La scorsa seduta ha visto Unicredit continuare a mostrare una certa debolezza, non riuscendo a sfruttare l’impulso positivo della giornata precedente.

Il palazzo di una delle sedi di Unicredit
Sede Unicredit (Il Sole 24 Ore) – Meteofinanza.com

Nonostante un modesto guadagno di poco più di mezzo punto percentuale, il titolo ha evidenziato una mancanza di slancio, muovendosi a passo di gambero.

Prezzo del titolo e volume di scambi

Al momento, il prezzo del titolo si attesta a 22,17 euro, in calo dello 0,16%, e ha registrato oltre 8,4 milioni di azioni scambiate finora. Tuttavia, ciò è inferiore alla media degli ultimi 30 giorni, che è stata di quasi 15 milioni di azioni. Tale andamento sembra riflettere una cautela generale degli investitori prima del weekend.

Debolezza rispetto al Ftse Mib

Rispetto al Ftse Mib, Unicredit sta mostrando una maggiore debolezza e non è in grado di trarre vantaggio dalle positive indicazioni provenienti dal mercato obbligazionario. Il differenziale tra i titoli di Stato italiani (BTP) e quelli tedeschi (Bund) si è ridotto dello 0,9% a 161,23 punti base. Inoltre, gli acquisti sui BTP hanno contribuito a ridurre i tassi, portando il rendimento del titolo a 10 anni al 4,059%.

Analisi di UBS e previsioni sul titolo

Tuttavia, non tutto è negativo per Unicredit. La banca è stata oggetto di attenzione da parte di UBS, che ha riveduto le stime e la valutazione del titolo. UBS ha aumentato le previsioni sull’eps (utili per azione) del 6% per il 2023 e il 2024, e del 4% per il 2025. Questa revisione delle stime è stata effettuata sulla base della convinzione che Unicredit offra una buona combinazione di esposizione ai tassi di interesse in aumento e solidità dei rendimenti sul capitale.

Giudizio di UBS e target price

Il giudizio di UBS sul titolo rimane “buy” con un target price rivisto al rialzo da 31,5 a 34 euro. Questo nuovo target price implica un potenziale di crescita di oltre il 53% rispetto alle attuali quotazioni a Piazza Affari. La visione ottimistica di UBS riguardo Unicredit è sostenuta dalla sua prospettiva di un notevole upside per il titolo nel prossimo futuro.

Alla luce di tutto ciò possiamo dire che, sebbene Unicredit stia attualmente attraversando un periodo di debolezza e incertezza, l’analisi di UBS suggerisce che la banca possiede ancora un notevole potenziale di crescita.

Con il suo mix di esposizione ai tassi di interesse e forti rendimenti sul capitale, Unicredit potrebbe offrire opportunità di investimento interessanti per coloro che sono alla ricerca di rendimenti promettenti nel lungo termine.

Comprare azioni di aziende promettenti e diversificare il portafoglio può essere una strategia vincente. Le 2 migliori piattaforme per farlo ad oggi secondo il nostro parere sono:

eToro: il broker consente di comprare azioni vere e inoltre permette anche di copiare i traders più bravi grazie al social trading. Con eToro gli investimenti sono accessibili a tutti essendo il deposito minimo richiesto è pari a soli 50 dollari >più informazioni sul sito eToro<

Fineco Bank: 50 ORDINI GRATUITI, 12 mesi a zero canone. Con Fineco più si fa trading e più le commissioni si abbassano. La piattaforma permette sia di comprare azioni vere che di operare attraverso i CFD> Maggiori info sul sito ufficiale, clicca qui >

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram