Il cambio EUR/USD è sceso a un minimo da tre mesi a questa parte a 1,1781, ma è riuscito a ridurre le perdite e a rimbalzare, chiudendo così la settimana invariato a 1,1860. La valuta americana è stata sostenuta per tutta la prima metà della settimana in attesa dei verbali della riunione del FOMC.

Le banche centrali

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Il documento della Fed ha mostrato che i policy maker sono ancora in attesa di “ulteriori progressi sostanziali” verso i loro obiettivi di inflazione e occupazione prima di cambiare la loro politica monetaria.  I funzionari hanno preso gli investitori alla sprovvista con un verbale dovish, riconoscendo di fatto il progresso economico ma, allo stesso tempo, impegnandosi a conservare il sostegno finanziario.

Il biglietto verde ha raccolto il massimo contro l’euro dopo la pubblicazione, scambiando poi in modo irregolare su tutta la linea, mentre l’avversione al rischio ha preso il sopravvento sui mercati finanziari. Gli occhi erano puntati sui rendimenti dei titoli di Stato statunitensi, che sono scesi ai minimi da febbraio, tra le rinnovate preoccupazioni sulla crescita economica globale. La rapida diffusione della variante Delta del coronavirus in Europa e negli Stati Uniti sprona le preoccupazioni per un altro ritardo nel ritorno alla “normalità”.

Nel frattempo, la Banca centrale europea ha una riunione speciale in cui il comitato ha discusso l’esecuzione di politiche monetarie non convenzionali. La BCE ha deciso di lasciare che l’inflazione superi leggermente il suo obiettivo del 2% per evitare il rischio di una stretta prematura. Il presidente Christine Lagarde ha definito la nuova politica come “inflazione simmetrica”, molto simile alla posizione adottata dalla Fed l’anno scorso. In generale, i politici europei sembrano essere più preoccupati del rischio legato alla pandemia e dei suoi effetti sull’economia.  Inoltre, la BCE ha pubblicato il verbale della sua ultima riunione, che ha mostrato che i membri hanno discusso la riduzione degli acquisti di obbligazioni, ma sono stati ampiamente d’accordo che il mantenimento di condizioni finanziarie favorevoli durante il periodo della pandemia rimane essenziale.

Il sentimento del mercato è in qualche modo migliorato venerdì, con le azioni che hanno ridotto parte delle loro perdite settimanali e il raffreddamento della domanda di obbligazioni di rifugio sicuro. Ciononostante, gli investitori rimangono all’erta, e improvvise corse al rischio verso la sicurezza rimangono sul tavolo.

I dati macro

I numeri non troppo esaltanti rilasciati questa settimana sono stati per lo più deludenti, rafforzando le preoccupazioni per un’ulteriore crescita. Come menzionato nei precedenti aggiornamenti, le economie sembrano aver raggiunto un plateau, ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici.

Markit ha pubblicato le letture finali del PMI dei servizi di giugno, che sono state riviste al ribasso in Germania e negli Stati Uniti, anche se la lettura finale dell’UE è migliorata da 58 a 58,3. L’ISM Services PMI ufficiale degli Stati Uniti per lo stesso mese è stato stampato a 60,1, in calo rispetto al precedente 64. Inoltre, le richieste di lavoro iniziali per la settimana terminata il 2 luglio sono aumentate, a 373K contro la contrazione prevista a 350K.

I dati tedeschi sono stati quelli che hanno deluso di più. Gli ordini di fabbrica si sono contratti a livelli negativi a maggio, mentre il sondaggio ZEW di luglio ha indicato che il sentimento economico era nettamente inferiore. Anche la produzione industriale del paese è scesa in terreno negativo a maggio, mentre il surplus della bilancia commerciale è risultato di 12,6 miliardi di euro.

La prossima settimana sarà leggera in termini di comunicati macroeconomici. Martedì, la Germania e gli Stati Uniti rilasceranno i rispettivi dati sull’inflazione di giugno, mentre l’UE svelerà i propri dati venerdì. Giovedì, gli Stati Uniti pubblicheranno i soliti numeri relativi all’occupazione, mentre venerdì il paese rilascerà le vendite al dettaglio di giugno. 

Analisi tecnica

La coppia EUR/USD si aggira intorno a 1,1860, mantenendo una posizione neutrale o ribassista a lungo termine. Il livello di resistenza principale è 1,1920, il 61,8% di ritracciamento del rally di maggio/marzo. La coppia ha bisogno di avanzare oltre tale livello per estendere il suo recupero verso la soglia critica di 1.2000. I tori prenderanno il sopravvento se la coppia avanza oltre quest’ultima. Sotto 1,1781, la coppia potrebbe completare un ritracciamento completo a 1,1712, il minimo mensile di marzo.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
BDSwiss
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC - BaFin- NFA - FSC - FSA
Oltre 250 coppie Forex e CFD su azioni, indici, energie e metalli
MetaTrader 4 e 5
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
8
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.