Meteofinanza search
Meteofinanza.com - domenica, 16 dicembre 2018

Tasso di cambio – Rate of Change (ROC)

Il Tasso di cambio, o Rate of Change (ROC), è un oscillatore che misura l’importo quanto il prezzo di un asset negoziabile è cambiato durante un certo numero di periodi passati, confrontando il prezzo attuale con il prezzo “n” di periodi precedenti. Come oscillatore, il ROC fluttua sopra e sotto il suo valore zero.

Di solito è calcolato con l’uso della seguente formula:

ROC = {(P oggi – P n periodi fa)/ P n periodi fa} x 100

Interpretare il ROC

Il ROC sarà pari a zero se il prezzo del giorno corrente è lo stesso di “n” periodi precedenti. Dimostra come il prezzo corrente si riferisca al prezzo passato su base continuativa. Di solito, i prezzi aumentano finché il tasso di variazione rimane positivo. Rispettivamente, i prezzi diminuiscono finché il tasso di cambio rimane negativo. L’oscillatore può espandersi in territorio positivo, nel caso in cui l’anticipo dei prezzi acceleri. Al contrario, il ROC può sprofondare in territorio negativo, nel caso in cui il calo dei prezzi acceleri.

Se il ROC è sopra la sua linea zero ma in calo, questo indica che i prezzi sono ancora in aumento ma a un ritmo più lento. Se il Rate of Change è al di sotto della sua linea zero ma in aumento, questo indica che il mercato non sta diminuendo così velocemente e la tendenza al ribasso potrebbe essere prossima al suo esaurimento.

Come può essere utilizzato nel trading?

Tasso di cambio – Rate of Change (ROC)

Come qualsiasi altro oscillatore, il ROC può essere utilizzato in quattro modi principali.

In primo luogo, la posizione del ROC relativa alla linea di zero può indicare il trend sottostante. In secondo luogo, può essere un oscillatore di divergenza, che mostra quando il momentum relativo al passato sta cambiando. In terzo luogo, il ROC può produrre estremi identificabili, che segnalano condizioni di ipercomprato o ipervenduto. E, in quarto luogo, può generare un segnale quando attraversa la linea dello zero. Tuttavia, in nessuno dei casi sopra menzionati il segnale è sufficientemente affidabile per essere scambiato esclusivamente, senza l’aiuto di altri strumenti tecnici.

Identificazione della tendenza

Nonostante un indicatore come il ROC possa essere utilizzato al meglio durante i range trading o i trend “piatti”, in realtà il Rate of Change può anche essere utilizzato per identificare la direzione generale del trend sottostante.

Ora, considerato che in un anno ci sono rispettivamente circa 250 giorni di trading e 125 giorni di trading per semestre, 63 giorni di trading per trimestre e 21 giorni di trading al mese, come regola generale, la tendenza a lungo termine è un trend rialzista nel caso in cui sia il tasso di cambio a 250 giorni che quello a 125 giorni siano in territorio positivo. Questo significa che i prezzi attuali sono superiori a quelli di 12 e 6 mesi fa. Al contrario, la tendenza a lungo termine è al ribasso, nel caso in cui sia il Rate of Change a 250 giorni che quello a 125 giorni siano negativi.

Segnali di ipercomprato e ipervenduto

Alcuni analisti ritengono che i periodi di tempo più popolari siano il 12-period ROC e 25-period ROC, nel caso in cui il trader sia impegnato in negoziazioni a breve o medio termine. Il tasso di cambio a 12 periodi rappresenta dunque un buon indicatore di ipercomprato / ipervenduto a breve e medio termine.

Più alto è il ROC, più lo strumento che negoziamo è ipercomprato e, rispettivamente, maggiori sono le possibilità di un calo. Più basso è il ROC, più lo strumento negoziabile è ipervenduto e, rispettivamente, maggiori sono le possibilità di un aumento. Tuttavia, i trader principianti dovrebbero notare che un mercato, che sembra ipercomprato, potrebbe rimanere ipercomprato per un certo tempo.

Alcuni inconvenienti sul ROC

Il ROC ha alcuni inconvenienti in qualità di indicatore. Anche se gli economisti spesso calcolano questo indicatore con l’uso di dati macroeconomici, di solito su base annuale per attenuare gli effetti stagionali, soffre del cosiddetto “effetto drop-off”.

In altri termini, nel calcolo del Rate of Change sono presentati solo due prezzi, P oggi e P n periodi fa, mentre a questi due prezzi viene data pari ponderazione. Il prezzo più vecchio, che si è verificato N periodi fa, ha lo stesso effetto del prezzo attuale e probabilmente più rilevante per l’oscillatore stesso. Il ROC può mostrare un aumento o una diminuzione attuale in base unicamente a quale numero diminuisce in passato. Alcuni analisti possono comunque regolare il Rate of Change con una media mobile per minimizzare questo effetto.

Sfrutta il Rate of Change su IQ Option
Migliori Broker Trading Forex e CFD
# Broker Dettagli
1eToro Licenza: CySEC-FCA
Social Trading
Deposito min: 200 $
DEMO
Opinioni eToro 5 stelle
2Markets.com Licenza: CYSEC
Trading Criptovalute
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni Markets.com 5 stelle
324Option Licenza: CySEC - MiFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni 24Option 5 stelle
4ITRADER Licenza: CySEC, MIFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 250 $
DEMO
Opinioni ITRADER 5 stelle
* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Termini di ricerca:

  • implicazioni nel cambio del tasso di cambio
  • rate cambio

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Meteofinanza.com