Meteofinanza search
Meteofinanza.com - martedì, 24 aprile 2018

Bitcoin, nuovi fork nel 2018?

Bitcoin, nuovi fork nel 2018?Il 1° agosto 2017, con la creazione di Bitcoin Cash, ha rappresentato probabilmente un duro colpo alla community di Bitcoin. Che, per carità, ha tuttavia ben reagito, dimostrando non solamente che Bitcoin può tollerare bene anche scissioni piuttosto gravi come quella del Cash, quanto anche che il futuro di Bitcoin contempla anche uno scenario in cui la n. 1 delle criptovalute potrebbe riservare ancora qualche valore aggiunto, perfino agli occhi dei più scettici.

Ad ogni modo, Bitcoin Cash è un recente passato, e gli analisti sembrano molto più interessati a capire che cosa accadrà nel 2018, anno che sembra potersi contraddistinguere per ulteriori fork, grazie al fatto che – sostiene ben più di qualcuno – alcune aziende cercheranno di monetizzare il familiare nome proprio attraverso nuove scissioni.

Al di là di ciò, appare chiaro come Bitcoin Cash sia stato il fork più noto di Bitcoin, tanto da rendere oggi questa criptovaluta una delle prime cinque valute virtuali in termini di capitalizzazione di mercato. I fork Bitcoin sono però stati molto più numerosi: nel 2017, anche se non tutti se ne sono accorti, sono avvenute 19 scissioni, mentre secondo lo stratega Lex Sokolin per il 2019 potrebbero essercene almeno 50, con esiti vari sulla sostenibilità del progetto originario.

Come se non bastasse, non è possibile escludere che quel numero possa ancora aumentare ulteriormente, visto che di servizi utili per poter predisporre una scissione ne esistono in misura crescente, rendendo dunque la possibilità di creare dei “cloni” di Bitcoin un programma alla portata di (quasi) chiunque. E tutto ciò, ovviamente, avrà un grande effetto nel mercato delle criptovalute, come peraltro recentemente ribadito su Twitter dal gestore di hedge fund Ari Paul, secondo cui sia Bitcoin che Bitcoin Cash continueranno a scindersi, tanto che almeno il 10% del valore di ciascuna di queste due criptovalute verrà “migrato” su nuovi asset.

Che cosa è un fork

Ma che cosa è un fork? Come evidente, ci sono una serie di buoni motivi per poter replicare e sviluppare la blockchain originaria di Bitcoin. Alcuni lo fanno, come nel caso di Bitcoin Cash, per poter apportare dei miglioramenti ad alcuni aspetti della vecchia moneta. Altri invece possono avere motivazioni completamente diverse. Come ricorda George Kimionis, amministratore delegato di Coinomi:

Sfortunatamente, la maggior parte dei progetti basati su fork che oggi possiamo vedere, sono una semplice presa di denaro. Guardando indietro di qualche anno potremmo renderci conto che erano solo piccoli cambiamenti promossi dagli investitori, accecati dagli aumenti dei prezzi di Bitccoin, piuttosto che tentativi onesti di contribuire all’ecosistema Blockchain.

Kimionis stima altresì che vi sarà una nuova fase di vita nel mercato ICO, con l’euforia iniziale che andrà a diminuire. Rhett Creighton, che sta lavorando al prossimo fork Bitcoin Private, evidenzia invece che

i fork Bitcoin sono una specie di nuovo altcoin. Vedremo ora un mucchio di fork avvicinarsi, e alcuni saranno in grado di generare criptovalute che occuperanno alcuni dei migliori cento posti di mercato.

Migliori Broker Opzioni Binarie
# Broker Dettagli
1IQ Option Licenza: Cysec
*Payout: 91%
Deposito min: 10$
DEMO
Opinioni IQ Option 5 stelle
2Dukascopy Licenza: FCMC - MiFID
*Payout: 90%
Deposito min: 100$
DEMO
Opinioni Dukascopy 4 stelle
*per singolo trade vincente

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Termini di ricerca:

  • come funziona investire in bitcoin

*Your capital might be at risk.

Meteofinanza.com

conto demo