Il cambio EUR/USD è calato a un nuovo minimo di 5 anni a 1,0470, recuperando poi un po’ di terreno nel corso della sessione, ma finendo comunque la settimana in rosso a circa 1,0530. A ben vedere, non c’è stato nulla di effettivamente nuovo che abbia mandato la coppia ancora più in basso, se non le stesse preoccupazioni del mercato che stanno spingendo gli investitori verso la sicurezza, tutte legate alla crescita economica.

Sul fronte della guerra, il fornitore di gas russo Gazprom ha interrotto le esportazioni verso la Bulgaria e la Polonia per il mancato pagamento delle forniture in rubli. La Germania e la Grecia hanno annunciato che potrebbero inviare ulteriore gas a entrambi i paesi, ma i rappresentanti dell’UE considerano in generale la situazione come un tentativo di ricatto da parte di Mosca che, sicuramente, inasprirà le tensioni tra le due economie. I prezzi dell’energia continuano a salire, alimentando un’inflazione già alta, e spingendo i banchieri centrali a politiche monetarie più aggressive.

Nel frattempo, i problemi della catena di approvvigionamento e i colli di bottiglia, un altro motivo di inflazione da riscaldamento, sono aumentati in un contesto in cui il governo cinese ha adottato la politica di tolleranza zero contro il Covid-19. Il Paese ha bloccato circa 26 milioni di persone a Shanghai, e negli ultimi giorni un focolaio a Pechino ha esacerbato le preoccupazioni di ulteriori restrizioni che colpiscono la crescita economica globale.

Le mosse delle banche centrali

Per quanto poi riguarda le banche centrali, la Federal Reserve degli Stati Uniti è in un periodo di blackout in vista della decisione ufficiale di politica monetaria che sarà annunciata la prossima settimana. Tuttavia, gli operatori di mercato si aspettano almeno un rialzo dei tassi di 50 punti base, mentre ci sono alte probabilità che i politici svelino dettagli approfonditi sulla riduzione del bilancio. Se questo sarà il caso, sarebbe il più grande aumento in oltre due decenni e sarebbe l’inizio di un ciclo di irrigidimento molto più aggressivo.

Vale la pena notare che la banca centrale ha ampiamente anticipato un tale movimento, e la maggior parte di esso è già prezzato dal mercato. Le incertezze e un potenziale market mover verranno dal budget e se la banca centrale statunitense è pronta a iniziare a ridurlo e a quale ritmo. Inoltre, e dato che la Fed è pronta a premere il grilletto in ogni riunione, gli investitori cercheranno indizi su quanto sarà grande il rialzo di giugno, dato che un movimento di 75 punti base è stato messo sul tavolo.

Dall’altra parte dell’Oceano, la Banca centrale europea sembra finalmente passata all’offensiva. Il vice presidente Luis de Guindos ha detto all’inizio della settimana che un aumento dei tassi potrebbe seguire rapidamente la fine del programma di acquisto di obbligazioni. Il che significa che, in fondo, un aumento nell’UE è ora previsto per luglio. Anche il membro del consiglio direttivo Pierre Wunsch ha accennato a un imminente rialzo dei tassi, indicando di alzare i tassi sopra lo zero prima della fine dell’anno. Il tasso di interesse è sotto lo 0% da giugno 2014.

La Federal Reserve degli Stati Uniti ha già alzato il benchmark principale ad un range di 0,25%-0,50% e lo porterebbe probabilmente a circa il 2,75% entro la fine dell’anno. D’altra parte, la BCE sta pianificando a malapena di alzare i tassi sopra lo 0% per quella data, con il mercato che prevede tre rialzi, al massimo, e graduali. A questo punto, gli operatori di mercato puntano a movimenti di 50 punti base nel corso dell’anno. Il chiaro squilibrio tra le due banche centrali sta alimentando il crollo dell’EUR/USD e probabilmente lo terrà sotto pressione nei mesi a venire.

Una recessione non è da escludere

Negli ultimi giorni, i dati macroeconomici hanno fatto scattare alcuni allarmi. Secondo le stime preliminari, la crescita economica statunitense si è contratta dell’1,4% nel primo trimestre dell’anno, mentre il prodotto interno lordo tedesco nello stesso periodo ha registrato un modesto progresso dello 0,2%. Il PIL del Q1 dell’UE è arrivato allo 0,2%, sotto lo 0,3% previsto.

Inoltre, l’indice dei prezzi al consumo tedesco è salito a un massimo di quattro decadi del 7,4% su base annua, mentre l’inflazione annualizzata nell’Unione ha raggiunto il 7,5%, un altro massimo pluridecennale. Negli Stati Uniti, l’indice dei prezzi dei consumi personali di marzo è balzato al 6,6% a/a, mentre l’indice dei prezzi PCE core è stato confermato al 5,2%, sotto il 5,3% previsto. C’è una crescente speculazione sul fatto che l’inflazione possa aver trovato un picco, anche se è ancora ai massimi pluriennali e il calo di aprile è stato modesto, per non dire altro.

Gli Stati Uniti hanno altresì pubblicato i dati sugli ordini di beni durevoli di marzo, che sono cresciuti di un modesto 0,8% mensile, sotto l’1% previsto. I timori di un’imminente recessione negli Stati Uniti stanno aumentando l’umore triste del mercato e la domanda di titoli di stato di rifugio sicuro. I rendimenti del Tesoro sono saliti la scorsa settimana, anche se i guadagni sono stati moderati, con la nota a 10 anni che attualmente rende il 2,84%.

La prossima settimana non ci sarà solo la riunione della Fed. Anche la Banca d’Inghilterra annuncerà la sua decisione di politica monetaria, mentre gli Stati Uniti pubblicheranno il rapporto Nonfarm Payrolls venerdì. Il paese dovrebbe aver aggiunto 400K nuovi posti di lavoro in aprile, mentre il tasso di disoccupazione è previsto fermo al 3,6%. L’occupazione è una delle due gambe su cui poggia la decisione della Fed, anche se ora non è la principale preoccupazione dei politici. Il settore del lavoro si è ripreso costantemente dopo il primo anno della pandemia e ha tolto la pressione alla Fed da quel punto di vista. Tuttavia, il rapporto mensile potrebbe chiarire il quadro generale del progresso economico degli Stati Uniti. Inoltre, gli Stati Uniti rilasceranno l’ISM Manufacturing PMI di aprile, previsto in miglioramento da 57,1 a 58,0 e l’ISM Services PMI, visto a 59,0.

In Europa, il focus sarà sulle vendite al dettaglio tedesche di marzo, viste in crescita dello 0,3% mensile, mentre l’UE rilascerà anche le vendite al dettaglio per lo stesso mese, viste in crescita di un modesto 0,2% mensile.

Analisi tecnica EUR/USD

Il crollo del cambio EUR/USD ha lasciato la coppia in una condizione di ipervenduto su base settimanale. Il grafico settimanale mostra che la coppia sta scambiando oltre 600 pip al di sotto di una 20 SMA saldamente ribassista, che estende il suo declino al di sotto delle MA più lunghe. Gli indicatori tecnici mantengono le loro pendenze ribassiste entro livelli estremi, riflettendo la forza dei venditori.

Il cambio ha concluso venerdì con modesti guadagni dopo essere sceso per sei giorni consecutivi. Gli indicatori tecnici hanno anche registrato modesti rimbalzi, ma rimangono entro livelli di ipervenduto. Allo stesso tempo, la coppia si sta sviluppando molto al di sotto delle medie mobili ribassiste, con quella più corta che si sta dirigendo a sud quasi verticalmente a circa 250 pip sopra il livello attuale.

Ciò premesso, il cambio ha spazio per estendere il suo crollo inizialmente verso 1,0400 su una rottura al di sotto del minimo settimanale a 1,0470, puntando poi a 1,0339, il minimo mensile di gennaio 2017. Il minimo dell’anno precedente a 1,0635 è il livello di resistenza immediato, davanti alla zona di prezzo di 1,0700/20. Una chiusura giornaliera al di sopra di quest’ultima potrebbe portare ad un recupero più ripido che potrebbe spingere il cambio nella zona di prezzo 1,0880/1,0920.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.