Capire quali sono i fattori economici che influenzano i titoli azionari è indispensabile per chi vuole investire nel mercato azionario. Infatti la sola analisi tecnica non basta e spesso le azioni salgono e scendono per motivi diversi, che vedremo nel corso della nostra guida.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Lo studio sui fattori economici che influenzano i titoli azionari possono ricondursi a quella che generalmente si chiama analisi fondamentale. Infatti essa tenta di capire qual è il valore intrinseco di un titolo a prescindere dall’analisi tecnica, ma controllando solamente i fattori economici che possono variare l’andamento futuro del titolo.

Comprendere quali titoli possano avere del potenziale è molto difficile, ma non impossibile. Esistono diversi fattori economici che ci possono aiutare a capire se un titolo azionario può aumentare di prezzo o meno, vediamo quali sono.

Fattori Qualitativi e Quantitativi

Innanzitutto è bene distinguere quali sono i fattori qualitativi e quali sono quelli quantitativi. Entrambi i fattori infatti influenzano il prezzo delle azioni.

Cosa si intende con questi due termini?

  • Quantitativi: si intendono tutte quelle cifre relative a un segmento di mercato di riferimento o alla società stessa, come per esempio il bilancio.
  • Qualitativi: si intende tutto ciò che sta alla base della società, come la popolarità del brand, delle persone che la guidano ed effettivamente cosa offre o produce l’azienda.

Compresa la differenza fra i fattori qualitativi e quantitativi, vediamo quali sono quelli da analizzare per capire il valore intrinseco di una società.

Vuoi simulare un investimento in borsa senza rischi? Puoi provare il conto demo gratuito di eToro. Con 100.000$ virtuali a disposizione puoi fare tutti i test che vuoi e soprattutto senza depositare denaro.

Scopri il conto demo gratuito di eToro da 100.000$ virtuali!

Fattori qualitativi da analizzare

I fattori qualitativi non hanno un’importanza secondaria, ma sono anche loro fondamentali nella scelta dell’investimento da realizzare. Infatti basarsi solo sugli utili di una società non è sufficiente e bisogna avere un quadro più ampio della situazione.

Prima di guardare gli elementi quantitativi (come gli utili) è importante osservare alcuni fattori economici qualitativi:

  • Modello di business: cosa effettivamente vende o produce la società? Da cosa dipendono le entrate e le uscite finanziarie?
  • Settore: a quale settore appartiene la società? Si tratta di un settore in crescita?
  • Originalità: offre servizi unici? Oppure c’è molta concorrenza nel suo segmento di mercato?
  • Persone: chi guida la società? La dirigenza è efficace?

Tutte queste domande è giusto porsele prima di investire su un titolo azionario, ma in ogni caso non sono sufficienti per avere una panoramica generale.

Fattori quantitativi da monitorare

Distrazioni trading

Chiaramente per avere un quadro più completo serve anche studiare i fattori quantitativi, che si rifanno direttamente alle cifre verificate sulla società, come il bilancio, ma non solo.

Fra i fattori quantitativi da monitorare possiamo citare i seguenti tre:

  1. EPS (Utile per azione o Earnings Per Share): profitto della società diviso per il numero medio delle azioni in circolazione, o azioni attualmente sul mercato.
  2. P/E Ratio (Price-to-earning ratio): rapporto tra il costo di un titolo aziendale rispetto al guadagno aziendale su base azionaria; questo viene calcolato dividendo il prezzo delle azioni dai guadagni della società per azione (EPS).
  3. ROE (Return on equity): rapporto fra risultato e il patrimonio netto di una società. Il Roe misura sostanzialmente gli utili di un’azienda.

Questi tre fattori sono fondamentali per comprendere la stabilità della società su cui vuoi investire, in particolare soffermiamoci sul P/E Ratio, che indica se un’azione è value o è growth.

Se il rapporto price/earning è basso si tratta di azioni value. Questi titoli sono di società con un valore intrinseco molto vicino al prezzo sul mercato e sono tendenzialmente società stabili.

Se invece il P/E Ratio è alto parliamo di azioni growth, ovvero società con potenziale, ma ancora poco stabili. In questa categoria troviamo per esempio le società giovani, che ancora non producono molti utili, ma promettono bene per il futuro.

Dove fare trading azionario

Vediamo ora dove mettere in pratica le nozioni oggi imparate. Prima di investire ti consigliamo sempre di provare un con un conto demo gratuito, che ti permette di simulare investimenti senza utilizzare denaro reale, ma di operare in un ambiente demo.

Oggi parleremo di due broker per azioni, eToro e Plus500 e vediamo di approfondirli entrambi, spiegando le loro diversità e i loro vantaggi.

1 – eToro

Comprare azioni Pfizer su eToro
Comprare azioni su eToro

Il broker eToro è uno dei migliori broker di social trading, che ti permette sia di comprare azioni sia di fare trading CFD sulle azioni. Se vuoi discutere di titoli azionari su un forum sicuramente capirai il potenziale del trading condiviso con altre persone!

Inoltre grazie al copy trading puoi copiare le operazioni degli altri investitori e partecipare alle loro performance nel trading!

  • Regolamentazione: CySEC (Cipro), FCA (Regno Unito) e ASIC (Australia).
  • Piattaforme: possibilità di investire sui titoli azionari con 0% commissioni sia dal computer che dallo smartphone.
  • Deposito minimo: 200$
  • Vantaggi: Social trading e copy trading
  • Conto demo: gratuito e 100.000$ virtuali a disposizione

Vuoi saperne di più e fare trading su azioni su eToro?

Testa la piattaforma di eToro gratis! Per te subito 100.000$ virtuali da investire con simulazioni su qualsiasi asset disponibile sulla piattaforma!

Prova il conto demo gratuito di eToro!

2 – Plus500

Plus500 è un broker interamente CFD, dunque abbastanza diverso da eToro, ma è anch’esso un eccellente broker, anzi per chi vuole fare solo trading CFD è la scelta migliore!

Se sei appassionato di calcio forse conoscerai Plus500 perché è oggi sponsor dell’Atalanta e in precedenza lo è stato dell’Atletico Madrid.

Comprare azioni Pfizer su Plus500
Negoziare azioni su Plus500
  • Regolamentazione: CySEC (Cipro) , FCA (Regno Unito) , FMA (Nuova Zelanda), FSCA (Sudafrica), FSA (Seychelles), IE (Singapore) e ASIC (Australia).
  • Piattaforme: di proprietà sia webtrader che mobile.
  • Deposito minimo: 100€.
  • Vantaggi: Gran numero di asset finanziari e spread bassi.
  • Conto demo: gratuito e 40.000€ virtuali disponibili.

Con i CFD su Plus500 troverai molti asset finanziari. Con il conto Plus500 puoi infatti investire non solo sulle azioni, ma anche su tanti altri titoli azionari e su tanti altri mercati.

Anche Plus500 ti consente di aprire un conto demo gratuito con 40.000€ virtuali disponibili. Vuoi provarlo? Testalo ora, gratis e senza rischi!

Testa Plus500 con un conto demo gratis!
1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC, Consob, CNMV, BaFin, KNF
Strumenti Intregrati
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.