Analisi tecnica FTSE MIB 2 – 6 dicembre 2019 - Meteofinanza.com
  • bitcoinBitcoin€7,906.913.26%
  • ethereumEthereum€152.803.49%
  • rippleXRP€0.2089903.27%
Analisi tecnica FTSE MIB 2 – 6 dicembre 2019

Analisi tecnica FTSE MIB 2 – 6 dicembre 2019

  • Di RobertoR
  • Pubblicato il 2 Dicembre 2019
  • Aggiornato il 2 Dicembre 2019

La scorsa settimana si è conclusa con una sessione poco mossa da parte del principale indice della Borsa Italiana, con FTSE MIB che ha ceduto lo 0,36% rispetto alla seduta precedente. Una giornata contraddistinta per un esordio piuttosto debole per l’indice, che ha avviato la giornata a quota 23.267,7 punti e ha poi terminato a 23.259,3 punti, sul livello più basso dell’intera sessione.

Analisi tecnica FTSE MIB: resistenze e supporti

Analisi tecnica FTSE MIB 2 – 6 dicembre 2019
✅  CONTO CORRENTE ZERO SPESE CON N26Carta Conto con IBAN Gratuita + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. 🔝carta MASTERCARD, per accreditare lo stipendio o fare bonifici in 19 valute. Scopri tutte le caratteristiche sul sito ufficiale >>

Quanto avvenuto la scorsa settimana non sembra cambiare l’impressione di uno scenario di medio lungo termine comunque positivo per Piazza Affari, anche se la struttura di breve periodo mostra qualche deterioramento.

Per quanto concerne gli scenari tecnici e l’analisi di status, è attualmente concreta la possibilità che nel breve termine possano esserci delle chiavi ribassiste, con un primo supporto a quota 23.163,6 punti, e un secondo supporto chiave inferiore a 23.067,8 punti.

Di contro, se dovesse entrare in gioco uno scenario rialzista, la prima resistenza che l’indice dovrà affrontare è a quota 23.450,8 punti, superato il quale l’indice potrebbe sperimentare un secondo livello di resistenza posto a 23.738,1 punti.

Italia, tra dati passati e previsioni future

Per quanto concerne uno sguardo all’analisi fondamentale, i dati della seconda settimana non hanno fornito grandissime sorprese, esattamente come avevamo anticipato.

Il PIL è stato infatti confermato a + 0,1% su base trimestrale, in linea con i precedenti tre trimestri. La crescita è determinata dalla domanda domestica e, soprattutto, da consumi e scorte. Contributo negativo è stato determinato dal commercio estero. Gli investimenti sono calati. A novembre, la fiducia dei consumatori è poi calata per il secondo mese consecutivo, al minimo livello da luglio 2017. Buone notizie dal tasso di disoccupazione, che è tornato a calare più del previsto a ottobre, al 9,7%, dopo il 9,9% a settembre.

Tra gli altri dati, in ottobre l’export verso i Paesi extra UE è cresciuto del 6,1% m/m e 8,4% a/a. Import in contrazione di -3,9% m/m e – 9,3% a/a. Infine, produttività del lavoro calata di 0,3%, fatturato nei servizi in crescita dello 0,5% t/t nel terzo trimestre, inflazione salita più del previsto a novembre a 0,4% a/a da 0,2% precedente.

Nella settimana entrante, pochi i dati in pubblicazione. Si inizia oggi con la prima lettura del PMI manifatturiero, che dovrebbe mostrare un lieve recupero a 47.9 punti a novembre, contro i 47.7 punti a ottobre. Mercoledì uscirà anche la prima stima del PMI servizi, in rallentamento a 52 punti contro i 52.2 punti precedenti.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

BrokerCaratteristicheVantaggiConto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
Investous
  • Segnali di trading
  • Conto demo da 100.000€ virtuali
Segnali di trading e conto demo da 100.000€ virtuali Prova Gratis Investous opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
Dukascopy
  • Licenza: FKTK
  • Forex e CFD
  • Deposito minimo: 100 euro
Conto Demo ECN gratuito - data feed completo Prova Gratis Dukascopy opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.