I broker australiani sono gli intermediari finanziari con sede legale in Australia e che hanno ottenuto la licenza ASIC, ossia la possibilità di poter offrire servizi di trading . La ASIC è l’autorità di vigilanza dell’Australia ed è una sigla che sta per Australian Securities and Investments Commission.

Non solo i broker australiani possono ottenere questa licenza, ma anche altri broker, come quelli europei, desiderosi di espandere la propria clientela anche ai cittadini australiani. Tra questi vi sono eToro, Plus500 e AvaTrade, che hanno aperto una propria sussidiaria in Australia e ottenuto l’autorizzazione dall’ASIC, ovvero:

  • eToro AUS Capital Limited
  • Plus500AU Pty Ltd
  • Ava Capital Markets Australia Pty Ltd

L’Australia rappresenta infatti un’opportunità per molti broker, dal momento che è un Paese tendenzialmente ricco e con una buona crescita economica. Dal 1° agosto 2018 i broker australiani sono diventati molto appetibili anche dai cittadini europei perché sono entrate in vigore le nuove norme dell’ESMA in merito alla leva finanziaria e alle opzioni binarie per i clienti al dettaglio.

I trader europei si sono visti ridurre drasticamente la leva finanziaria disponibile:

  • 1:30 per le valute principali del Forex;
  • 1:20 per quelle secondarie, per il trading sull’oro e sugli indici di borsa più influenti;
  • 1:10 per le altre commodities e gli altri indici azionari;
  • 1:5 per le azioni;
  • 1:2 per le criptovalute.

Alcuni trader europei hanno guardato ai broker australiani, considerati broker No Esma, in seguito all’attivazione di queste misure poiché pensavano che stessero limitando la loro attività di trading.

In realtà a partire dal 2020 anche la ASIC ha deciso di porre dei limiti sulla leva finanziaria, dunque ormai i trader europei e australiani hanno più o meno le stesse condizioni di trading.

Non sta a noi stabilire se il ragionamento fatto negli anni passati dai trader europei sia corretto, affermiamo però che soprattutto per i trader principianti spesso la leva finanziaria molto alta era causa di numerose perdite.

Possiamo altresì affermare che l’ASIC richiede severe condizioni per poter operare e ciò è sintomo di estrema sicurezza del cliente. Per questa ragione molti trader scelgono deliberatamente di operare con broker australiani proprio per le misure di sicurezza adottate da quest’ultimi, soprattutto per quel che riguarda i broker CFD.

broker australiani
Broker australiani con licenza ASIC

Di seguito vediamo quali sono le particolarità della licenza ASIC e in seguito vedremo la lista dei migliori broker australiani.

Caratteristiche broker australiani con licenza ASIC

I broker australiani sono caratterizzati dai duri controlli dall’autorità di vigilanza, che ha imposto severe condizioni per poter ottenere la licenza ASIC. Tali dure condizioni sono sintomo però di maggiore sicurezza per il cliente e per questa ragione i broker australiani sono apprezzati non solo dai cittadini del paese oceanico, ma anche dai cittadini stranieri, come gli europei o gli asiatici per esempio.

Innanzitutto per poter operare in Australia è necessaria la licenza fornita dall’ASIC, qualsiasi altra licenza anche se rilasciata da autorità di tutto rispetto non è considerata valida.

Broker forex australiani
Broker Forex australiani: necessaria la licenza ASIC

Tutti i broker australiani devono tenere il conto della società separato dai conti dei clienti, in questa maniera non c’è possibilità per il broker di attingere ai conti dei propri clienti. L’ASIC controlla periodicamente che tutto ciò avvenga, ma soprattutto impone per tutti i broker australiani un capitale operativo di almeno 1 milione di dollari australiani (AUD). Questa è considerata la cifra giusta per poter operare in questo settore senza problemi in caso di possibili crisi.

I broker australiani non possono inoltre entrare in conflitto di interessi con i trader. Per questa ragione è difficile trovare un broker market maker in Australia, ossia gli intermediari finanziari che stabiliscono il prezzo di mercato di ogni asset. Quasi tutti i broker australiani sono infatti ECN, sigla che sta per Electronic Communication Network. Questi tipi di intermediari finanziari non effettuano riquotazioni, ma forniscono l’esatto prezzo di mercato e al tempo stesso una velocità di esecuzione degli ordini altissima e spread molto bassi.

Ora vediamo quali sono i migliori broker registrati in Australia e che secondo noi vale la pena approfondire.

1 – eToro

Un broker che ha una sede in Australia e ha ottenuto la regolamentazione è eToro, che noi di Meteofinanza.com consigliamo di valutare non solo per i molti servizi offerti, ma anche per essere leader nel Social Trading.

Sulla piattaforma di eToro troverai una community di più di 30 milioni di utenti e con la possibilità di investire su un gran numero di asset finanziari, che comprendono vari mercati, tra cui le valute del Forex, le materie prime, gli ETF, gli indici, le azioni e le criptovalute.

Su eToro non si applicano commissioni sull’apertura o sulla chiusura delle posizioni dei trader, anche la registrazione è gratuita. Questa è una grande novità perché può costituire un grande risparmio per i trader.

Investire denaro online
Investire denaro online

La peculiarità di eToro, che l’ha reso famoso in Europa e in Italia, è il Social trading, come avevamo anticipato poc’anzi.

Esso consiste nel trasformare il trading in un’esperienza social. Gli utenti possono infatti scambiarsi commenti, strategie, suggerimenti e grafici fra loro, così da rendere comune l’attività di trading finanziario.

In questo modo i trader alle prime armi possono giovare dell’esperienza dei colleghi più esperti e trarne vantaggio per le proprie operazioni.

Un’altra maniera per investire è il copy trading, ossia la possibilità di copiare intere operazioni di altri utenti più esperti, chiamati Popular Investor scegliendo liberamente la cifra.

Con eToro è possibile aprire un conto demo su cui fare pratica sui mercati finanziari in modo gratuito e senza alcun rischio.

Apri il tuo conto demo gratuito su eToro da 100.000$ virtuali

2- Plus500

Plus500 è un broker CFD che ha una sussidiaria anche in Australia e consente ai trader con residenza in Australia di investire sulla piattaforma di Plus500.

L’offerta di Plus500 è molto vasta e ciò rende il broker uno dei migliori sul mercato. La piattaforma del broker è raggiungibile con un unico conto sia da un dispositivo mobile che dal pc, è di proprietà del broker ed è molto apprezzata dagli utenti.

Plus500 logo

Una volta entrato nella piattaforma potrai notare facilmente come gli spread non siano così alti, dell’ampia offerta di mercati e soprattutto di una grafica intuitiva.

  • Regolamentazione: CySEC (Cipro) , FCA (Regno Unito) , FMA (Nuova Zelanda), FSCA (Sudafrica), FSA (Seychelles), IE (Singapore) e ASIC (Australia).
  • Piattaforme: di proprietà sia webtrader che mobile.
  • Deposito minimo: 100€.
  • Vantaggi: Gran numero di asset finanziari e spread bassi.
  • Conto demo: gratuito e 50.000€ virtuali disponibili.

Puoi provare Plus500 anche oggi stesso, come? Basta aprire un conto demo e iniziare a investire con 40.000€ virtuali su tutti i mercati che vuoi!

Prova il conto demo gratuito di Plus500!

3 – Avatrade

Esistono alternative australiane a eToro e Plus500 che sono altrettanto affidabili e che offrono una vasta selezione di asset su cui fare trading online? Assolutamente si e una di queste è Avatrade (qui la nostra recensione), un broker che è attivo dal lontano 2007. Stiamo parlando di uno degli operatori più longevi nella storia del trading online e già questo è sufficiente per avere percezione dell’affidabilità di questo broker.

AvaTrade è regolamentato in Australia proprio dall’ASIC e offre l’opportunità ai trader australiani di investire sui mercati finanziari.

Avatrade

Avatrade è un broker dalla portata globale che permette di fare trading online su tantissimi asset:

  • forex
  • azioni
  • ETF
  • criptovalute
  • indici di borsa
  • obbligazioni
  • opzioni

I costi e le condizioni applicati da Avatrade per l’attività di trading online dei clienti sono i seguenti:

  • Spread serrati
  • Nessuna commissione
  • Leva fino a 30:1
  • Esecuzione istantanea degli ordini

Fare trading online con Avatrade è molto semplice anche perchè il broker ha sempre brillanto per numero e varietà di piattaforme disponibili. C’è la piattaforma proprietaria WebTrader che spicca per la sua interfaccia semplice e un design moderno e intuitivo e poi ci sono le piattaforme esterne MT4 e MT5.

Ecco le caratteristiche in sintesi del broker:

  • Regolamentazione:  AvaTrade EU Ltd è regolamentata dalla Central Bank of Ireland (No.C53877); AvaTrade Ltd è regolamentata dalla Financial Services Commission delle Isole Vergini Britanniche (No. SIBA/L/13/1049); Ava Capital Markets Australia Pty Ltd è regolamentata dall’ASIC (No.406684); Ava Capital Markets Pty è regolamentata dalla Financial Sector Conduct Authority del Sudafrica (FSCA No.45984); Ava Trade Japan K.K. è autorizzata e regolamentata in Giappone dalla Financial Services Agency (numero di licenza: 1662) e dalla Financial Futures Association of Japan (numero di licenza: 1574); AVA Trade Middle East Ltd è regolamentata dall’autorità di regolamentazione per i servizi finanziari dell’Abu Dhabi Global Market (No.190018); DT Direct Investment Hub Ltd. è regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (n. 347/17); ATrade Ltd è regolamentata in Israele dall’Autorità israeliana per i mercati finanziari (Israel Securities Authority) (n. 514666577).
  • Trading automatico: DupliTrade, ZuluTrade
  • Deposito minimo: 100€.
  • Vantaggi: piattaforma di facile utilizzo e con spread bassi. Molta attenzione alla formazione anche con la proposta di webinar gratuiti
  • Conto demo: gratuito e 10.000€ virtuali a disposizione.
Scopri AvaTrade con un conto demo gratuito!

4 – IC Markets

Un altro broker australiano affidabile è IC Markets, attivo sin dal 2007 in Australia e regolamentato dalla CySEC (Cipro) e dall’ASIC (Australian Securities and Investments Commission), che come abbiamo già spiegato è l’autorità di vigilanza sui mercati finanziari dell’Australia.

IC Markets è un broker ECN, dunque non fa il prezzo degli asset presenti e non effettua riquotazioni. Esso offre i prezzi di mercato così come sono senza modificarli come invece fanno i broker market maker.

icmarkets

IC Markets mette a disposizione per tutti gli utenti un conto demo, dedicato soprattutto ai nuovi iscritti che vogliono prendere confidenza con il broker, ma in generale anche con il trading online.

I conti offerti dal broker IC Markets sono tre: account True ECN cTrader, account True ECN Metatrader4 e account Standard.

Lo spread per i primi due conti è molto basso, talvolta nullo, ciò consente ai trader di ottimizzare i propri guadagni, dal momento che per loro lo spread è un costo. Uno spread molto basso è l’ideale per chi fa trading scalping, dato che apre e chiude posizioni nel giro di pochi minuti. Possono esserci però commissioni per l’apertura di ogni lotto.

Le piattaforme messe a disposizione sono MT4, la MT5 e la cTrader. Gli asset su cui si può fare trading online sono moltissimi e variano fra Forex, indici azionari, azioni, materie prime, criptovalute, obbligazioni e futures.

Visita il sito di IC Markets per saperne di più!
Broker australiani
  • Licenza ASIC
  • Regolamentazione
  • Asset finanziari
  • Professionalità
5

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram