Il cambio euro dollaro ha chiuso la scorsa settimana in rosso, intorno a quota 1,1700. Il calo è stato il risultato di un malumore piuttosto diffuso sul mercato, alimentato da diversi sviluppi legati alla pandemia da nuovo coronavirus che, in buona sostanza, non sembra conoscere battute  d’arresto. Ci sono inoltre alte probabilità che lo scenario di avversione al rischio in corso si estenda anche durante tutta la settimana entrante, considerato che i problemi manifestati negli scorsi giorni sono previsti in peggioramento.

Gli sviluppi della pandemia preoccupano sempre di più

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Numerosi sono stati gli eventi che negli ultimi giorni hanno giocato un ruolo negativo sul cambio.

Innanzitutto, il segretario del Tesoro statunitense Steven Mnuchin e la presidente della Camera Nancy Pelosi hanno avuto colloqui  non particolarmente produttivi, visto e considerato che, ad oggi, non sono ancora riusciti ad accordarsi sui grandi temi che stanno bloccando le discussioni sui nuovi supporti all’economia USA.

Giovedì Mnuchin ha detto che la Casa Bianca non lascerà che le differenze facciano deragliare i colloqui sugli stimoli, e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che sosterrà un pacchetto di stimolo più grande dell’offerta più recente fatta dalla Casa Bianca ai Democratici al Congresso di 1,8 trilioni di dollari. I Democratici alla Camera hanno approvato una proposta di legge da 2,2 trilioni di dollari.

Insomma, le due parti sono abbastanza vicine, ma almeno le ultime distanze non sembrano essere colmabili,  tanto che è difficile che si possa arrivare a un’intesa prima delle elezioni presidenziali di novembre. Certo, ci sono ancora margini per poter agire positivamente in tale direzione: giovedì scorso il leader della maggioranza del Senato degli Stati Uniti, Mitch McConnell, ha detto che, se non si riuscisse ad addivenire ad un accordo con i Democratici in questi giorni, si procederà con l’approvare un pacchetto di aiuti di stimolo dopo le elezioni.

Per quanto concerne l’Europa, il tema caldo è evidentemente legato al fatto che i nuovi contagi da coronavirus sono aumentati in modo esponenziale. Spagna, Francia, Regno Unito, Italia e Germania stanno riportando un elevato numero di casi, e solo la Francia ne ha contato più di 30.000 in un giorno. Questo ha portato ad un coprifuoco nel Paese a partire da oggi, e molti altri Paesi stanno imponendo severe misure restrittive. I mercati finanziari temono che queste misure ritardino ulteriormente il già tiepido ritorno economico.

Anche i dati macro segnalano un rallentamento della crescita

Il mercato ha prestato scarsa attenzione ai dati macroeconomici, che sono stati messi in ombra dal sentimento negativo dominante. Tuttavia, i dati sono comunque stati  molto negativi, riflettendo un rallentamento della crescita economica.

L’indagine tedesca ZEW, ad esempio, ha mostrato che il sentiment economico del Paese ha subito una contrazione più che prevista in ottobre, scendendo a 56,1 punti da 77,4 punti. Lo stesso vale per l’equivalente dato nell’Unione Europea, con l’indice che si è ridotto da 73,9 punti a 52,3 punti. Nel frattempo, la produzione industriale nell’UE ha fatto registrare un modesto 0,7% di crescita su base mensile in agosto, dopo un aumento del 5,0% nel mese precedente.

L’inflazione rimane contenuta in entrambe le sponde dell’Atlantico, poiché l’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno pubblicato la versione finale dell’IPC di settembre, in linea con le precedenti stime, e ben al di sotto degli obiettivi delle banche centrali.

Venerdì gli Stati Uniti hanno poi pubblicato le letture delle vendite al dettaglio di settembre in crescita, con un balzo dell’1,9% nel mese, molto meglio dello 0,7% previsto. Il numero ha dato un lieve sostegno al sentiment del mercato, a scapito del dollaro. La stima preliminare della fiducia dei consumatori del Michigan è arrivata a ottobre a 81,2 punti, battendo le attese degli analisti pari a 80,5 punti.

Analisi tecnica EUR/USD

Da un punto di vista tecnico e a lungo termine, il rischio di un calo più accentuato della coppia EUR/USD è ancora ben limitato. Ricordiamo come la coppia valutaria abbia un livello di supporto immediato piuttosto tenace a 1,1680, ma che una chiara rottura al di sotto di essa esponga il cambio a testare il nuovo supporto chiave posto a quota 1,1600, in rotta verso il successivo livello di supporto rilevante a 1,1520.

Di contro, la prima resistenza si può incontrare a quota 1,1770, superata la quale i livelli da tenere d’occhio sono 1,1860 e 1,1920.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.