Meteofinanza search
Meteofinanza.com - martedì, 19 giugno 2018

Credit Default Swap: cosa sono, come funzionano e fini speculativi

I Credit Default Swap, abbreviati anche in CDS, sono strumenti finanziari derivati di tipo swap. Questa tipologia prevede lo scambio tra due due controparti di contratti derivati, in italiano swap significa infatti accordo. Al momento della sottoscrizione l’acquirente e il venditore del CDS decidono l’entità del denaro e la durata del contratto. Facendo i CDS parte del mercato OTC, acronimo di Over The Counter, ovvero del mercato non regolamentato, le due controparti possono stabilire qualsiasi durata temporale.

Credit Default Swap: cosa sono, come funzionano e fini speculativi

Che cosa sono i Credit Default Swap e come funzionano? In che modo possono essere considerati una copertura dal rischio e come possono essere utilizzati a fini speculativi?

Che cosa sono i Credit Default Swap?

I Credit Default Swap consistono in un accordo fra un venditore e un compratore riguardo il possibile fallimento di un soggetto terzo. Default infatti non è altro che il termine inglese per fallimento, utilizzato anche in Italia fra gli addetti ai lavori.

Il compratore paga un premio periodico in denaro al venditore del CDS per tutta la durata dell’accordo per garantirsi un profitto qualora si dovesse verificare il default del sottostante, che in molti casi è una società terza. Nel caso in cui il sottostante dovesse essere uno Stato, si parlerebbe di CDS sovrani.

Credit Default Swap: cosa sono, come funzionano e fini speculativi

Il valore dei Credit Default Swap dovrebbe seguire il rischio di fallimento di una società. Tecnicamente infatti più una società è lontana dal rischio di fallimento più il costo del CDS è basso e viceversa. Essendo però il mercato dei CDS dipendente dalla domanda e dall’offerta non sempre questo discorso può attuarsi, data la speculazione a cui potrebbe essere soggetto.

Credit Default Swap: come funzionano?

Per spiegare al meglio il funzionamento dei Credit Default Swap ricorreremo a un esempio semplice.

Un soggetto A crede che una società C potrebbe fallire nel giro di 5 anni e quindi decide di comprare un CDS dal venditore B dal valore di 5 milioni di euro. Il soggetto A dovrà quindi pagare periodicamente un premio al venditore B per mantenere attivo il Credit Default Swap. Se dopo 5 anni la società C dovesse fallire il venditore B dovrebbe pagare 5 milioni di euro al soggetto A, in cao di mancato default il contratto si annullerebbe.

Il soggetto A se dovesse cambiare idea potrebbe vendere il CDS acquistato a un altro soggetto al valore di mercato oppure semplicemente annullarlo e quindi interrompere il pagamento periodico al venditore B.

Credit Default Swap: copertura dal rischio

Spesso ad utilizzare i Credit Default Swap sono proprio i soggetti che hanno investito sulla società che rischia di fallire. Il CDS può essere infatti un modo per coprirsi dal rischio, come se fosse un’assicurazione.

Qualora un investitore avesse comprato un’obbligazione da una società vicina al default, ci potrebbe essere il rischio che questa stessa società non riesca a restituire il capitale investito alla scadenza dell’obbligazione.

Credit Default Swap: cosa sono, come funzionano e fini speculativi

Nel caso in cui si dovesse concretizzare davvero il default della società che aveva emesso l’obbligazione, l’investitore avrebbe indietro il capitale investito grazie proprio al CDS. La sua perdita consisterebbe solo nei premi che ha pagato periodicamente al venditore del CDS, la cifra persa è chiaramente minore rispetto al valore del bond.

Invece qualora la società non dovesse fallire, l’investitore avrebbe indietro la somma del bond e la sua perdita consisterebbe solo nel pagamento dell’importo periodico al venditore del CDS.

Possiamo osservare come in entrambi i casi l’investitore otterrebbe una leggera perdita, ma decisamente contenuta rispetto a quella che uscirebbe fuori dall’eventuale fallimento della società che aveva emesso l’obbligazione.

Il Credit Default Swap in questo caso ha agito da copertura dal rischio, dunque l’investitore ha preferito una leggera perdita dalla possibilità di averne una molto più grande.

Credit Default Swap: fini speculativi

I Credit Default possono essere acquistati anche per mero scopo speculativo. Su questo mercato è possibile fare trading prevedendo un rialzo o un ribasso del rischio default delle società o degli Stati sovrani. Un trader potrebbe quindi acquistare un CDS quando una società è in buona salute prevedendo un futuro rischio di fallimento. Successivamente potrebbe rivenderlo a prezzo maggiorato sul mercato qualora la società in questione dovesse realmente navigare in cattive acque.

Credit Default Swap: cosa sono, come funzionano e fini speculativi

Il trader avrebbe dunque acquistato e poi rivenduto il CDS solo per ottenere un profitto. L’uso speculativo dei CDS potrebbe portare alti rendimenti, ma il rischio derivante dall’investimento su questo strumento finanziario è molto alto.

Il motivo è riconducibile al fatto che il venditore potrebbe non essere in grado di avere il denaro necessario per pagare il compratore nel momento in cui si verifica il fallimento della società.

È ciò che successe all’American International Group (AIG) durante la crisi dei mutui sub prime del 2008.

Il 12 settembre 2008 il titolo AIG perse il 31% a Wall Street.

Credit Default Swap: la crisi dei mutui sub prime del 2008

I Credit Default Swap furono strumenti finanziari al centro delle cronache di Wall Street durante la crisi dei mutui sub prime del 2008.

La società di assicurazioni statunitense AIG aveva venduto molti CDS con sottostante il mercato immobiliare americano. La AIG era conscia del fatto che il giudizio delle principali agenzie di rating sul settore immobiliare era molto buono. Robert McDonald, professore di finanza alla Kellogg School of Management di Chicago, disse infatti:
C'era questa idea che gli investimenti immobiliari erano sicuri perché i titoli avevano un rating AAA.
L’innumerevole mole di contratti stipulati dalla AIG portò alla crisi finanziaria della società. La quale si salvò solo grazie al prestito della Federal Reserve di un totale di 182 miliardi di dollari e al controllo dello Stato del 92% delle azioni della società. Nel 2012 la AIG estinse il prestito statale e il governo statunitense potè cedere il controllo delle azioni ottenendo una plusvalenza di 22 miliardi di dollari.
Il famoso film The Big Short, in italiano “La Grande Scommessa“, racconta la storia di alcuni manager che capirono la fragilità del settore immobiliare prima dello scoppio della crisi dei mutui sub prime e decisero di acquistare dei Credit Default Swap proprio su questo settore.
Nel film il manager Michael Burry, interpretato da Christian Bale, venne deriso alla Goldman Sachs quando propose un Credit Default Swap sul settore immobiliare statunitense.

Conclusioni

I Credit Default Swap possono essere un’alternativa alla vendita allo scoperto su una società che si ritiene in crisi. Chiaramente le due opzioni sono totalmente differenti, mentre la vendita allo scoperto ha come obiettivo un ribasso del prezzo delle azioni della società, i CDS riguardano il suo debito.

Prova ad investire sul ribasso delle azioni su IQ Option con il conto demo gratuito da 10.000 €

Un altro modo per investire sul ribasso di un titolo azionario è l’utilizzo dei CFD. Quest’ultimi proprio come i CDS fanno parte del mercato non regolamentato e replicano l’andamento del valore di un’azione.

L’utilizzo dei CFD per fare profitti sulla performance negativa di un titolo in borsa è possibile grazie ad alcuni broker, tra cui IQ Option ed eToro. Il secondo è divenuto famoso grazie alla funzione del Social Trading, che permette uno scambio di opinioni fra gli utenti sulle migliori strategie da utilizzare.

Inoltre grazie al copy trading i neofiti potranno letteralmente copiare le operazioni dei cosiddetti “GURU“, ovvero i trader esperti presenti sulla piattaforma di eToro.

Apri un conto demo su eToro
Migliori Broker Trading Forex e CFD
# Broker Dettagli
1eToro Licenza: CySEC-FCA
Social Trading
Deposito min: 200 $
DEMO
Opinioni eToro 5 stelle
2IQ Option Licenza: CySEC
Conto demo gratuito
Deposito min: 10 €
DEMO
Opinioni IQ Option 5 stelle
324Option Licenza: CySEC - MiFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni 24Option 5 stelle
4ITRADER Licenza: CySEC, MIFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 250 $
DEMO
Opinioni ITRADER 5 stelle
*per singolo trade vincente

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

*Your capital might be at risk.

Meteofinanza.com

IqOption