È giunto il momento tanto atteso per i clienti di Intesa Sanpaolo: il passaggio ufficiale a Isybank è iniziato.

una sveglia e svariate pile di monete d'oro davanti a essa. Due cartelle e una freccia tra di esse in sovrimpressione
Inizia il trasferimento dei clienti da Intesa Sanpaolo a IsyBank – MeteoFinanza.com

Questa transizione coinvolge un vasto numero di correntisti, ma cosa comporta effettivamente? In questo articolo, esamineremo i dettagli di questa migrazione, compresi i cambiamenti chiave relativi agli IBAN e alle carte di credito. Ecco cosa devi sapere.

Inizia il trasferimento da Intesa Sanpaolo a Isybank

A partire dal mese di ottobre, i movimenti di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank sono diventati realtà. Questo passaggio coinvolge circa 4 milioni di correntisti che si stanno muovendo verso la nuova banca digitale, Isybank, lanciata dal gruppo Intesa Sanpaolo.

Questo cambiamento è stato anticipato, ma ha comunque sorpreso molti correntisti. Per verificare se il tuo account è stato trasferito, ti consigliamo di controllare le notifiche sull’applicazione, poiché la comunicazione avviene esclusivamente tramite questo canale.

Cosa cambia per gli IBAN

Uno dei principali aspetti di interesse per i correntisti riguarda l’International Bank Account Number (IBAN), il codice necessario per ricevere e inviare denaro. Questo cambiamento richiederà agli impiegati di fornire il nuovo IBAN ai loro datori di lavoro.

Tuttavia, non c’è motivo di preoccuparsi. Hai un intero anno, fino al 16 ottobre 2024, per abituarti al nuovo IBAN. Durante questo periodo, la banca si occuperà di trasferire automaticamente i bonifici dal vecchio al nuovo IBAN. Questo significa che per il prossimo anno, i tuoi stipendi saranno ancora accreditati come al solito. Tuttavia, dopo questo periodo, il trasferimento dei bonifici dal vecchio all’IBAN nuovo non sarà più consentito.

Questo processo è stato chiarito da Intesa Sanpaolo in una delle comunicazioni ufficiali riguardanti il passaggio a Isybank. Riceverai il nuovo IBAN tramite l’applicazione circa 30 giorni prima del passaggio effettivo.

Cosa cambia per le carte di credito

Per quanto riguarda le carte di credito, non ci saranno problemi. Le carte Intesa Sanpaolo potranno essere utilizzate fino alla loro data di scadenza, proprio come sarebbe stato prima del passaggio a Isybank. Lo stesso vale per il PIN, che può essere recuperato tramite la funzionalità “Recupera PIN” all’interno della sezione “Carte” dell’app Isybank nel caso in cui lo dimenticassi.

Tuttavia, è importante sottolineare che ogni cliente deve attendere la comunicazione specifica del passaggio alla nuova banca. Inoltre, nella nuova app, saranno trasferite anche tutte le tue informazioni e documenti prodotti negli ultimi dieci anni con Intesa Sanpaolo.

Per coloro che potrebbero essere infastiditi da questo cambiamento e desiderano esplorare alternative, c’è la possibilità di chiudere il conto. Solo in questo modo è possibile effettivamente recedere da Isybank e optare per un’altra istituzione bancaria.

Il passaggio da Intesa Sanpaolo a Isybank è quindi già iniziato, e ora hai una panoramica chiara dei cambiamenti chiave che coinvolgono gli IBAN e le carte di credito.

Ricorda di verificare costantemente l’applicazione per le notifiche e le informazioni specifiche sulla tua migrazione. Inoltre, assicurati di prendere in considerazione le tue esigenze finanziarie personali mentre valuti le tue opzioni in questa fase di transizione.

Esiste la possibilità di comprare azioni Intesa Sanpaolo per diversificare il portafoglio con questi due broker:

eToro: il broker permette l’acquisto di azioni italiane reali e offre inoltre la possibilità di replicare le strategie dei trader più esperti attraverso il social trading. Con eToro, gli investimenti diventano accessibili a tutti, poiché l’importo minimo richiesto per iniziare è solamente di 50 dollari. Optando per i CFD è anche possibile fare pratica con un conto demo gratuito da 100 mila euro virtuali. Più informazioni sul sito eToro

FinecoBank: 50 ORDINI GRATUITI, 12 mesi a zero canone. Inoltre Fineco è anche sostituto mdi imposta per i clienti con residenza in Italia. Per quello che riguarda o costi, le commissioni calano all’aumentare dell’attività di trading > Maggiori info sul sito ufficiale, clicca qui >

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram