• bitcoinBitcoin€7,144.231.69%
  • ethereumEthereum€228.342.85%
  • rippleXRP€0.3561031.09%
Indice Dow Jones: grafico e quotazione in tempo reale

Indice Dow Jones: grafico e quotazione in tempo reale

  • Di RobertoR
  • Pubblicato il 29 Giugno 2017
  • Aggiornato il 30 Aprile 2019

Il Dow Jones è un indice di Borsa in grado di misurare l’andamento di 30 titoli azionari quotati sul mercato regolamentato di New York (New York Stock Exchange o, più brevemente, NYSE). Si tratta di un indice particolarmente significativo sullo stato di salute di tale piazza finanziaria, considerato che da soli, questi 30 titoli sono comunque in grado di pesare per circa un quarto del valore totale dei titoli quotati. Ne consegue che l’andamento del Dow Jones è certamente un buon indicatore della prestazione del mercato statunitense nel suo complesso.

Cos’è l’indice Dow Jones e cosa significa

Indice Dow Jones: grafico e quotazione in tempo reale

Indice Dow Jones

Indice Dow Jones: grafico e quotazione in tempo reale

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Chiarito brevemente, in tale introduzione, che cosa sia l’indice Dow Jones, possiamo certamente compiere qualche passo di approfondimento nel tentativo di comprendere non solamente che cosa significhi e quali siano le sue utilità, bensì anche come si sia “formato” nel corso degli anni.

In tal senso, bene ricordare come le origini del Dow Jones siano molto remote nel tempo. Era infatti il 1884, quando tre giornalisti americani (Charles Dow, Edward Jones e Charles Bergstresser) scelsero di creare il suddetto indice presso la propria società (la Dow Jones and Company), un’azienda attiva tutt’oggi. Da quel momento in poi, come tra breve vedremo, non sono state certamente poche le variazioni formali e sostanziali dell’indice.

Quotazione Dow Jones: grafico in tempo reale

Dow Jones composizione: quali aziende ne fanno parte

Fanno parte del Dow Jones le 30 imprese industriali statunitensi più “redditizie” del mercato, senza tenere invece conto della capitalizzazione (ovvero del peso delle società coinvolte), come invece accade nella strutturazione di altri indici. Si tenga anche in valutazione che non sempre l’indice Dow Jones è stato rappresentato da 30 azioni: originariamente la sua composizione prevedeva 12 società del settore industriale e, di queste, solamente la General Electric fa parte dell’indice attuale, sebbene in maniera non continuativa (uscì nel 1898 per poi rientrarvi nel 1899, e ancora uscì nel 1901 per potervi rientrare nel 1907). Ne deriva che nessuna azienda è sempre stata all’interno del paniere di titoli del Dow Jones.

Peraltro, proprio il limitato “recinto” del paniere delle società incluse nell’indice ha di fatto determinato una graduale perdita di importanza dello stesso, che è stato “superato” nella preferenza di valutazione sintetica da altri concorrenti. Naturalmente, il fatto che il Dow Jones abbia parzialmente perso la sua popolarità non ha certamente determinato una assoluta dimenticanza da parte degli analisti e degli investitori, che ancora oggi lo apprezzano per la sua sinteticità interpretativa.

Attualmente, l’indice è composto dai seguenti titoli:

  • MMM 3M
  • AXP American Express
  • AAPL Apple
  • BA Boeing
  • CAT Caterpillar
  • CVX Chevron
  • CSCO Cisco
  • KO Coca-Cola
  • DOW Dow
  • XOM Exxon Mobil
  • GE General Electric
  • GS Goldman Sachs
  • HD Home Depot
  • IBM IBM
  • INTC Intel
  • JNJ Johnson & Johnson
  • JPM JPMorgan Chase
  • MCD McDonald’s
  • MRK Merck
  • MSFT Microsoft
  • NKE Nike
  • PFE Pfizer
  • PG Procter & Gamble
  • TRV Travelers Companies Inc
  • UTX United Technologies
  • UNH UnitedHealth
  • VZ Verizon
  • V Visa
  • WBA Walgreens Boots Alliance Inc
  • WMT Wal-Mart
  • DIS Walt Disney Company

Come si calcola

Tornando al meccanismo di calcolo dell’indice, ribadiamo come il suo valore – contrariamente a quanto avviene con altri indici che tendono conto esclusivamente della capitalizzazione delle società coinvolte – soppesi il prezzo dei 30 principali titoli di Wall Street.

Per poter calcolare il Dow Jones vengono sommati i prezzi di tutte le 30 azioni, da dividere poi per il divisore Dow, che viene nel tempo adeguato per poter tenere efficacemente in considerazione i cambi di composizione delle azioni, gli aumenti di capitale e le altre operazioni straordinarie, in maniera tale che tali interventi non alterino il valore dell’indice.

Per quanto concerne il divisore, inizialmente il Dow era composto dal numero delle società componenti, mentre attualmente il valore – in seguito a numerosi aggiustamenti che si sono succeduti negli anni – ha assunto un numero inferiore a 1 (con la conseguenza che il valore dell’indice è oggi maggiore della somma dei suoi componenti).

Da quanto sopra possiamo trarre una semplice riflessione: l’indice Dow Jones era – ma non è più – una media dei prezzi delle azioni. L’abitudine a trattare l’indice come una media svanì nel 1928, quando il Dow fu allargato da 20 (in precedenza 12) a 30 titoli, con introduzione di un coefficiente aggiustato ogni volta che un componente veniva frazionato, affinché l’indice tornasse coerente con quello che era in precedenza. Il frazionamento ha ridotto negli anni il peso del divisore, tanto che – come abbiamo già anticipato – il 27 maggio 1986 è sceso sotto l’unità, dove è rimasto fino ad oggi (pertanto, considerato che il divisore è inferiore a 1, possiamo in realtà parlare di “moltiplicatore”).

Investire con eToro sull’indice Dow Jones: come e perché?

Indice Dow Jones: grafico e quotazione in tempo reale

eToro popular investor: scorpi di più!

Se vuoi investire in modo serio e professionale sull’indice Dow Jones, non puoi non esimerti dal farlo con eToro.

Puoi scegliere con eToro di investire in modo serio e  professionale sui principali titoli azionari mondiali, come anche sui princiali indici. Inoltre è una piattaforma di trading online affidabile, seria e professionale.

Tra le caratteristiche di trading che meglio vengono espresse con eToro, vi sono alcuni vantaggi importanti legati ad essa:

  1. è una piattaforma di trading regolamentata da oltre 10 anni;
  2. oggi conta la sua presenza in oltre 150 Nazioni;
  3. ha ottenuto premi e riconoscimenti di natura internazionale inerenti anche a: broker innovativo;
  4. miglior broker Account manager;
  5. offre u’ampia scelta di strumenti di trading: tra cui Forex e CFD per azioni, commodities e indici;
  6. piattaforma di trading compatibile con la versione Desktop, tablet, cellulare;
  7. piattaforma di proprietà;
  8. conto demo illimitato;
  9. fondi segregati e garantiti, detenuti in conti separati rispetto a quelli del broker.
CONTO DEMO

Apri un conto Demo eToro

Prova il trading Forex e CFD con il conto demo illimitato di eToro; eToro ti permette di guadagnare con il copy trading e il social trading.

Quotazione Dow Jones su Plus500

Indice Dow Jones: grafico e quotazione in tempo realePlus500 è un broker CFD che mette a disposizione il trading su moltissimi mercati. Sono presenti indici provenienti da tutto il mondo, tra cui ovviamente l’indice Dow Jones.

Plus500 ha spread competitivi e non chiede commissioni di alcun tipo. Ciò costituisce uno dei vantaggi del broker, oltre a una piattaforma user-friendly.

Così come eToro, anche Plus500 offre un conto demo gratuito, grazie al quale potrete esplorare la piattaforma del broker e testare la vostra conoscenza sui mercati finanziari CFD senza alcun rischio!

CONTO DEMO

Conto Demo gratuito Plus500

Indice Dow Jones su 24option

Indice Dow Jones: grafico e quotazione in tempo reale24option è un broker che si sta imponendo sul mercato in Italia e in Europa. A riprova di questo rileviamo che esso è sponsor ufficiale della Juventus, la squadra più titolata d’Italia.

Nato come broker per opzioni binarie, 24option si è dedicato interamente ai CFD, portando il broker ad ampliare il proprio raggio d’azione.

Oggi 24option offre la possibilità di negoziare molti asset finanziari, tra cui l’indice Dow Jones, oltre anche ad altri indici statunitensi e mondiali.

Come gli altri broker appena citati anche 24option offre un conto demo gratuito. Per testare le piattaforme clicca qui sotto!

Testa le piattaforme di 24option con un conto demo gratuito da 100.000 euro virtuali su 24option!
Migliori Broker Trading Forex e CFD
# Broker Dettagli
1eToro Licenza: CySEC-FCA
Social Trading
Deposito min: 200 $
DEMO
Opinioni eToro 5 stelle
2Plus500 Licenza: FCA-CySEC-ASIC
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni Plus500 5 stelle
324Option Licenza: CySEC
Conto demo gratuito
Deposito min: 250 €
DEMO
Opinioni 24Option 5 stelle
4ITRADER Licenza: CySEC, MIFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 250 $
DEMO
Opinioni ITRADER 5 stelle
* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Lascia un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk