Il cambio euro dollaro sta operando al di sopra della soglia di 1,1150, recuperando con l’euro che ha preso forza dopo che l’ISM manifatturiero ha deluso le aspettative e ha mostrato una continua contrazione del settore, pesando sul dollaro.

Analisi tecnica

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

La coppia EUR/USD sta godendo oggi di uno slancio al rialzo ed è comodamente scambiato al di sopra delle medie mobili semplici a 50, 100 e 200. Inoltre, l’indice di forza relativa è sceso al di sotto di 70, uscendo così da condizioni di ipercomprato.

Il trend sembra dunque essere rialzista, con il cambio euro dollaro che dovrà tuttavia fronteggiare la resistenza a 1.1160, che era un alto swing a fine ottobre. La resistenza successiva attende a 1.1180, che è stato il massimo dello scorso mese e il livello più alto dall’estate. Poi, in caso di trend fortemente rialzista, il cambio dovrà incontrare la soglia di 1.1230, un tetto piuttosto arduo da superare, fin dal mese di agosto. Spingendoci ancora oltre, troviamo una resistenza a 1,1250, che ha tenuto EUR / USD al ribasso fin dall’inizio di quel mese. I livelli successivi da osservare sono 1.1320 e 1.1390.

Di contro, il supporto attende a 1.1130, che ha fornito supporto giovedì scorso. Al ribasso, incontriamo un altro sostegno chiave a a 1,1095, che era un basso swing la scorsa settimana, seguito da vicino da 1.1070 – un doppio minimo creato nei giorni scorsi. Poi, troviamo 1.1035, che ha limitato EUR/USD sulla strada verso l’alto e converge con la media mobile semplice a 200.

Analisi fondamentale

La Federal Reserve sembra aver generato nuove pressioni sul dollaro, finito in secondo piano dopo che Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, ha escluso qualsiasi aumento dei tassi. La Banca centrale più potente del mondo vuole vedere un aumento sostenibile dei prezzi prima di prendere in considerazione un aumento. D’altra parte, la barra della Fed per la riduzione dei tassi è di nuovo più bassa.

Questa asimmetria di deprezzamento del dollaro è destinata ad essere testata dai nuovi dati macroeconomici che usciranno questa settimana, e in particolar modo quelli legati al lavoro, la cui debolezza prevista deriva da un lungo sciopero dei dipendenti di General Motors. I mercati sono comunque ben consapevoli dell’azione industriale di GM ed è improbabile che si allarmino per dati negativi, anche se dati fortemente deludenti potrebbero lasciare i propri strascichi.

Per quanto attiene i salari medi orari, questi sono destinati aumentare dello 0,3% su base mensile, dopo essere rimasti invariati il mese scorso, e l’aumento annuale è destinato ad accelerare dal 2,9% al 3%. Il tasso di disoccupazione – che ha toccato un minimo di 50 anni del 3,5% – dovrebbe salire al 3,6%. Nonostante il rallentamento delle assunzioni negli ultimi mesi, il mercato del lavoro americano è ancora in un’orbita evidentemente molto positiva.

Sul fronte dell’area euro, ha preso ufficialmente il via l’era di Christine Lagarde alla guida della Banca centrale europea. L’ex ministro delle finanze francese e ex direttore generale del Fondo monetario internazionale rileva l’istituzione con sede a Francoforte in un contesto di calo dell’inflazione. I dati preliminari di giovedì per il mese di ottobre hanno mostrato un altro rallentamento dell’indice dei prezzi al consumo – 0,7% annuo, il più basso dal 2016. Un po ‘di conforto può essere trovato nella scelta in Core CPI a 1,1%, che ha sostenuto l’euro.

Il prodotto interno lordo dell’area dell’euro ha superato le aspettative con lo 0,2% su base trimestrale, ma riflette il rallentamento in corso con solo l’1,1% annuo. Forse il dato più spaventoso per la serie di dati di Halloween è venuto dal tasso di disoccupazione – che è salito al 7,5% a settembre dopo molti mesi di calo.

Può Lagarde sollevare l’inflazione, così come la crescita e l’occupazione? Può eguagliare la recente colombaia della Fed? Se lo domandano in tanti, ma non è facile cercare una soluzione. Peraltro, Lagarde eredita un Consiglio Direttivo diviso tra i sostenitori della politica ultra accomodante e coloro che pensano che le politiche del suo predecessore Mario Draghi abbiano raggiunto i loro limiti.  Nel complesso, i dati statunitensi sono destinati a dominare, ma potrebbero entrare in gioco anche alcune speculazioni sulle prime mosse di Lagarde.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
Plus500
  • Licenza: CySEC
  • Vasta scelta di CFD
  • Deposito min: 100 €
Piattaforma per professionisti - Vasta scelta di CFD Prova Gratis Plus500 opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.