La scorsa settimana l’indice FTSE MIB della Borsa di Milano si è chiuso con una flessione dello 0,44%. L’analisi dello scenario a breve termine del principale indice di riferimento di Piazza Affari ha rilevato una buona conferma del trend positivo, anche se potrebbero non mancare delle correzioni di breve termine.

Supporti e resistenze indice FTSE MIB

In un trend positivo e rialzista, la prima resistenza che l’indice dovrebbe incontrare è quello posto a quota 24.266,8 punti, superata la quale si potrebbero aprire le porte per un incremento fino alla soglia dei 24.644 punti.

Di contro, nel caso in cui dovesse prendere corpo il trend ribassista, il primo supporto è posto a 23.889,6 punti. In caso di rottura al ribasso, ci sarebbero gli spazi per un nuovo test del supporto inferiore, a 23.638,1 punti.

Market mover fondamentali

Nella settimana non sono numerosissimi i dati in uscita, ma ci sono comunque alcuni eventi che è bene tenere sotto controllo perché potrebbero avere un impatto sull’evoluzione dell’indice FTSE MIB.

In particolare, nell’area euro la settimana vede l’uscita della stima preliminare dei PMI di gennaio, con il dato composito che dovrebbe leggermente migliorare a 51,1 punti, così come il manifatturiero a 46,6 punti, mentre i servizi potrebbero indicare una marginale correzione a 52,7 punti. Tra i dati nazionali, spicca quello tedesco, con lo ZEW in probabile aumento a -14,9 mentre l’indice francese per le attese è visto a 13,0 da 10,7. Infine, l’indice di fiducia dei consumatori Eurozona è visto in risalita a -7,6 a gennaio da -8,1.

Negli USA la giornata odierna non propone spunti (mercati chiusi), mentre per il resto dei giorni la stima flash degli indici PMI Markit a gennaio dovrebbe stabilizzarsi sui livelli di dicembre, sia per il manifatturiero sia per i servizi. Le vendite di case esistenti a dicembre dovrebbero essere in crescita.

Vendite al dettaglio

Negli ultimi giorni, in Italia, l’unico dato macro di rilievo è stato quello delle vendite al dettaglio, calate per il secondo mese a novembre, di -0,2% m/m (-0,3% m/m in volume), dopo il -0,3% m/m di ottobre. Il calo congiunturale è determinato dai non alimentari.

Si noti altresì l’ampliamento del gap tra la grande distribuzione (+3,3% a/a) e le imprese operanti su piccole superfici (-1,4% a/a). In rallentamento il commercio elettronico (a 4,1% a/a).

Per quanto concerne le categorie di vendite, buoni incrementi per profumeria e cura della persona (+3,8%) e mobili, articoli tessili e arredamento (+2,2%). Decise le contrazioni per farmaceutici (-2,7%) e foto-ottica e pellicole, supporti magnetici e strumenti musicali (-1,2%). 0

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.