Petrolio e dollaro esiste sì una correlazione, ma inversa. Infatti quando il prezzo del greggio aumenta spesso il dollaro americano tende a deprezzarsi.  Il petrolio è una materia prima fondamentale in quanto grazie alla sua raffinazione abbiamo il carburante per la maggior parte dei mezzi di trasporto. Con lo sviluppo di motori più eco sostenibili questa materia prima rischia col tempo di perdere la sua importanza.

✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

Qual è la correlazione fra petrolio e dollaro? Perché esiste un legame fra la materia prima e la valuta statunitense?

La correlazione fra petrolio e dollaro

La prima correlazione principale fra petrolio e dollaro è dovuta al fatto che i barili della materia prima vengono scambiati proprio nella valuta americana. Questo porta tendenzialmente a un andamento opposto fra loro. E’ per questo motivo che si parla di correlazione inversa.

Il prezzo del greggio è determinato dalla domanda e dall’offerta. Esso viene scambiato nel mercato delle commodities, proprio come l’oro, l’argento e le altre materie prime. Il dollaro statunitense è una delle valute più scambiate nel Forex.

È bene specificare che esistono due quotazioni diverse riguardanti il petrolio. Il Brent è quotato a Londra e corrisponde al petrolio estratto nel Mare del Nord, mentre il WTI non è altro che il greggio americano, quotato a New York.

Il motivo per cui la correlazione prevalente tra petrolio e dollaro è di tipo inverso deriva dal fatto che il greggio è quotato in dollari e ciò fa forte impatto sul commercio internazionale. In linea di principio nella correlazione inversa tra dollaro e petrolio succede questo:

  • se il valore del dollaro sale allora con la stessa quantità di denaro si può comprare una maggiore quantità di petrolio (ciò determina un calo dei prezzi)
  • se il valore del dollaro scende, allora per comprare una determinata quantità di petrolio bisogna usare più dollari (ciò determina una rialzo del prezzi)

A titolo di esempio ricordiamo quanto avvenuto tra il 2014 e il 2016 quando il prezzo del petrolio andò a picco. Ebbene in quella circostanza il biglietto verde fu tra i protagonisti del mercato in quanto al centro di un forte apprezzamento.

Attenzione però a non consolidare una legge la correlazione inversa tra petrolio e dollaro. In realtà, infatti, il rapporto tra i due asset è imperfetto e non potrebbe essere diversamente visto che l’oil non è il solo fattore che influenza il mercato del Forex. Quest’ultimo, infatti, è soprattutto influenzato dalle decisioni di politica monetaria delle banche centrali. Ad esempio se la Federal Reserve adotta della decisioni importanti sui tassi è lì che i trader guardano e non al petrolio.

Ovviamente vale anche il principio inverso per cui il prezzo del petrolio, oltre che dal dollaro e prima del dollaro, è condizionato da market mover più diretti. Vedremo quali sono nel prossimo paragrafo.

Cosa definisce il prezzo del petrolio?

Abbiamo visto come il prezzo del petrolio non sia del tutto dipendente dall’andamento del dollaro, la correlazione inversa infatti non è così forte come quella vigente con l’oro. Nonostante anche quest’ultimo abbia un mercato non strettamente finanziario, come per esempio la gioielleria, il greggio ha anche un grandissimo mercato non finanziario grazie al suo enorme utilizzo nella vita di tutti i giorni.

Ad influenzare il prezzo del greggio è anche la produzione stessa. Negli ultimi anni il crollo del prezzo del petrolio ha portato l’OPEC a tagliare la produzione di greggio per stabilizzare i prezzi ed evitare che la materia prima si deprezzasse troppo.

OPEC è l'acronimo di Organization of the Petroleum Exporting Countries, in italiano Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio. Questa racchiude 12 Nazioni produttrici di oro nero che associandosi negoziano con le compagnie petrolifere il prezzo e la produzione di greggio. La sua sede è a Vienna.

D’altro canto gli Stati Uniti hanno affinato la tecnica dell’estrazione del petrolio scisto, in inglese shale oil, che viene prodotto dai frammenti di rocce di scisto bituminoso attraverso i processi di pirolisi, idrogenazione o dissoluzione termica.

Non facendo parte dell’OPEC gli Stati Uniti non hanno posto freni alla produzione di petrolio limitando così gli effetti della politica di tagli decisa dall’organizzazione con sede a Vienna.

Come fare trading sul petrolio su Plus500

Plus500 logo

Sulla piattaforma Plus500 investire sul petrolio è molto facile grazie all’utilizzo dei CFD. I Contratti per Differenza (CFD) sono strumenti finanziari soggetti a leva, dunque tutti i guadagni e le perdite saranno correlati al valore ultimo raggiunto grazie a questa. Per fare un esempio in un investimento di 100€ con una leva a 1:100, bisognerà tenere in considerazione la cifra di 10.000€.

Uno dei vantaggi dei CFD è la possibilità di guadagnare anche nel momento in cui il prezzo del petrolio è in calo. In questo caso si parla di short trading ossia investimenti al ribasso. Poichè operare in questo modo richiede una cerca esperienza è sempre consigliabile fare prima pratica con un conto demo gratuito. Plus500 mette a disposizione 40mila euro virtuali per imparare a fare trading senza correre il rischio di perdere soldi veri.

Prova gratis la piattaforma Plus500

Come fare trading sul petrolio su eToro

Il broker eToro consente ai propri utenti di poter fare trading sull’oro nero. Sulla piattaforma è possibile infatti investire anche su tutte le maggiori materie prime, in inglese commodities. Il petrolio, insieme all’oro, è una di quelle gettonate e il suo valore ha una volatilità maggiore rispetto a quello del metallo giallo.

Anche per ciò che riguarda il petrolio è possibile usufruire della funzione del copy trading. Infatti gli utenti potranno replicare l’attività dei trader più popolari e redditizi in totale libertà e trasparenza. Prima di scegliere il trader di riferimento è bene ricordare che ognuno di loro ha una personale strategia basata su un time frame determinato. Quindi se preferite operare nel breve termine non è consigliabile la replica delle operazioni di un trader che pensa ai propri investimenti sul lungo periodo.

Apri un conto su eToro

Leggi anche:

Correlazione tra valute e materie prime: il caso del dollaro USD

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.