve occuparsi di una gestione passiva, e ciò spiega le basse commissioni che vi sono quando si tratta di fare trading ETF. Inoltre, gli ETF possono pagare i dividendi se si possiedono le relative quote (un ulteriore vantaggio per chi punta al trading a lungo termine). Gli ETF sono un tipo di asset ottimo per diversificare il proprio portfolio di investimenti, e risultano anche facili da scambiare per l’alta liquidità presente nel mercato. Sugli ETF inoltre, ci si può investire anche grazie al trading CFD, specialmente se si punta a guadagnare nel breve e medio termine sfruttando anche la leva finanziaria (che con piccoli capitali permette di muovere cifre importanti).

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.