Nella situazione odierna esistono diversi fattori economici contrari che gravano pesantemente sull’economia cinese come la crisi immobiliare, il rallentamento del commercio globale e la regolamentazione statale. E’ possibile che molti investitori si allontanino dall’Asia? Qual è il futuro per la Cina?

Le difficoltà dell’economia cinese

panorama città della Cina
La Cina alle prese con una ripresa economica difficile – MeteoFinanza

Anni fa si parlava del forte potenziale economico della Cina, un colosso che cresceva a dismisura e che sembrava destinato a diventare il primo al mondo, ma negli ultimi tempi qualcosa è cambiato. La tanto attesa ripresa dopo le dure restrizioni da pandemia non si è sviluppata, anzi, l’andamento economico è negativo e dal mercato azionario arrivano notizie preoccupanti che hanno visto una discesa di più della metà rispetto all’apice del 2021. Non solo, il mercato immobiliare affanna, un giovane su cinque è disoccupato, è a rischio il debito pubblico locale, il deficit commerciale è da riequilibrare, dato che nel 2022 ha quasi varcato la soglia dei 400 miliardi di euro, e il paese teme lo spettro della deflazione. Lo stesso Presidente, Xi Jinping, ha riconosciuto che il suo stato dell’Asia orientale sta vivendo una situazione critica.

Sulle difficoltà della Cina leggi anche:

Le criticità della Cina

grafico borsa cinese
Cina e Borsa – (Image: tradingeconomics.com)

La produttività del dragone è stata colpita, creando notevole incertezza. Gli economisti erano in attesa di un ritorno crescente della domanda dei consumatori, dopo la pandemia di Covid 19, ma ciò non è avvenuto. Di conseguenza, la scarsa spesa ha generato apprensione per la caduta dei prezzi. Tanto che a oggi, il motore della crescita asiatica non è più il gigante cinese, ma lo scettro è passato all’India.

I prezzi del settore immobiliare scendono, uno dei fondamenti dell’economia cinese è in profonda crisi, con grandi costruttori fortemente indebitati che rischiano l’insolvenza. Le problematiche di Evergrande, la società immobiliare cinese che ha dissipato miliardi negli ultimi due anni, potrebbero essere solo l’inizio di altre situazioni compromettenti. Diversi fondi cinesi sono scesi del 40% nel giro di pochissimi anni e gli ultimi investimenti azionari sono stati insoddisfacenti. Le relazioni globali sono ancora difficili e i controlli sulle importazioni degli USA hanno danneggiato anche i profitti cinesi. Non solo i consumi e la produzione stagnano, ma anche l’export è in sofferenza.

Preoccupazione o opportunità per gli investitori?

grafico Pil cinese
Cina PIL annuale (Image: investing.com)

Ulteriori instabilità possono avere delle implicazioni con effetto a domino sui mercati globali e sulle economie emergenti. L’entusiasmo è scemato e cresce la diffidenza degli investitori stranieri, preoccupati per un eventuale tracollo economico che li porterebbe a guardare altrove. Ma la situazione potrebbe avere dei risvolti positivi.

Maxim Manturov, Responsabile della ricerca sugli investimenti presso Freedom Finance Europe, afferma che: “se i tassi di crescita dell’economia cinese rallentassero ulteriormente, ciò potrebbe portare ad un calo dei profitti aziendali e ad un calo dei prezzi delle azioni. Questo scenario potrebbe spingere gli investitori a reindirizzare i propri fondi verso altri mercati, come gli Stati Uniti e l’Europa.

Tuttavia, non è escluso che l’economia cinese possa evitare un atterraggio duro. Il governo cinese ha a disposizione una serie di strumenti per stimolare l’economia ed è probabile che li utilizzerà se necessario. Inoltre, le prospettive economiche a lungo termine per la Cina rimangono elevate, con fattori come un mercato di consumo interno in crescita e l’impegno del governo nello sviluppo delle infrastrutture che potrebbero sostenere la crescita nei prossimi anni”.

Vuoi investire in azioni cinesi? Scopri Freedom24 il broker che permette di operare senza commissioni per 30 giorni su oltre 1 milione di asset.

–FAI TRADING SENZA COMMISSIONI PER 30 GIORNI CON FREEDOM24>>

Prospettive per un futuro più brillante

I prossimi passi e le decisioni politiche ed economiche di Pechino sono fondamentali per delineare il futuro e per poter ristabilire il suo equilibrio. La Cina deve fronteggiare diverse prove cicliche e strutturali interne, oltre a un ambito internazionale ostile. Negli ultimi tre mesi il suo PIL è cresciuto del 4,9% anche al di sopra delle aspettative, sta assistendo ad uno slancio e per il 2024 si prospetta la ripresa. Inoltre, vuole concentrarsi sulla costruzione di un sistema industriale moderno e rinforzare le proprie capacità interne nei settori strategici della tecnologia e della scienza. Una svolta nella crescita è riservata a tre settori che comprendono le energie rinnovabili, le batterie agli ioni di litio e le auto elettriche.

Alla luce dei fatti, il panorama cinese è abbastanza complesso, costellato sicuramente di sfide e di rischi. I prezzi delle azioni sono scesi parecchio, tanto che per alcuni si può ritenere un acquisto vantaggioso. Se poi la fiducia dei consumatori torna a crescere la domanda di beni e servizi può risalire e offrire nuove opportunità agli investitori.

In questo contesto quindi le opportunità non mancano, soprattutto per chi vuole approfondire e utilizzare le giuste strategie, ad esempio avvalendosi di broker di azioni regolamentati e affidabili per valutare al meglio i rischi e i vantaggi specifici, per sapere come armeggiare le restrizioni locali e per riuscire a guadagnare anche a lungo termine. Infatti, la Cina rimane una delle economie più importanti al mondo e il suo potenziale nel medio e lungo periodo rappresenta ancora una forte attrattiva per molti investitori.

Freedom24 tra i broker con la proposta più ampia di azioni cinesi

Tra i broker che coprono meglio l’azionariato cinese c’è il citato Freedom24 (qui la recensione completa) che fa riferimento proprio alla Freedom Finance Europe che è autrice di questa analisi sulle prospettive dell’economia cinese ma soprattutto è la sola società finanziaria e di brokeraggio d’Europa quotata a Wall Street (indice Nasdaq).

Freedom24 presenta una delle più vaste proposte di azioni in assoluto. Gli asset su cui si può investire, considerando appunto lo stock, gli ETF, le opzioni, i futures sono oltre 1 milione ma soprattutto ci sono oltre 15 borse mondiali rappresentate. Nessun broker concorrente può vantare una proposta anche solo lontanamente paragonabile a questa. Ma i vantaggi non si fermano qui.

Su tutte le azioni proposte, ma il discorso vale anche per gli altri asset, è possibile fare trading senza commissioni per 30 giorni dall’apertura del conto. Anche in questo caso abbiamo a che fare con una condizioni che non ha eguali nel panorama dei broker concorrenti.

Per approfittare di questa straordinaria occasione e investire in azioni cinesi (e non solo) è sufficiente dedicare pochi istanti all’apertura di un conto di investimento (basta seguire il link in basso senza lasciare il sito).

–APRI UN CONTO FREEDOM24 E FAI TRADING A ZERO COMMISSIONI PER 30 GIORNI>>

Non te la senti di investire magari perchè il quadro è troppo complesso? Sacrosanto ma ti consigliamo comunque di aprire il tuo conto con Freedom24 ed effettuare un deposito senza investire. Questo perchè sui depositi Freedom24 offre una remunerazione della liquidità del 2,5% sulle somme in Euro (3% sulle somme in dollari). E il bello è che non ci sono vincoli (quindi si può sempre prelevare). In realtà si può anche guadagnare di più sulle somme depositate e non investite ricorrendo ai conti di investimento che arrivano a offrire una remunerazione decisamente interessante.

Insomma Freedom24 è conveniente sia investendo e sia semplicemente depositando.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram