Il cambio euro dollaro è stato protagonista di una tiepida ripresa nel corso di quest’ultima settimana, recuperando verso l’area 1.1000 dopo essere scesa a 1.0635, per il livello più basso da aprile 2017. La paura ha mantenuto il dollaro ben supportato per tutta la prima metà della settimana, trascinato dal boom esponenziale del coronavirus.  Con il passare dei giorni e l’estendersi della crisi, e con sempre più Paesi che stanno adottando misure di isolamento, bloccando ulteriormente l’attività economica in tutto il mondo, è poi cresciuta la consapevolezza di quel che potrebbe avvenire nei prossimi mesi con l’azione incrociata di banche centrali e governi.

La recessione è qui

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Gli Stati Uniti potrebbero già essere in recessione, secondo quanto affermato della Federal Reserve americana. Una Fed che, la scorsa settimana, ha annunciato il più grande pacchetto di agevolazioni mai realizzato nella storia della Banca centrale, l’acquisto illimitato di titoli del Tesoro e di titoli garantiti. In un’intervista di giovedì scorso, Powell ha dichiarato che la Banca centrale avrebbe ampliato l’allentamento, se necessario. Ha anche aggiunto che si aspetta che l’attività economica riprenda nella seconda metà dell’anno, con una visione ottimistica che non tutti condividono.

Anche la BCE, pur essendo più conservatrice, in questi ultimi giorni ha adottato misure coraggiose. Ha annunciato, attraverso un documento legale rilasciato giovedì, che il limite di un terzo dell’addebito di ciascuno dei suoi Stati membri non dovrebbe essere applicato all’acquisto di obbligazioni nell’ambito del suo programma di sgravio. La Bce è anche impegnata a fornire liquidità per mantenere a galla le economie. I limiti del debito di bilancio sono stati rimossi.

Inoltre, dopo quasi una settimana di discussioni, i senatori statunitensi hanno approvato un massiccio pacchetto di sgravi da 2 tonnellate di dollari, destinato a far fronte agli effetti della pandemia di coronavirus sull’economia.

Come conseguenza, la domanda di valuta statunitense è calata, le azioni sono salite, ma il mondo non è certo ancora fuori pericolo (anzi). Come già ricordato, l’epidemia di coronavirus continua ad espandersi e ad avere un bilancio di morti molto pesante, soprattutto in Italia. Persiste l’incertezza su quando e in che forma il mondo tornerà alla normalità. Con questo in mente, il declino di un dollaro sembra improbabile.

Le cose vanno peggio del previsto

Passando al quadro fondamentale, secondo Markit il settore dei servizi è quello più colpito dalla crisi in corso. Le stime preliminari del PMI di marzo per la maggior parte delle economie sono scese ai minimi storici. Anche la produzione manifatturiera ha subito una contrazione nella maggior parte delle economie, anche se a un ritmo più lento.

La fiducia dei consumatori scende a livello globale, con l’IFO Business Climate tedesco a 86,1 e la GFK Consumer Confidence per il mese di aprile a 2,7. Negli Stati Uniti, l’indice del Michigan Consumer Sentiment Index è stato rivisto al ribasso a 89,1 nella lettura finale di marzo, da 101 a febbraio. I sottocomponenti del rapporto mostrano che l’Indice delle condizioni economiche attuali è sceso a 103,7 da 114,8 e l’Indice delle aspettative dei consumatori è sceso a 79,7 da 92,1.

Il dato più lampante, che comunque non ha avuto alcun impatto sui mercati, è quello delle richieste di disoccupazione negli Stati Uniti che sono balzate a 3,28 milioni nella settimana terminata il 20 marzo. La reazione limitata potrebbe essere spiegata dal fatto che molti Stati USA abbiano cambiato le regole su chi ha diritto a chiederlo.

Nei prossimi giorni cominceranno ad essere pubblicati i primi dati post-crisi che potrebbero essere un primo indicatore dei danni economici del coronavirus.  L’indice di fiducia dei consumatori dell’UE per il mese di marzo uscirà lunedì, mentre l’Unione e la Germania pubblicheranno le stime preliminari di inflazione di marzo all’inizio della settimana. Markit rilascerà la versione finale del suo PMI Manufacturing and Services di marzo mercoledì prossimo, mentre gli Stati Uniti pubblicheranno l’indice ufficiale ISM, molto più rilevante. Quest’ultimo è previsto a 44 rispetto al 50,1 precedente.

I dati sull’occupazione negli Stati Uniti saranno tra i più caldi. L’indagine ADP sulla creazione di posti di lavoro nel settore privato uscirà mercoledì prossimo e dovrebbe mostrare 150.000 posti di lavoro in meno. Potrebbe anche accennare a ciò che il rapporto Nonfarm Payroll potrebbe portare alla fine della settimana. A questo punto, l’economia statunitense dovrebbe aver perso 293.000 posti di lavoro a marzo, mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe salire al 4,0%.

Analisi tecnica

La coppia EUR/USD ha corretto più in alto, anche se il rally settimanale si è fermato intorno al 50% del suo precedente crollo settimanale. Nel lungo periodo, il rischio rimane inclinato verso il basso, in quanto, nel grafico settimanale, la coppia rimane al di sotto di tutte le sue medie mobili.

Qualora il cambio dovesse scendere sotto l’1.0960, il prossimo supporto si trova a quota 1.0900, in rotta verso 1.0835. Ulteriori cali potrebbero vedere la coppia provare nuovamente il livello basso menzionato a 1,0635. Le resistenze di questi prossimi giorni dovrebbero essere principalmente limitate a 1,1090, il massimo settimanale, seguito da 1,1165. Guadagni superiori a quest’ultimo sembrano improbabili in un ambiente avverso al rischio.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
Plus500
  • Licenza: CySEC
  • Vasta scelta di CFD
  • Deposito min: 100 €
Piattaforma per professionisti - Vasta scelta di CFD Prova Gratis Plus500 opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
IC Markets
  • Licenza: ASIC
  • Broker NO ESMA
  • Leva finanziaria alta
Broker NO ESMA - leva finanziaria alta Prova Gratis IC Markets opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.