La seduta di venerdì si è conclusa con una flessione moderata per l’indice FTSE MIB, che ha chiuso la giornata con una variazione percentuale di – 0,64%. L’apertura è stata in linea con la chiusura della sessione precedente, con un atteggiamento attendista degli operatori di mercato per quasi tutta la mattina, e un peggioramento delle prestazioni nelle ore pomeridiane.

Ad oggi, il quadro tecnico di breve periodo dell’indice di Borsa Italiana è tendenzialmente positivo, con margini di apprezzamento verso la prima soglia di resistenza posta a 26.308,1 punti, superata la quale si erge la seconda soglia di resistenza a 26.532,2 punti. Di contro, se dovesse esserci una correzione di natura temporanea, il primo supporto è posto a 26.084 punti, superati i quali ci sarà spazio per il secondo supporto a 25.934,6 punti.

Per quanto concerne i principali eventi del calendario macroeconomico, in Europa martedì ci sarà la pubblicazione dei dati sul PIL e sull’occupazione, mentre in Germania verranno pubblicale le stime dell’indice ZEW e il dato mensile di produzione industriale, aggiornato a luglio. Mercoledì arriveranno i dati sull’occupazione francese, mentre giovedì ci sarà spazio per la bilancia commerciale tedesca. Sempre dalla Germania, venerdì arriveranno i dati sui prezzi al consumo, su base mensile e base annua.

Insomma, settimana di indicatori non particolarmente ricca, ma il focus sarà comunque sulla riunione di politica monetaria della Bce, in programma per il 9 settembre.

Secondo gli analisti finanziari, l’Eurotower potrebbe annunciare una nuova revisione al rialzo delle stime di crescita economica per quest’anno, una revisione generalizzata delle proiezioni di inflazione e forse il passaggio a un ritmo di acquisti Pepp più moderato.

Passando poi all’Italia, il nostro Paese pubblicherà il dato delle vendite al dettaglio, il prossimo mercoledì 8 settembre.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram