Il cambio euro dollaro termina la settimana con guadagni piuttosto modesti, anche se al di sotto del livello di 1,1800, e non lontano dal minimo fissato a 1,1705. Il trend ribassista è stato interrotto a metà settimana dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione statunitense. L’indice dei prezzi al consumo è stato confermato al 5,4% a/a, mentre la lettura core per lo stesso periodo è stata rivista al ribasso al 4,3%, come previsto. Ancora elevati, i numeri suggeriscono che l’inflazione potrebbe aver raggiunto un picco e che la Federal Reserve degli Stati Uniti ha ragione a prendere con calma il tapering.

Cosa farà la Fed?

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Tuttavia, l’indice dei prezzi alla produzione è arrivato al 7,8% a/a nello stesso mese, rispetto al 7,3% precedente, ravvivando le speculazioni sull’inasprimento e mettendo un freno al declino del dollaro. Inoltre, le richieste settimanali di disoccupazione sono scese a 375 mila unità nella prima settimana di agosto, dopo un sorprendente report sui salari non agricoli di luglio. La Federal Reserve degli Stati Uniti ha un doppio mandato di stabilità dei prezzi e di massima occupazione sostenibile.

La banca centrale ha cercato di raffreddare le aspettative di inasprimento sostenendo che il riscaldamento dell’inflazione sarà probabilmente temporaneo e riposando sul tiepido progresso nel settore del lavoro per mantenere la politica monetaria ultra-allentata. L’inflazione potrebbe aver finalmente raggiunto il picco – i dati di agosto lo confermeranno o lo smentiranno – mentre la ripresa dell’occupazione è in ripresa. La Fed non sarà in grado di mantenere la sua posizione paziente se i dati di agosto saranno ancora una volta positivi.

Cosa accade in Unione Europea

Dalla Banca Centrale Europea ci sono state un paio di settimane di silenzio dopo che i politici europei si sono impegnati a mantenere una politica monetaria “persistentemente accomodante” mentre la pandemia gettava un’ombra sulla ripresa economica.

Inoltre, i dati dell’Unione sono stati a dir poco tiepidi. Il sondaggio tedesco ZEW ha ad esempio mostrato che il sentimento economico si è contratto a 40,4 punti nel Paese e a 42,7 per l’Unione in agosto, peggio del previsto. L’IPC del paese è stato confermato al 3,8% a/a, mentre l’indice dei prezzi all’ingrosso è aumentato di un modesto 1,1% mensile a luglio. L’UE ha pubblicato la produzione industriale di giugno, che si è inaspettatamente contratta dello 0,3% mensile. Come nota positiva, la bilancia commerciale dell’Unione ha registrato un’eccedenza destagionalizzata di 12,4 miliardi di euro.

Bassa volatilità

Considerato il periodo, riteniamo che la bassa volatilità continuerà anche nei prossimi giorni, con un paio di eventi in sospeso nel calendario macroeconomico. Tuttavia, le possibilità di qualche azione sono limitate. Venerdì gli Stati Uniti hanno pubblicato la stima preliminare dell’indice Michigan Consumer Sentiment di agosto, che è inaspettatamente crollato a 70,2, il più basso in quasi un decennio, eppure EUR/USD è riuscito a malapena ad avanzare.

Martedì, l’UE pubblicherà il suo prodotto interno lordo del 2° trimestre, mentre gli Stati Uniti rilasceranno le vendite al dettaglio di luglio, queste ultime in calo dello 0,2% mensile.  Mercoledì, la Federal Reserve statunitense pubblicherà i verbali della sua ultima riunione.

Analisi tecnica EUR/USD

Sotto il profilo tecnico, il cambio EUR/USD ha toccato il fondo un paio di pip sopra il suo minimo di marzo a 1,1703, rimbalzando solo modestamente in seguito. Secondo il grafico settimanale, la coppia mantiene comunque la sua posizione ribassista e ha bisogno di scendere sotto la zona di prezzo di 1,1700 per confermare un declino più ripido.

Una rottura sotto il livello 1,1700 dovrebbe innescare un’estensione al ribasso verso l’area 1,1600/40, mentre ulteriori cali dovrebbero esporre il livello 1,1520. Sopra 1,1800, i prossimi livelli di resistenza si trovano a 1,1840 e 1,1920, con l’avvicinamento a quest’ultimo che probabilmente attirerà l’interesse di vendita.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.