I mercati azionari e obbligazionari sono in continuo movimento e quindi il tuo portafoglio non sarà mai in perfetto equilibrio per molto tempo. Intendiamoci, non c’è niente di male: il riequilibrio comporta dei compromessi, e quindi è meglio non farlo troppo spesso: l’acquisto e la vendita possono comportare costi di transazione e scatenare tasse che superano i benefici. Inoltre, l’investimento in indici dovrebbe essere a bassa manutenzione, non un lavoro a tempo pieno!

Ciò premesso, ci sono tre strategie generali tra cui scegliere.

Riequilibrio in base al calendario

La prima strategia è il riequilibrio in base al calendario. Forse il consiglio più comune è quello di riequilibrare semplicemente una volta all’anno, ma non c’è nulla di predeterminato in questo intervallo. Infatti, studi accademici hanno cercato di determinare il periodo ottimale di ribilanciamento – mensile, trimestrale, semestrale, annuale o anche ogni due anni – e la ricerca non è conclusiva. Poiché non c’è un chiaro beneficio nel riequilibrare più frequentemente, farlo una volta all’anno dovrebbe andare bene per la maggior parte degli investitori.

Nella maggior parte dei casi non importa quale data si sceglie, ma ci sono alcune ragioni pratiche per ribilanciare all’inizio dell’anno. Per esempio, quasi tutti gli ETF dichiarano le distribuzioni alla fine dell’anno solare, e queste vengono pagate all’inizio di gennaio. Questo significa che il saldo in contanti nel tuo conto è probabilmente il più alto in quel momento, e puoi reinvestire tutto quel denaro inattivo quando ribilanci.

Il ribilanciamento annuale ha il vantaggio di essere semplice e conveniente. L’aspetto negativo è che si può andare per molti mesi con un portafoglio fuori target se un grande movimento di mercato si verifica poco dopo la data di ribilanciamento.

Riequilibrio in base alle soglie

Se siete il tipo di investitore che controlla il suo conto più frequentemente di una o due volte all’anno, considera il ribilanciamento per soglie. Con questa tattica, si riequilibra ogni volta che una classe di attività si allontana dall’obiettivo di una certa percentuale. L’autore finanziario Larry Swedroe ha raccomandato a lungo quella che lui chiama la “regola del 5/25”, che dice che è necessario riequilibrare solo quando una classe di attività è fuori di un 5% assoluto o di un 25% relativo.

Ecco cosa intendiamo: se la tua allocazione obbligazionaria target è del 40%, dovresti riequilibrare ogni volta che è fuori di un 5% assoluto, cioè sopra il 45% o sotto il 35%. Per le classi di attività con obiettivi più piccoli, la cifra del “25% relativo” è più utile. Se hai allocato il 10% ai mercati emergenti, dovresti riequilibrare ogni volta che fosse 2,5 punti percentuali sopra o sotto quell’obiettivo (perché 2,5 punti percentuali sono il 25% del 10%). In questo caso, sarebbe quando la tua allocazione scende al 7,5% o sale al 12,5%.

Questo metodo richiede di monitorare più da vicino le tue partecipazioni e dovrai essere a tuo agio con un foglio di calcolo. Il ribilanciamento delle soglie può anche essere più difficile emotivamente, perché lo farai dopo ogni correzione e rally significativo del mercato, e sarai sempre a vendere ciò che è caldo e a comprare ciò che non lo è. Mentre questa è una strategia sensata a lungo termine, di solito non ti sembrerà tale in quel momento.

Quando i mercati sono molto volatili, potresti trovarti a ribilanciare in entrambe le direzioni. Questo può essere stato il caso nel 2020, quando il calo più veloce nella storia del mercato è stato seguito da uno dei recuperi più rapidi. Se hai trovato il coraggio di riequilibrare il tuo portafoglio nel momento in cui i mercati hanno toccato il fondo a metà marzo, vendendo obbligazioni e comprando azioni malconce, potresti aver dovuto riequilibrare di nuovo nel corso dell’anno, questa volta vendendo azioni e comprando più obbligazioni.

Riequilibrio con i flussi di cassa

Una terza opzione è quella di riequilibrare il portafoglio con i flussi di cassa. In altre parole, ogni volta che aggiungi nuovo denaro o fai dei prelievi. Supponiamo che tu abbia allocato importi uguali agli ETF azionari europei, statunitensi e internazionali e che tu abbia appena versato diverse migliaia di euro sul tuo conto. Invece di investire un terzo del contante in ciascuno dei tre ETF, inizia a determinare quale delle classi di attività è più lontana dal suo obiettivo: se le azioni europee e internazionali sono leggermente sottopesate e le azioni statunitensi sono sopra il loro obiettivo, aggiungete un po’ di denaro solo agli ETF canadesi e internazionali, per rendere le partecipazioni il più possibile uniformi. Ricorda, non è necessario essere precisi: il punto è evitare di aggiungere nuovo denaro a qualsiasi classe di attività che è già sovrappesata.

Questa strategia di ribilanciamento è ideale per le persone che hanno piccoli portafogli ETF e contribuiscono ogni mese. Ma dovresti comunque usare un broker online che non addebiti commissioni di trading, perché non sarebbe efficiente in termini di costi fare molti piccoli scambi. Quando i tuoi contributi periodici sono grandi rispetto al portafoglio complessivo, potresti allora essere in grado di usare questo metodo per mantenere il portafoglio molto vicino ai suoi obiettivi per molto tempo: potresti aver bisogno di vendere le partecipazioni in sovrappeso solo dopo un grande crollo o un rally incessante. Ma con portafogli più grandi (o contributi più piccoli) questo potrebbe non essere possibile, perché non ci sarà sempre abbastanza denaro nuovo per sostenere tutti i fondi in ritardo. Se il tuo portafoglio è di 300.000 euro e stai aggiungendo 500 euro al mese, ogni singolo contributo non sposterà molto l’ago della bilancia. È anche poco pratico farlo mensilmente se stai pagando le commissioni sugli scambi di ETF.

Riequilibrare il tuo portafoglio solo quando aggiungi nuovi soldi è una strategia eccellente per i conti imponibili, in particolare. Vendere i tuoi ETF dopo che sono saliti di valore comporterà guadagni di capitale tassabili; tuttavia, se sei in grado di mantenere il tuo portafoglio in equilibrio semplicemente acquistando più azioni nelle classi di attività che sono rimaste indietro, non scatenerai alcun colpo fiscale. Se sei nella fase di drawdown e non aggiungi più denaro al portafoglio, puoi anche riequilibrare con uscite di cassa.

Naturalmente, non c’è motivo per cui non si possa usare una combinazione di tutte e tre queste strategie di riequilibrio: per il calendario, per le soglie e con i flussi di cassa. Si potrebbe programmare una data di riequilibrio annuale, ma fare un aggiustamento intermedio se una classe di attività si sposta dal target di cinque punti percentuali dopo un aumento drammatico del mercato o una forte correzione. E se si fanno dei contributi o dei prelievi nel conto, si può fare un po’ di riequilibrio anche allora.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.