La seduta di ieri a Piazza Affari si è conclusa in modo positivo per i principali indici, eccezion fatta per il Ftse Italia Star Index, che ha registrato una leggera flessione dello 0,1%.

Il mercato italiano segue la tendenza delle altre borse europee e statunitensi, prestando particolare attenzione alle novità provenienti dal fronte politico.

fronte del palazzo sede della Borsa italiana
Piazza Affari – Meteofinanza

In questo articolo, esamineremo le ultime notizie riguardanti il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e i titoli che potrebbero beneficiarne in caso di approvazione delle misure previste.

PNRR: Incentivi e Crediti Fiscali per il Digitale e il Green

Uno dei punti focali delle discussioni attuali riguarda la rimodulazione del PNRR da parte del governo, con l’idea sempre più concreta di introdurre incentivi e crediti fiscali legati alla “Transizione 5.0”.

Queste misure sarebbero indirizzate verso obiettivi di digitalizzazione, come ad esempio blockchain, cybersecurity, edge e cloud computing, in modo simile a quanto già avviene con il piano Transizione 4.0. Si parla anche di investimenti mirati all’efficienza energetica e alla decarbonizzazione, come progetti di ecodesign e l’utilizzo di soluzioni tecnologiche per ottenere materie prime seconde di alta qualità.

Inoltre, si prevede un aumento delle attuali aliquote, avvicinandole il più possibile a quelle in vigore fino al 31 dicembre 2022, che in alcuni casi raggiungevano il 40%. Questa misura potrebbe entrare in vigore dall’autunno del 2023 e i relativi investimenti sarebbero ammessi fino al primo semestre del 2026.

Per finanziare tali misure, si stima un budget di circa 4/5 miliardi di euro, grazie all’integrazione delle risorse RePowerEU, sommate ai già previsti oltre 18 miliardi di euro provenienti dal PNRR e dal Fondo Complementare, di cui una parte è già stata utilizzata nel periodo 2020-2022.

I Titoli da Tenere d’Occhio a Piazza Affari

Qualora queste misure venissero approvate, con effetti probabilmente visibili a partire dalla fine del 2023 e soprattutto nel 2024 e oltre, gli analisti di Equita SIM individuano alcuni titoli che potrebbero beneficiarne in modo positivo.

In primo luogo, SeSa, con la sua business unit “digital green”, che rappresenta circa il 7-8% del fatturato, oltre ad altre attività connesse alla transizione digitale.

Altri titoli interessanti sono Ariston, nel settore delle pompe di calore, Tinexta, che offre consulenza per ottenere incentivi fiscali (costituendo circa il 50% del loro business), e infine le aziende operanti nel settore delle energie rinnovabili e delle municipalizzate, che potrebbero beneficiare di facilitazioni autorizzative, della capacità installata e delle attività di efficienza energetica.

Potenziali Ostacoli per gli Incentivi

Tuttavia, secondo Equita SIM, c’è un elemento che potrebbe rallentare o ridurre l’utilizzo degli incentivi: l’idea che il legislatore voglia implementare un processo di approvazione più rigoroso per ottenere il credito fiscale da parte delle piccole e medie imprese (PMI). I

n sostanza, per poter beneficiare dei crediti di imposta, alle imprese potrebbe essere richiesto di presentare un’istanza preventiva, a differenza di quanto accade attualmente, ovvero presentare una domanda per gli incentivi relativi a lavori di investimento già decisi o avviati.

Come investire a fronte delle ultime notizie sul PNRR

Le ultime notizie riguardanti il PNRR e le misure di incentivi e crediti fiscali per il digitale e il settore green stanno suscitando grande interesse a Piazza Affari.

Nel caso in cui queste misure vengano approvate, si prevedono impatti positivi su alcuni titoli, come SeSa, Ariston, Tinexta e aziende nel settore delle energie rinnovabili e delle municipalizzate.

Tuttavia, potrebbe esserci un rallentamento nell’utilizzo degli incentivi a causa delle possibili nuove procedure per ottenere il credito fiscale da parte delle PMI.

Tenendo d’occhio tali sviluppi e le aziende interessate, gli investitori e gli operatori di mercato possono adeguare le proprie strategie per sfruttare le opportunità e mitigare i potenziali rischi derivanti da tali cambiamenti. Restate aggiornati sulle ultime notizie riguardanti il PNRR e i titoli da tenere d’occhio per prendere decisioni di investimento informate e consapevoli.

Comprare azioni di queste aziende e diversificare il portafoglio può essere una strategia vincente. Le 2 migliori piattaforme per farlo ad oggi secondo il nostro parere sono:

Freedom24: zero commissioni per i primi 30 giorni e possibilità di conservare i fondi in denaro in un conto cumulativo D al 3% a dollari e 2.5% a euro all’anno. > clicca qui per andare sul sito ufficiale >

Fineco Bank: 50 ORDINI GRATUITI, 12 mesi a zero canone e consulenti 100% disponibili anche online > Maggiori info sul sito ufficiale, clicca qui >

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram