Il cambio EUR/USD apre la settimana oscillando intorno a 1,1420, in una sessione che appare essere poco brillante durante il primo lunedì mattina europeo. I mercati obbligazionari e azionari statunitensi saranno chiusi a causa del Martin Luther King’s Day e, dunque, sarà importante cercare di comprendere come si muoveranno i listini europei in una condizione di varia avversione al rischio.

Sotto il profilo tecnico, sul grafico a quattro ore l’indicatore Relative Strength Index (RSI) si è ritirato a 50 punti, rispecchiando così l’indecisione della coppia nel breve termine. Su una nota rialzista, la linea di tendenza ascendente proveniente dal 6 gennaio rimane intatta, suggerendo che l’ultimo pullback era una correzione tecnica piuttosto che un’inversione.

Al ribasso, però, il primo supporto si allinea a 1,1400 (linea di tendenza ascendente, livello psicologico). Nel caso in cui una candela a quattro ore chiuda sotto questo livello, la correzione potrebbe estendersi verso 1,1380 (livello statico) e 1,1350 (SMA a 100 periodi). Le resistenze si trovano a 1,1430 (SMA a 20 periodi), 1,1450 (livello statico) e 1,1480 (massimo a due mesi fissato la scorsa settimana).

Cogliamo l’occasione per ricordare che il cambio EUR/USD ha evidentemente perso la sua trazione dopo essere salito al suo livello più alto in più di due mesi a 1,1482 venerdì scorso, cancellando così una piccola parte dei suoi guadagni settimanali. La coppia è scambiata in un range relativamente stretto e le prospettive tecniche a breve termine non offrono alcuno sviluppo che possa essere preso come un indizio direzionale.

Ciò premesso, rammentiamo sul fronte fondamentale che i mercati obbligazionari e azionari negli Stati Uniti saranno chiusi a causa della festività per Martin Luther King, e che dunque i mercati internazionali rimarranno probabilmente più tranquilli.

L’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA prima del fine settimana ha aiutato il biglietto verde a trovare la domanda e l’indice del dollaro USA ha messo in scena un modesto rimbalzo. Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni di riferimento è salito di quasi il 5% sui commenti cauti dei funzionari della Fed sulle prospettive dell’inflazione e ha registrato guadagni per la quarta settimana consecutiva.

Il presidente della Fed di New York, John Williams, ha intanto affermato di aspettarsi che l’ondata di contagi Omicron prolunghi temporaneamente le difficoltà della catena di approvvigionamento. Con una considerazione simile, il presidente della Fed di San Francisco Mary Daly ha sostenuto che Omicron estenderà il periodo di tempo in cui l’inflazione rimarrà alta. “Rallentare un po’ l’economia con i rialzi dei tassi aiuterà a portare la domanda in linea con l’offerta“, ha aggiunto Daly.

Con la Fed che è entrata nel periodo di blackout in vista della riunione politica del FOMC della prossima settimana, gli investitori potrebbero rimanere in disparte, impegnati a capire i tempi del primo rialzo dei tassi della Fed e della riduzione del bilancio.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.